Keystone
STATI UNITI / FRANCIA
12.09.17 - 20:050

Uragano Irma: l'emergenza è finita

Sono almeno una cinquantina i morti e ammontano a 50 miliardi di dollari i danni materiali. Per uno che si dissolve, un altro aumenta di forza: arriva José

WASHINGTON - Irma si dissolve in Tennessee, ma si lascia alle spalle un altro uragano in arrivo (José, a circa mille chilometri dalla Florida), una cinquantina di morti (37 ai Caraibi e una decina nel sudest degli Stati Uniti) e danni stimati per ora dagli esperti di assicurazioni sino a 50 miliardi di dollari (contro i 150-200 previsti), che lo rendono uno dei cinque uragani più costosi del Paese.

Sulla sua scia anche un mare di polemiche sul cambiamento climatico, che l'amministrazione Trump continua a ignorare.

Le popolazioni investite dalla sua furia tornano lentamente e difficilmente a vivere nelle loro case, se sono sopravvissute alla distruzione, e cominciano a fare i conti con le prime difficoltà: rischi di corti circuiti fatali, pericoli di infezioni, carenza di cibo, acqua, medicinali e benzina, mancanza di elettricità. La Florida, dopo aver subito il più grande esodo della storia moderna americana (6,5 milioni di persone), è alle prese ora con il blackout più gigantesco mai registrato: 5,5 milioni di utenti senza luce ma anche senza la possibilità di usare condizionatori, frigoriferi, forni, lavatrici e tutti gli altri elettrodomestici. Un numero che sale a 7 milioni se si calcolano anche gli altri Stati investiti da Irma: Georgia, sud Carolina e Alabama. Questa è ora l'emergenza principale e, avvisano le autorità, potrebbero essere necessarie settimane prima di ripristinare la rete.

Il bilancio più grave di danni e vittime riguarda i Caraibi, dove oggi è arrivato il presidente francese Emmanuel Macron, diretto da Guadalupa alle isole di Saint-Martin e Saint-Barth (11 morti, diversi feriti e dispersi) per solidarietà con le popolazioni colpite ma anche per difendere Parigi dalle accuse di inefficienza e ritardi nei soccorsi: il governo francese, ha assicurato, si è preparato «diversi giorni prima» e ha messo in atto «uno dei più grandi ponti aerei dalla Seconda Guerra mondiale». Anche il presidente americano Donald Trump è atteso nei prossimi giorni alle Isole Vergini Usa, stando al governatore, ma la Casa Bianca ha precisato che il piano non è ancora stato confermato.

Il tycoon comunque per ora può dirsi soddisfatto della risposta federale e locale all'emergenza Irma, anche se gli effetti sono stati meno devastanti del previsto, grazie al cambio di traiettoria dell'uragano. Come se Irma avesse voluto evitare le città più grosse, scansando Key West, graziando Miami (anche se l'impatto si è fatto sentire), passando in mezzo a Tampa e Orlando per risparmiare entrambe.

In Florida i danni maggiori, ancora da quantificare, riguardano le Keys, la striscia di isole sulla punta sud care ad Hemingway, dove il 25% delle case è andato distrutto e il 60% danneggiato. Le autorità hanno riaperto le strade solo per alcune di queste isole, invitando alla prudenza. Gli ordini di evacuazione sono progressivamente revocati anche in altre località, come a Miami, dove restano però per strada fango, detriti, alberi spezzati. Riaperte anche tutte le autostrade della Florida, mentre i principali aeroporti hanno ricominciato parzialmente la loro attività, da Miami ad Orlando, da Tampa a Fort Lauderdale. Tra le città ancora paralizzate Jacksonville, che ha subito un allagamento record, e la storica Charleston, Sud Carolina, dove l'acqua ha raggiunto il metro.

Macron nelle Antille - Dopo l'uragano e le critiche a ritardi e insufficienze del dispositivo di prevenzione e intervento, il presidente francese Emmanuel Macron ha visitato oggi le Antille francesi, promettendo una «ricostruzione esemplare» ma difendendo l'operato del governo e chiudendo le polemiche.

Saranno sbloccati 50 milioni e tutti i servizi dello Stato verranno mobilitati - ha promesso Macron, dall'altra parte del mondo durante la giornata delle prime grosse manifestazioni contro la sua riforma del lavoro - per riportare una situazione normale «al più presto possibile».

«Tutta la Francia e tutta la nazione - ha detto - sono al fianco di coloro che hanno perso tutto. La nostra priorità assoluta è il ritorno alla normalità».

Alla gente che lo ascoltava, Macron ha citato uno per uno i servizi che oggi mancano e dovranno essere ripristinati: telefono, luce, acqua potabile, scuole, strutture sanitarie. Al tempo stesso, il presidente francese ha condannato «le inaccettabili derive» dei saccheggi, e ha promesso risarcimenti a tempo di record per i sinistrati. «Per la ricostruzione - ha insistito - stravolgerò tutte le norme e le regole affinché questo lavoro venga fatto nel più breve tempo possibile».

Attaccato prima da Marine Le Pen, poi dalla sinistra e dai sindacati sulla reazione del governo francese all'uragano, Macron ha respinto le critiche sulla mancata prevenzione: «Non era possibile avere un anticipo superiore a quello che abbiamo avuto», ha detto.

Il presidente ha aggiunto di essere favorevole «all'istituzione di una commissione d'inchiesta», come richiesto da numerosi critici dell'operato del governo francese: «Lo Stato risponderà delle sue azioni, sempre riconoscendo che si sarebbe potuto fare meglio». «Adesso però - ha aggiunto ammettendo di considerare "normale" la rabbia dei sinistrati - è l'ora dell'unità nazionale» e non di polemiche «intempestive e inopportune», prive di «dignità».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
PARIGI
1 ora

Si paga 50 cent pure per una fetta di limone. È polemica

Oltre al pagamento dell'acqua una turista ha dovuto pagare pure per le fettine di limone. Indignazione in rete.

STATI UNITI
2 ore

Facebook e Whatsapp non sono in vendita

Lo ha reso noto il senatore Josh Hawley dopo un incontro sulla futura regolamentazione di internet con Mark Zuckerberg

STATI UNITI
2 ore

Due sparatorie a Washington: un morto e 8 feriti

I due fatti sono avvenuti a circa mezzora di distanza l'uno dall'altro. Non è al momento chiaro se siano collegati

REGNO UNITO
15 ore

«Contro tutti i tabù» apre a Londra il Vagina Museum

Sarà in zona Camden Market si occuperà di salute, prevenzione ma anche promozione culturale. La fondatrice: «Basta con la vergogna»

FOTO
GERMANIA
17 ore

Huawei svela il Mate 30, il primo telefono colpito dal bando di Trump

Lo smartphone, che incorpora tecnologie tra le più avanzate sul mercato e che molto probabilmente snobberà Google

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile