ITALIA
27.10.16 - 07:190
Aggiornamento : 09:00

Torna l'incubo terremoto, notte di pioggia e di paura per gli sfollati

La terra ha tremato ancora anche nelle prime ore di oggi

ROMA - Notte in bianco di pioggia e di paura tra Umbria e Marche, dove ieri è tornato l'incubo terremoto con due scosse forti, una terza di poco più debole e decine di sommovimenti di assestamento più lievi che non hanno dato tregua.

Una notte lunghissima per le centinaia, forse migliaia di sfollati ancora da contare nelle strutture di accoglienza, in tenda, nei prefabbricati del sisma del '97, in alloggi di fortuna o a bordo delle automobili. Una notte funestata dalla pioggia incessante e dalla terra che non ha praticamente mai smesso di tremare, con due picchi del 4.1 e del 4.4 registrati tra le 5 e le 6 nella provincia di Macerata.

Ieri, dopo la prima scossa del 5.4 delle 19.10, in pochi sono rimasti a casa, quasi tutti si sono spinti in strada, nei centri di accoglienza o altri luoghi sicuri, 'schivando' dunque il secondo tremore, del 5.9, alle 21.18. Stessa situazione alle 23.42, quando c'è stata una terza scossa, del 4.6.

Ma tra la prima e le 23 di ieri sera l' Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) ne ha contate almeno 60. Le più forti sono state avvertite in tutta l'Italia centrale ed oltre, anche a Roma, dove diverse persone sono scese in strada e sono state segnalate crepe su alcuni edifici.

Non ci sono vittime dirette - Il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio, parlando nella notte da Rieti, ha ribadito che non risulta al momento che vi siano vittime, dispersi, né feriti gravi a causa dei crolli. Un uomo di 73 anni è morto d'infarto a Tolentino per lo spavento. Ma a fronte del sollievo per le mancate vittime, si è aperto un nuovo calvario per gli sfollati, e i danni alle case e alle strutture sono gravi: non solo per i borghi storici e il loro straordinario e unico patrimonio artistico, ma anche per i servizi: tre ospedali (a Tolentino, Matelica e Cingoli) e il carcere di Camerino sono stati evacuati.

Diverse strade, invase da frane, sono impraticabili. Diverse zone sono ancora senza luce e telefono. Le scuole oggi resteranno chiuse in tutti i Comuni coinvolti.

Col passar delle ore va peggiorando la conta dei danni, non solo agli edifici ma anche al morale di popolazioni che stavano appena cominciando a risollevarsi. E che a soli due mesi dal terremoto di agosto si trovano a doverne affrontare un altro, con la sua scia di assestamento.

Le prime immagini giunte dai luoghi del sisma, che ha avuto stavolta per epicentro la Valnerina, tra Perugia e Macerata, raccontano di chiese crollate come fondali di cartone, a Visso, Norcia, Ussita, Camerino, pezzi di patrimonio storico architettonico ridotti in briciole. A Ussita sono crollate le mura di cinta. A Camerino il campanile della chiesa si è abbattuto sulla palazzina di fronte, fortunatamente vuota. L'intero centro storico di Visso è stato dichiarato inagibile.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Silvano Cuatro Cruces 3 anni fa su fb
Beh. Non avete le costruzioni anti-sismiche......
Equalizer 3 anni fa su tio
La Terra sta lentamente mettendo rimedio a quanto combinato da Garibaldi
mgk 3 anni fa su tio
Portare subito quslche decina di frontalieri ad aiutarr
Pamy Bernardi 3 anni fa su fb
Mamma mia l'Italia è un paese sfortunato in fatto di scosse sismiche. Finito in una località, arriva in un'altra. Poverini. che immensa tristezza. Un abbraccio affettuoso alle povere vittime e ai superstiti!! ???
Raffaella Norsa 3 anni fa su fb
La zona è sempre la stessa
Misch Salmina 3 anni fa su fb
Povera gente..
Marinica Cojocariu 3 anni fa su fb
Povera gente forza dio sara con vuoi
Monika Pasello 3 anni fa su fb
Ha tremato ancora alle 10.21 ? magnitudo 4.4 ?
Betty Beltrami 3 anni fa su fb
Povere persone e per di più con questo tempo tutto si complica tra freddo e acqua. Vi sono vicina?
Laura Stella 3 anni fa su fb
Povera gente..chissá la paura
Bruna Tengattini 3 anni fa su fb
Povere anime
elvetico 3 anni fa su tio
L'Italia è una terra martoriata da troppe situazioni ! Mi dispiace per la gente italiana.
spank77 3 anni fa su tio
@elvetico L'italia è un paese Bellissimo...rovinato dal governo e dei politici (purtroppo una minoranza validi e in gamba ... zittiti da quelli più furbi e incompetenti) e catastrofi come queste non migliorano di certo le cose... :-(
mgk 3 anni fa su tio
@elvetico Vhi causaa del suo mal
Tatiana Lurati 3 anni fa su fb
Povera gente
TOP NEWS Dal Mondo
CINA
17 min
I mercati di pollame vivo saranno gradualmente chiusi
Le autorità intensificheranno la vigilanza per garantire la sicurezza alimentare
FOTO
DANIMARCA
49 min
«Pesce razzista»: imbrattata la statua della Sirenetta
La polizia non ha ricevuto nessuna rivendicazione e procede per vandalismo
SUDAFRICA
2 ore
«Dobbiamo prendere decisioni difficili»
La situazione drammatica in una struttura da campo raccontata da un medico in prima linea di Msf
STATI UNITI
2 ore
50 colpi di Taser a un fermato, incriminati due agenti
Il fatto è accaduto il 4 luglio dello scorso anno
ITALIA
3 ore
Mesina condannato: e lui scompare
L'ex primula rossa del banditismo sardo ha fatto perdere le proprie tracce tra mercoledì e giovedì
STATI UNITI
5 ore
La ricetta anti-Covid di Goldman Sachs
Una serie di misure per limitare il contagio e per consentire la riapertura di gran parte dell'economia
STATI UNITI / REGNO UNITO
6 ore
Caso Epstein: l'FBI in pressing sul principe Andrea
Il figlio della regina Elisabetta torna nel mirino degli inquirenti per la sua, presunta, scarsa collaborazione
MONDO
7 ore
Twitter: «Volete il tasto modifica? Mettetevi la mascherina»
Il social lancia un appello per proteggersi dal coronavirus e promette in cambio una funzione a lungo richiesta
SERBIA
8 ore
Coronavirus: a Belgrado è di nuovo «emergenza»
Le autorità municipali hanno reintrodotto diverse restrizioni: orari d'apertura ridotti e mascherine sui mezzi pubblici
FRANCIA
9 ore
Il premier francese si dimette
Edouard Philippe ha rassegnato le dimissioni al presidente Macron, che le ha accettate
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile