Keystone
RUSSIA
15.05.18 - 16:040
Aggiornamento 18:09

Putin su un "Kamaz" inaugura il ponte in Crimea: «Un sogno che si avvera»

Il controverso ponte sullo stretto di Kerch è stato completato con sei mesi di anticipo rispetto al cronogramma. Kiev: «La costruzione del ponte è illegale»

MOSCA - Il presidente russo Vladimir Putin ha inaugurato il controverso ponte sullo stretto di Kerch, in Crimea, guidando personalmente un camion "Kamaz". Il ponte è stato completato con sei mesi di anticipo rispetto al cronogramma anche se, per la parte dedicata al traffico ferroviario, bisognerà attendere un altro anno.

Putin ha guidato un corteo di 36 camion pesanti "Kamaz", che hanno raggiunto la velocità massima consentita di 40 chilometri orari. Il ponte aprirà al traffico veicolare pubblico domani.

«Tutto il Paese ha contribuito alla costruzione di questa opera», ha detto Putin nel corso della cerimonia sottolineando che sono state utilizzate unicamente tecnologie russe.

Putin, salendo a bordo del camion, ha esclamato "poekhali!" - in russo, "pronti via!" - citando Yuri Gagarin, che usò la stessa espressione il 12 aprile 1961 montando a bordo della Vostok 1 per il primo volo dell'umanità nello spazio.

Il convoglio è partito alle 14:47 dalla Russia continentale e ha raggiunto la cittadina di Kerch, in Crimea, alle 15:06. Il ponte è lungo 19 chilometri ed è costato 3,7 miliardi di dollari.

«Un sogno che si avvera» - Il presidente russo Vladimir Putin ha definito l'apertura del ponte sullo stretto di Kerch «un evento storico. Un miracolo si è avverato», ha detto in occasione della cerimonia di apertura.

«Mi congratulo sinceramente per questa straordinaria e veramente storica giornata, nel pieno significato di questa parola. È storica perché in diverse epoche, anche durante la dominazione zarista, si è sognato di costruire questo ponte così come negli anni '30 del secolo scorso, negli anni '40 e '50 e, infine, grazie al vostro lavoro e al vostro talento, questo progetto, questo miracolo, si è avverato», ha detto Putin rivolgendosi agli operai.

Il presidente russo ha ringraziato separatamente i responsabili del progetto che «senza alcuna esagerazione hanno messo gli interessi generali dello stato al di sopra dei loro interessi personali».

Il presidente russo ha anche espresso gratitudine agli ingegneri dell'esercito, agli ecologisti, agli archeologi, agli scienziati, ai progettisti, agli ingegneri e ai lavoratori coinvolti nell'attuazione del progetto. «Oltre 10'000 persone lavorano in questo cantiere mentre al culmine del lavoro ha coinvolto più di 15'000 persone, quasi 220 imprese nei settori correlati e, in realtà, l'intero Paese ha lavorato per questa struttura», ha detto Putin. Struttura che contribuirà «a sviluppare l'economia della Crimea e di Sebastopoli con un nuovo ritmo e porterà un miglioramento degli standard di vita».

Kiev: «La costruzione del ponte è illegale» - Il Ministero degli Esteri dell'Ucraina ha espresso la sua forte protesta contro l'apertura del ponte sullo stretto di Kerch, in Crimea, e ha ancora una volta sottolineato che la costruzione di questa struttura senza il consenso dell'Ucraina è illegale.

«Tali azioni di Mosca contraddicono le norme e i principi del diritto internazionale generalmente riconosciuti, violano gravemente la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare del 1982 e gli obblighi del trattato bilaterale nei confronti dell'Ucraina», ha detto il ministero in una dichiarazione citata da Unian.

«La costruzione del ponte, come qualsiasi altra azione della Russia, non può in alcun modo modificare lo status della Repubblica autonoma di Crimea e della città di Sebastopoli, che sono parti integranti del territorio ucraino», ha aggiunto.
 
 

Potrebbe interessarti anche
Tags
crimea
putin
ponte
presidente russo
kamaz
presidente
kerch
camion
sogno
detto putin
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report