+2
FRANCIA
09.09.16 - 07:260

Le tre jihadiste di Notre Dame? «Fanatiche e radicalizzate»

Un'operazione in una banlieue parigina ha sgominato un commando pronto ad agire. Feriti un poliziotto e Ines, la donna che aveva lasciato le bombole di gas davanti alla chiesa

PARIGI - Un'operazione al termine «di una corsa contro il tempo». Per impedire che le tre donne del commando compissero un'azione violenta ormai "imminente". Così si è conclusa ieri sera nelle banlieue di Parigi la fuga di Ines, 19 anni, la ragazza che aveva lasciato a Notre Dame l'auto del padre piena di bombole di gas, e di due sue complici.

«Fanatiche e radicalizzate», le ha definite il ministro dell'Interno, Bernard Cazeneuve, in una conferenza stampa a tarda sera.

Nell'operazione avvenuta a Boussy-Saint-Antoine, Inès - schedata come pericolosa jihadista, radicalizzata, aspirante a partire per la Siria - ha reagito, accoltellando un agente che la stava per immobilizzare. Il poliziotto - della DGSI, i servizi della sicurezza interna - ha reagito e l'ha ferita. Nessuno dei due è grave. La ragazza è ricoverata, le due complici sono in carcere.

Al termine dell'estate della polemica sul burkini, è un commando gestito, guidato, incentrato sulle donne a provocare il massimo allarme in una Francia a nervi scoperti. In giornata, era stato reso noto che nell'ambito della "caccia alla donna" che guidava la Peugeot 607 lasciata vicino a Notre Dame, sono state arrestate due coppie coinvolte in qualche modo nell'operazione, due fratelli con le rispettive compagne. Una di queste era legata ad Hayat Boumedienne, la compagna del terrorista dell'assalto al supermercato HyperCacher (gennaio 2015), Amedy Coulibaly. Hayat Boumedienne fuggì dalla Francia poco prima degli attentati compiuti dal suo compagno e dai fratelli Kouachi nella redazione di Charlie Hebdo e sarebbe attualmente nei territori siriani controllati dall'Isis.

Resta il mistero della Peugeot. Un'auto lasciata in piena notte con le quattro frecce lampeggianti in funzione, in divieto di sosta fra Notre Dame e il principale commissariato del centro, con una bombola vuota sul sedile e altre sei, piene, nel cofano. E alcune taniche di gasolio. Ma nessuna miccia, nessun detonatore. Gli inquirenti si chiedono se sia stato un tentativo molto artigianale, mal condotto per inesperienza, o se si trattasse di un segnale, una sorta di minaccia in vista di un'azione che stasera Cazeneuve ha definito "violenta e imminente". Al momento, resta ricercata soltanto la sorella di Ines, anche lei in fuga e vicina alle idee dell'islam radicale.

Ieri il presidente Francois Hollande, quasi anticipando Cazeneuve e gli eventi della serata, aveva parlato di diversi attentati sventati in questi ultimi giorni sul territorio della République. "Al termine della lotta, la democrazia trionferà, non ho alcun dubbio", ha assicurato Hollande in un lungo discorso. "Farò di tutto per proteggere i francesi", ha aggiunto, assicurando che "i terroristi verranno braccati, ridotti, e annientati".

Intanto, Salah Abdeslam, l'unico superstite dei commando di jihadisti che uccise oltre 130 persone il 13 novembre 2015 tra Saint-Denis, il Bataclan, e gli altri locali del centro di Parigi, ha rifiutato ancora una volta di rispondere al giudice istruttore nel terzo tentativo di interrogatorio da quando, il 27 aprile, è stato estradato in un carcere francese dal Belgio. "Ha esercitato il suo diritto al silenzio", ha detto al termine dell'interrogatorio il legale del terrorista, Frank Berton. E in Austria, la magistratura ha incriminato due uomini legati agli attentati del 13 novembre a Parigi.

 

Guarda tutte le 6 immagini
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
1 ora
2'000 sterline per lasciare il Regno Unito e ritornarsene in Europa
Li offre il governo britannico a chi accetta il rimpatrio nello Spazio economico europeo. E sì, pure agli svizzeri
STATI UNITI
4 ore
Apple verso un valore di 3000 miliardi di dollari
L'utile è atteso in aumento del 6,3% a 23,6 miliardi, il maggiore mai realizzato da una società privata
STATI UNITI
4 ore
Il gorilla dello Zoo di San Diego è stato curato con gli anticorpi monoclonali
I veterinari del parco hanno anche ricevuto alcuni vaccini per gli animali
STATI UNITI
5 ore
15enne uccisa a coltellate, le presunte colpevoli hanno tra 12 e 14 anni
L'intero omicidio è stato postato sui social media. È il terzo commesso da teenager negli ultimi sei mesi nella zona
STATI UNITI
7 ore
Google taglierà i contributi a chi non ha certificato la vittoria di Biden
L'iniziale sospensione temporanea è diventata così definitiva
UNIONE EUROPEA
8 ore
AstraZeneca in affanno con le dosi, e l'UE minaccia lo stop all'export di vaccini
Bruxelles ai ferri corti con la farmaceutica (e sotto pressione) pensa a un blocco, che potrebbe valere anche per Pfizer
VIDEO
ITALIA
9 ore
Giuseppe Conte si è dimesso
Il premier ha rimesso l'incarico nelle mani del Presidente della Repubblica Mattarella.
MONDO
10 ore
Scoperta una falla in TikTok
«Consente di bypassare le protezioni sulla privacy create per difendere gli utenti dell'app» spiegano alcuni ricercatori
MONDO
10 ore
«Dobbiamo contenere il potere immenso delle grandi aziende digitali»
La presidente della Commissione Ue von der Leyen chiedono sia trasparenza sugli algoritmi e sui contenuti
GERMANIA
11 ore
Diversi accoltellati a Francoforte
«Il pericolo è cessato» scrive la polizia sui social, ma ci sarebbero tre feriti in condizioni molto gravi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile