Keystone
MONDO
07.02.18 - 20:480

Traffico di carte di credito nel dark web, colpiti 16 Paesi

Dalla vendita dei codici e dei dati bancari sottratti i membri dell'organizzazione hanno ricavato un bottino di oltre 530 milioni di dollari. Tredici arresti, uno dei quali in Italia

NEW YORK - Numeri di carte di credito e codici bancari sottratti a ignari cittadini e venduti nel dark web, 16 Paesi coinvolti in tutto il mondo, un bottino accumulato dai membri dell'organizzazione di oltre 530 milioni di dollari. È il bilancio di un'operazione condotta dalla Homeland security investigation (Hsi) statunitense e dalla Polizia di Stato italiana che ha portato in totale all'arresto di 13 persone, una delle quali nella vicina Penisola.

In manette è finito un uomo residente nella provincia di Napoli il cui nickname era "Dannylogort": gli uomini della sezione financial cybercrime e del compartimento Campania della polizia Postale, in collaborazione con l'Hsi, gli hanno notificato il mandato di cattura internazionale nel quale l'italiano è accusato di «aver fatto parte attivamente all'organizzazione criminale fin dal 2010».

Il presunto capo dell'organizzazione del traffico della carte di credito era invece un ucraino arrestato la scorsa settimana in Thailandia: amministrava il portale - con centinaia di utenti - che forniva qualsiasi tipo di «crime service»: possibilità di acquistare o vendere malware, tecniche di hacking, bootnet. E, ovviamente, codici di conti correnti bancari e carte di credito. E proprio quest'ultimo aspetto era quello di cui si occupava l'italiano: un soggetto considerato "vip" tra i frequentatori della community che ha un passato di gestore di sale scommesse online.

Secondo quanto accertato dalle indagini, l'organizzazione aveva focalizzato proprio la sua attività sulla compravendita di migliaia di carte di credito rubate o anche clonate, di codici di verifica (Cvv) per l'uso delle stesse carte online, di codici di accesso a servizi di home-banking e di altri dati personali e riservati appartenenti a migliaia di vittime in tutto il mondo.

Per rendere ancora più difficile il lavoro delle forze di polizia che erano sulle sue tracce, l'organizzazione utilizzava "Liberty Reserve", una piattaforma di scambio di cryptomonete virtuali utilizzata in passato da criminali di tutto il mondo per il compimento di attività illecite e chiusa nel 2013 dagli Stati Uniti al termine di un'indagine che si concluse con la condanna del fondatore Arthur Budovsky a 20 anni di reclusione per riciclaggio internazionale.
 
 

TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
REGNO UNITO
25 min
Arriva il 22esimo figlio, si allarga The Radford family
Sue e Noel Radford hanno annunciato una nuova gravidanza, sperano di avere un maschietto
FOTO E VIDEO
NORVEGIA
2 ore
Ruba un'ambulanza e si lancia sui pedoni, diversi i feriti
L'uomo è stato fermato dalla polizia. Sono stati travolti due gemelli di sette mesi a bordo di un passeggino
REGNO UNITO
2 ore
Riprendono i voli per Sharm el-Sheik dopo 4 anni
È stato cancellato il bando imposto nel 2015 per motivi di sicurezza
STATI UNITI
3 ore
Il buco dell'ozono è ai minimi dal 1982 (ma è una buona notizia solo a metà)
Perché è probabile che c'entri il riscaldamento globale, sostengono gli esperti: «Positivo, ma non è un segno di recupero»
ITALIA
5 ore
Il suo cuore si ferma a 14 anni, mentre fa ginnastica
Dramma in provincia di Treviso. Il padre: «E ora chiedo giustizia»
STATI UNITI
9 ore
Quei mini-cervelli cresciuti in provetta che fanno discutere
Sono una delle ultime grandi scoperte della neurologia con un grande potenziale medico ma, per alcuni, il rischi di “andare al di là“ dell'etico c'è
REGNO UNITO
18 ore
Aborto e matrimonio gay in Irlanda del Nord
È l'effetto della paralisi del governo e del parlamento locali di Belfast che trasferisce ora temporaneamente la potestà legislativa al parlamento britannico
ISRAELE
20 ore
Netanyahu rinuncia a formare il governo
È la seconda volta in sei mesi che il leader del Likud fallisce, ora dovrebbe toccare a Benny Gantz
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile