keystone
IRLANDA
12.10.17 - 13:240
Aggiornamento : 14:54

L'uragano Ophelia minaccia l'Irlanda

Metterà in pericolo sia la popolazione che gli edifici

DUBLINO - L'uragano Ophelia minaccia l'Irlanda e l'Inghilterra, che dovrebbero finire nella sua traiettoria domenica sera mettendo in pericolo sia la popolazione che gli edifici. È l'allarme lanciato dalla climatologa italiana Marina Baldi dell'Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche, secondo la quale è questo lo scenario che si prospetta «se l'intensità e la direzione dell'uragano saranno confermate».

«Ora si trova a Sud-Ovest delle Azzorre, in pieno Oceano Atlantico. La velocità è abbastanza modesta, 6 km/h, ma i venti che porta con sé, pari a 140 km/h, sono abbastanza sostenuti».

Venti forti, precipitazioni intense e onde anomale sono i principali pericoli dell'uragano Ophelia per Irlanda e Inghilterra, «essendo questi Paesi abbastanza bassi rispetto al livello del mare»: di conseguenza, precisa Baldi, «sono da prevedere allagamenti e danni».

Ophelia sfiorerà solamente, invece, l'Europa mediterranea: in particolare sabato sera lambirà il Nord-Ovest di Spagna e Portogallo, senza però costituire una minaccia per le popolazioni. L'uragano, che è di categoria 1 in una scala di crescente intensità da 1 a 5, «si è formato - ricorda la climatologa dell'Ibimet-Cnr - nella stessa area dell'Oceano Atlantico tropicale dove hanno avuto origine i devastanti Irma, Maria e Harvey, di categoria 5, che erano accompagnati da venti oltre i 200 km/h». Al momento Ophelia si sta muovendo in direzione Nord-Est.

Non è la prima volta che un uragano investe, sia pure marginalmente, il Vecchio Continente. «I casi più recenti - aggiunge la climatologa - sono quelli dell'uragano Bertha, che nel 2014 provocò danni in Irlanda, Inghilterra e nel Nord della Francia, mentre nel 2011 fu la volta di un'altra Ophelia che colpì l'Europa Occidentale». Nel 2006, poi, ricorda Baldi, «ci fu Gordon, che sfiorò le coste dell'Inghilterra. Ricordiamo poi diversi casi sulle coste della Francia negli anni '80. In Scozia nel '66 poi ci furono delle tempeste tropicali», come era Ophelia prima di trasformarsi in uragano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GIAPPONE
1 ora
Dispositivi elettronici biodegradabili: si fanno passi avanti
Degli scienziati giapponesi hanno testato un apparecchio che in 180 giorni è stato completamente riassorbito dal terreno
FOTO
STATI UNITI
1 ora
Ucciso in servizio: l'ultimo regalo per l’agente a 4 zampe
La polizia di Herriman ha fatto creare un feretro personalizzato per l'ultimo addio a un "collega" dell'unità cinofila
FOTO E VIDEO
ITALIA
9 ore
Dai bar a Piazza del Duomo: è una Milano deserta
Le immagini del capoluogo lombardo, alle prese con la preoccupazione crescente da coronavirus
FRANCIA
9 ore
Gioconda realizzata con cubi di Rubik: venduta per 480'000 euro all'asta
La "Rubik Mona Lisa", realizzata da Invader nel 2005, è stata assemblata mettendo insieme quasi 300 cubi di Rubik
ITALIA
10 ore
Coronavirus: possibile recessione e 2020 in rosso
Gli economisti di banche, istituzioni finanziarie e centri studi stanno lanciando l'allarme
GERMANIA
11 ore
Attacco al carnevale: fra i 7 feriti gravi anche dei bambini
L'aggressore non è noto come estremista. C'è stato un secondo fermo
STATI UNITI
13 ore
Weinstein colpevole: rischia fino a 25 anni di carcere
La giuria ha confermato lo stupro e l'aggressione sessuale, ma non il comportamento predatorio
BRASILE/STATI UNITI
14 ore
Sospeso l'embargo sulla carne bovina brasiliana
Autorità sanitarie statunitensi hanno dato il via libera dopo gli ultimi controlli effettuati ad inizio 2020
ITALIA
16 ore
Coronavirus, i morti sono sei
L'ultima vittima è un 80enne del Lodigiano. La paziente oncologica ricoverata a Brescia è deceduta per altre cause.
NORVEGIA
16 ore
Il fondo sovrano norvegese cerca un nuovo CEO
La nomina arriva in un momento cruciale per il gigantesco Norges Bank Investment Management
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile