LIVE - CONCLUSO
REGNO UNITO

LIVE - L'Isis rivendica l'attentato di Westminster. La terza vittima è Kurt Cochran

La polizia è al lavoro per ricostruire i tasselli dell'attacco terroristico di Londra. Riaperto il Westminster Bridge

LONDRA - Anche nella notte dopo l’attentato di Londra le autorità britanniche hanno lavorato senza sosta per ricostruire i tasselli di questo nuovo attacco terroristico che ha portato alla morte tre persone, più l’aggressore. 29 invece i feriti ricoverati, di questi 7 sono gravi. Nelle prime ore di giovedì è stato comunicato che sono state fermate sette persone, alla quale se ne è aggiunta una in mattinata, in diverse località. Il livello di allerta rimane alto.

19:25

Gli arrestati - Sono stati arrestati nella notte una 39enne nell’est di Londra, una 21enne e un 23enne a Birmingham, una 26enne e tre uomini di 28, 27 e 26 anni in diversi indirizzi di Birmingham. Giovedì mattina è stato arrestato un 58enne a Birmingham. Tutti sono sospettati di essere legati alla preparazione di attentati terroristici.

19:15

La Francia annulla le gite scolastiche - Dopo l'attentato di Londra, i direttori delle scuole francesi hanno ricevuto una circolare che ordina la sospensione di tutte le gite nella capitale britannica, salvo le soste per transito. Anche tenendo conto dei tre studenti francesi rimasti feriti e la preoccupazione delle famiglie di classi in partenza, è stato deciso di annullare tutte le gite dopo la "valutazione del rischio da parte delle autorità britanniche". Circa 4.200 studenti francesi sono a Londra e sono autorizzati a proseguire il viaggio.

19:14

Operazioni in corso - La polizia è ancora in azione nel Carmathenshire, nel Galles, come a Birmingham - dove sono in atto tre ricerche differenti - e nell’est di Londra. Sono concluse invece le attività a Brighton e nel sud-est di Londra.

18:19

In Usa mille persone indagate - "Ci sono circa mille casi di persone negli Stati Uniti che stiamo indagando" che potrebbero essere state ispirate dall'Isis. Lo ha affermato il direttore dell'Fbi, James Comney, nel corso di una conferenza sull'antiterrorismo ad Austin, in Texas, come riportano i media Usa.

"La cosa che mi tiene sveglio la notte - ha aggiunto Comey - è la preoccupazione che ci possa essere qualcuno nel Paese che possa portare a termine un attacco terroristico".

17:52
17:43
17:43
Keystone
17:43
Keystone
17:43
Keystone
17:43
Keystone
17:27

Un minuto di silenzio al Consiglio di Sicurezza - Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha osservato un minuto di silenzio in omaggio alle vittime dell'attentato di Londra. Il capo del Foreign Office Boris Johnson, che ha presieduto la riunione, ha condannato "il codardo attento terroristico" che ha ucciso e ferito "tante persone innocenti". La Gran Bretagna riveste la presidenza di turno del Consiglio per il mese di marzo.

17:04

Trump su Twitter ricorda la vittima Usa - "Un grande americano": cosi' il presidente Donald Trump su Twitter ricorda Kurt Cochran, una delle vittime dell'attacco di Londra, porgendo le sue condoglianze a familiari ed amici.

Cochran era originario dello Utah e si trovava a Londra con la moglie Melissa (rimasta gravemente ferita) per festeggiare i 25 anni di matrimonio. La capitale britannica era solo una delle tappe di un tour in Europa. La coppia sarebbe dovuta tornare negli Usa oggi.

17:02

Il ritratto del terrorista - Masood, 52 anni, è nato nel Kent il 25 dicembre del 1964. Di recente risiedeva a Birmingham, secondo il Daily Mail.

Scotland Yard ha confermato che l’uomo non era nella lista dei britannici da monitorare. Era comunque noto alla polizia, che a lui faceva risalire diversi alias.

Masood ha infatti diversi precedenti per aggressione, possesso di armi e reati di ordine pubblico. La prima condanna era del 1983 per danni, l'ultima nel 2003 per il possesso di un coltello.

16:54
Keystone
16:46

Nessuna prove di legami con l'anniversario di Bruxelles - "E' stata una coincidenza orribile. Ma non c'è evidenza di un nesso di causalità" tra l'attacco a Londra ed il primo anniversario degli attentati a Bruxelles. Così il commissario europeo alla Sicurezza Julian King su Twitter.

16:44

Erdogan chiama May: «Alleati contro il terrore» - Dopo aver già inviato un messaggio scritto di cordoglio e condannato "con forza" su Twitter l'attacco di ieri a Londra, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha chiamato al telefono la premier britannica Theresa May per esprimerle le condoglianze e riaffermare l'alleanza tra Turchia e Gran Bretagna nella lotta al terrorismo. Lo riferiscono fonti della presidenza di Ankara.

Poche ore prima dell'attacco, avevano suscitato polemiche alcune dichiarazioni di Erdogan, secondo cui "se l'Europa continua così, nessun europeo potrà camminare al sicuro per le strade in nessuna parte del mondo". Oggi, il delegato turco a Bruxelles è stato invitato a fornire spiegazioni in merito dal Servizio di azione esterna dell'Ue.

16:42

L'attentatore si chiamava Khalid Massood - Si chiamava Khalid Massood l'attentatore di Westminster. Lo ha reso noto Scotland Yard. L'uomo aveva 52 anni.

15:53
15:52
15:52
Keystone
15:52
Keystone
15:50

«Chiudere il gap nello scambio d'informativo - "C'è un'urgente necessità di chiudere le lacune sullo scambio di informazioni in Europa" per affrontare la minaccia terroristica. Lo ha ribadito oggi il commissario europeo alla Sicurezza Julian King nel suo intervento all'Eurocamera, in cui ha ricordato tutte "le iniziative sul tavolo" (da un rafforzamento del sistema Eurodac alla piena attuazione del Pnr, a quella del sistema Prum) per "ridurre le frammentazioni" tra gli Stati membri.

"Nell'attacco di Londra abbiamo visto il ripetersi di uno schema già visto a Nizza e Berlino, in cui un veicolo viene trasformato in uno strumento per attaccare dei pedoni, il più soft dei target. La minaccia terroristica sta diventando sempre più complessa" e per questo è importante rafforzare lo scambio di informazioni, ha detto.

15:19

Polizia in azione a Birmingham - Secondo le fonti del Guardian, la polizia sarebbe in azione nella zona di Winson Green a Birmingham. I furgoni della polizia sono arrivati attorno alle 13.00 locali, agenti in divisa sono stati visti entrare in una struttura.

15:17
Keystone
15:14

La terza vittima è Kurt Cochran - La terza vittima è un turista statunitense di nome Kurt Cochran, spirato in ospedale. Come riporta il Guardian, sua moglie Melissa è ancora in ospedale con una gamba rotta, una costola rotta e una ferita alla testa, secondo la sorella della donna che ha informato i conoscenti via Facebook.

15:05

Iran: «Formare coalizione contro il terrorismo» - L'Iran «condanna fermamente l'attacco e invita tutti i Paesi a formare una coalizione per contrastare il terrorismo». A esprimere il cordoglio di Teheran e la solidarietà alle famiglie delle vittime dell'attentato nella capitale britannica è stato Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi. Il portavoce ha rimarcato «la determinazione dell'Iran a lottare contro l'estremismo e la violenza con l'obiettivo di sradicare il terrorismo», invitando alla cooperazione internazionale in questo campo. «Come precursore nella lotta contro il terrorismo - ha continuato Qasemi -, l'Iran è convinto che, finché si assiste alla formazione di coalizioni inefficaci, misure inefficienti e politiche a doppia faccia nella lotta al terrorismo a livello internazionale e regionale, nessun Paese può considerarsi immune dalla minaccia del terrorismo, perché il terrorismo non si limita a confini geografici». 

15:02

Un cancro da estirpare - «Le comunità musulmane devono fare molto di più per estirpare questo cancro. Serve un approccio più rigoroso e metodico. Basta tergiversare. Musulmani - e non musulmani - devono rendersi conto che è del tutto inaccettabile il fatto di trattenere per sé delle informazioni quando si è a conoscenza di fenomeni di radicalizzazione», ha dichiarato il leader dell’UKIP, Paul Nuttall.

14:25

Riaperto il ponte - Il Westminster Bridge, luogo in cui la folla è stata travolta nei primi istanti dell'attacco di ieri, è stato riaperto.

14:11
14:05

Attentatore colpito da un bodyguard di Fallon - L'attentatore di Westminster è stato colpito da una delle guardie del corpo del ministro della Difesa britannico Sir Michael Fallon e non da un agente di stanza al parlamento britannico. Lo ha appreso la Bbc. La notizia non è stata confermata dalla polizia di Londra.

Oggi una vasta operazione della polizia si è svolta vicino all'ambasciata americana a Londra, riporta il Financial Times, precisando che l'allerta sicurezza nella zona di Mayfair, dove si trova la sede diplomatica Usa, è adesso stata revocata. Le strade sono state riaperte al traffico pedonale, ma restano chiuse ai veicoli.

Intanto il cardinale Vincent Nichols, presidente della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles, ha espresso il suo «shock» per l'attentato di ieri a Londra, «particolarmente tragico per le famiglie dei giovani turisti francesi rimasti gravemente feriti. Il mio primo pensiero va alle famiglie di coloro che hanno perso la vita. Prego per le vittime e per chi ora piange la loro perdita», ha affermato.

«È importante - ha aggiunto il cardinale, secondo quanto riferisce il Sir - che come società teniamo i nervi saldi, restiamo calmi, e lasciamo che la vicenda venga indagata così da conoscere esattamente cosa sia accaduto. Come mi hanno riferito gli ufficiali di Polizia, si tratta di restare calmi ma vigilanti allo stesso tempo».

13:56

«Il terrorismo non è Islam» - Presso la Moschea Centrale di Birmingham, Mohammed Afzal ha condannato pubblicamente l'attentato di Londra, distribuendo alcune copie dell'opuscolo «Il terrorismo non è Islam». Non essendoci ancora conferme ufficiali in merito all'identità, Afzal non ha potuto confermare né escludere che l'attentatore frequentasse la moschea.

13:40

L'aggressore non era nella lista - L'aggressore - il cui nome non è ancora stato reso noto - non compariva fra i 3.000 britannici inseriti nella lista MI5 di individui considerati potenzialmente in grado di commettere un attentato. Lo riporta il Guardian.

13:33
13:27
Keystone
13:26

È giunta la rivendicazione - L'Isis ha rivendicato l'attacco di Londra. Lo riferisce il Site, che segue le attività online delle organizzazioni jihadiste. Questo cita l'Amaq News Agency, organo di propaganda dello Stato islamico, che attribuisce l'attentato ad un «soldato del Califfato».

13:14
Un omaggio per Keith Palmer - Il poliziotto ucciso durante l’attentato, Keith Palmer, era un tifoso del Charlton Athletic. Il club lo ha omaggiato mettendo le sciarpe del club, bianche e rosse, sul sedile dove si sedeva allo stadio con il suo abbonamento.
12:49
12:38

La donna salvata nel Tamigi è romena - È una turista romena la donna salvata nel Tamigi. Era a Londra per festeggiare il compleanno del suo ragazzo. Ha riportato gravi ferite alla testa e ai polmoni. Il suo ragazzo ha subito una frattura del piede.

12:20

Francia, livello minaccia terrorismo estremamente elevato -  A meno di 40 giorni dalle elezioni presidenziali francesi il livello di minaccia terroristica in Francia è "estremamente elevato": lo ha detto il premier, Bernard Cazeneuve, in una dichiarazione da Parigi all'indomani dell'attacco a Westminster.

«Giorno per giorno i nostri servizi lottano contro il terrorismo», ha assicurato Cazeneuve, sottolineando che 17 attentati sono stati sventati nel 2016 e 5 dall'inizio del 2017. Lo Stato d'emergenza decretato dopo gli attacchi del 13 novembre, ha precisato, non si tocca. «Resterà in vigore almeno fino al 15 luglio».

Esprimendosi dal cortile di Palazzo Matignon, nel cuore della rive gauche parigina, Cazeneuve ha sottolineato che «in questo periodo cruciale per la vita democratica della nazione» il livello della minaccia resta «estremamente elevato». Serve "grande vigilanza", ha continuato, a poche settimane dalla corsa all'Eliseo del 23 aprile e del 7 maggio.

«Il governo - ha continuato il premier - è più determinato che mai per sconfiggere questo avversario senza coscienza e senza pietà che ora attacca Westminster, uno dei simboli della democrazia. I francesi non hano dimenticato l'affetto dei britannici quando la Francia venne colpita dal terrorismo. Ora "la Francia, è al loro fianco, come da oltre un secolo, per la democrazia, la libertà e la tolleranza. Trionferemo sulla barbarie».

12:14

«Nessun nuovo attacco previsto» - «Non c'è ragione di temere che ci saranno nuovi attacchi», ha detto ancora la premier, confermando che l'allerta rimane alta ma non al massimo grado.

12:12

La macchina noleggiata a Birmingham, arriva la conferma - Un’azienda di noleggio auto di Birmingham ha confermato che l’auto usata nell’attacco fa parte della sua flotta. Un dipendente ha riconosciuto la targa nelle immagini online e l’azienda ha informato le autorità. «Siamo in stretto contatto con gli investigatori, diamo tutta la nostra disponibilità», ha detto la responsabile al Guardian.

12:04
Le persone che hanno perso la vita - Il primo decesso è stato quello di una donna. Aysha Frade è stata travolta dal suv sul ponte di Westminster. Si tratta di una 43enne cittadina britannica, con madre spagnola, padre cipriota e marito portoghese. Aysha Frade era un’insegnante di lingua spagnola, madre di due figlie. La seconda vittima è un uomo sui 50 anni. Anche lui è deceduto sul ponte. Non si hanno altre informazioni sull’uomo. È noto il nome del poliziotto che ha perso la vita davanti al Parlamento. Il 48enne Keith Palmer, con 15 anni di servizio alle spalle, era in servizio nel commando di protezione parlamentare e diplomatico. Era disarmato al momento dell'attacco. Era padre.
11:57

May ai Comuni: «Non abbiamo paura» - «Ieri un atto di terrorismo ha tentato di zittire la nostra democrazia. Ma oggi eccoci qua, come numerose generazioni prima di noi hanno fatto e altrettante in futuro continueranno a fare, per consegnare un messaggio: non abbiamo paura e la nostra determinazione non esiterà mai di fronte al terrorismo». Lo ha detto la premier britannica Theresa May intervenendo alla Camera dei Comuni dopo l'attentato terroristico di ieri a Londra. «E' stato un attacco contro la gente libera», ha aggiunto il primo ministro.

11:56
Keystone
11:55

Una persona notaL'attentatore di Londra è un cittadino britannico noto ai servizi segreti del Regno Unito. Lo ha detto la premier Theresa May intervenendo alla Camera dei Comuni.

L'uomo era indagato per estremismo violento, ha precisato Theresa May. Il primo ministro ha sottolineato comunque che si tratta di una "figura marginale".

«La nostra ipotesi di indagine è che l'attentatore sia stato ispirato dall'ideologia islamista», ha detto May, confermando quanto annunciato in precedenza da Scotland Yard. «Sappiamo che la minaccia dal terrorismo islamista è molto reale. Ma mentre la gente deve essere fortemente vigile allo stesso tempo non deve essere intimorita da questa minaccia».

11:44

I feriti stranieri - Tra gli stranieri coinvolti ci sono tre studenti francesi in gita scolastica - due di loro sono gravi ma non sono in pericolo di vita -, cinque turisti della Corea del Sud - quattro donne e un uomo fra i 50 e i 60 anni -, un portoghese, un cinese e due romeni. Ci sono dieci nazionalità fra le persone coinvolte.

11:42

«In qualche modo è terrorismo islamico» - L'attacco di ieri a Westminster è «legato in qualche forma al terrorismo islamico». Così il ministro della Difesa britannico, Michel Fallon, in un'intervista radiofonica alla Bbc.

Gli investigatori, ha sottolineato Fallon, «hanno lavorato duro nella notte sul retroterra (dell'attentatore), oltre che per stabilire come si sia procurato l'automobile (con cui ha investito i passanti), dove la vettura sia stata negli ultimi 1-2 giorni e chi abbia potuto o non potuto aiutarlo».

L'autore di Westminster sarebbe originario di Birmingham, una delle 'capitali' islamiche del Regno Unito, riporta l'agenzia Pa, citando le testimonianze di persone residenti nel quartiere della città inglese delle Midlands nel quale stamane la polizia ha arrestato tre degli otto presunti fiancheggiatori totali finiti sinora in manette in tutto il Paese.

11:40
Sono otto le persone fermate
11:39
Keystone
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile