Archivio Keystone
ITALIA
20.07.17 - 19:290

È morto Pino Pelosi

Fu condannato per l'omicidio di Pier Paolo Pasolini, era malato da tempo

ROMA - È morto a Roma Pino Pelosi. Noto come Pino 'la rana', Pelosi, condannato in via definitiva per l'omicidio di Pier Paolo Pasolini era malato da tempo. Ricoverato al policlinico Gemelli, è entrato in coma questa notte e si è spento poco fa in ospedale.

Ex 'ragazzo di vita', Pelosi nel 1976 viene condannato a nove anni di carcere per l'omicidio Pasolini, avvenuto ad Ostia l'1 novembre del 1975. Di anni ne sconterà soltanto sette: il 26 novembre 1982 otterrà la semilibertà e il 18 luglio 1983 la libertà condizionata.

Il colpo di scena 30 anni dopo, nel 2005, quando Pelosi cambia clamorosamente cambia versione dei fatti. «Non fui io ad uccidere Pasolini», dice, rilanciando una pista investigativa mai battuta fino in fondo ma ipotizzata più volte: la possibilità che Pasolini sia stato massacrato da un gruppo di picchiatori, che volevano dargli una lezione.

Pelosi ha 17 anni quando i carabinieri lo fermano alla guida di un'Alfa 2000 Gt rubata, che poi risulterà di proprietà di Pasolini. Viene portato in caserma e, interrogato dai carabinieri, ammette il furto e fa cenno a un anello di sua proprietà, che gli investigatori hanno trovato vicino al corpo di Pasolini. Arrestato il 2 novembre, viene accusato di furto d'auto, ma in carcere si vanta subito, con un compagno di cella, di essere stato lui ad uccidere Pasolini.

Con il ritrovamento del cadavere e di fronte all'evidenza dei fatti, Pelosi il giorno stesso confessa l'omicidio: dichiara di aver incontrato Pasolini la notte del 1° novembre presso la stazione Termini. Di essere salito in auto con lui e, dopo una cena in una trattoria vicino alla Basilica di San Paolo, passata la mezzanotte, di aver raggiunto il luogo dove poi verrà trovato il corpo dello scrittore.

Lì Pelosi, come riferisce agli inquirenti, avrebbe sulle prime accettato e poi rifiutato di avere un rapporto sessuale con Ppp. Sceso dall'auto, racconta durante l'interrogatorio di essere stato inseguito da Pasolini, che, vistosi respinto, avrebbe reagito violentemente colpendolo con un bastone. Solo a questo punto, secondo il racconto di Pelosi, sarebbe scattata la sua reazione violenta.

Il percorso processuale che porta alla condanna di 'Pino la rana' è relativamente veloce. La sentenza di primo grado è datata 26 aprile 1976, quella d'appello è del 4 dicembre 1976. La Corte di Cassazione si esprimerà in modo definitivo il 26 aprile 1979, confermando per Pelosi la condanna a nove anni.

 

TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
36 min
Bimbo abbandonato a Roma
È stata una passante ad accorgersi del piccolo incustodito
CINA / MONDO
3 ore
Coronavirus, il punto della situazione
Nuovi casi in Cina e Corea del Sud. E in Giappone continua lo sbarco dalla Diamond
REGNO UNITO
4 ore
Scoperto l'ingresso segreto del Parlamento
Scoperte le cerniere originali delle due porte in legno alte tre metri e mezzo. Trovati anche diversi graffiti.
FOTO
RUSSIA
12 ore
Una "Batmobile" fermata sulle strade di Mosca
La vettura customizzata è stata confiscata nel centro cittadino
ITALIA
12 ore
«Oggi aiutiamo i ticinesi a gestire i casi di coronavirus»
A Milano la vita cerca di tornare alla normalità, riaprirà il Duomo. Parla l'assessore al Welfare di Regione Lombardia
ITALIA
14 ore
Tre tonnellate di cocaina su una nave: valgono 400 milioni di euro
Il sequestro è per quantità il secondo più ingente avvenuto in Italia
GERMANIA
14 ore
Zalando va alla grande e si lancia nell'usato
Dal terzo semestre del 2020 i clienti potranno anche vendere i propri articoli di usato sulla piattaforma online
MONDO
16 ore
Perdita milionaria per i produttori della birra Corona
Anheuser-Busch InBev paga il crollo della domanda cinese.
ITALIA / STATI UNITI
18 ore
La reazione Usa al coronavirus. Italia, i morti sono 17
L’epidemia potrebbe mettere in evidenza alcune falle. L’esperto Pastori: «Da trattare come emergenza nazionale»
GIAPPONE / COREA DEL NORD
21 ore
Tokyo: una donna si è ammalata due volte
Le autorità sanitarie di Osaka hanno comunicato che è il primo caso di questo genere
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile