LIBIA
14.06.16 - 08:320

Onu: «Milizie siano unite contro l'Isis»

È l'appello contenuto in una risoluzione approvata all'unanimità dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite

NEW YORK - Le varie milizie e le forze della sicurezza libica si uniscano per difendere il Paese dal "terrorismo". È questo l'appello contenuto in una risoluzione approvata all'unanimità dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che invita il governo di unità nazionale a giungere ad accordi sulla sicurezza per stabilizzare il Paese.

Si tratta di "un passo critico per le sfide politiche, economiche, umanitarie e di sicurezza che riguardano la Libia e per combattere la minaccia del terrorismo". Il Consiglio ha anche "fortemente invitato" il governo di unità nazionale a portare avanti la strada della riconciliazione.

Il governo di unità nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite sta attualmente affrontano un'ampia offensiva contro la cellula libica del sedicente Stato islamico (Isis), che ha la sua roccaforte a Sirte. Ma qualche mese dopo la sua formazione il governo deve ancora unificare le fazioni rivali e puntare sulla sicurezza interna.

La risoluzione approvata dal Consiglio di sicurezza dell'Onu provvede anche a estendere al 15 dicembre la missione politica delle Nazioni Unite in Libia e invita l'Onu stessa "a ristabilire una presenza permanente" nel Paese non appena le condizioni della sicurezza lo permetteranno. Alla missione viene chiesto di monitorare i diritti umani, il flusso di armi nel Paese, sostenere le istituzioni e aiutare nella distribuzione di aiuti ove richiesto.

L'inviato della Francia all'Onu, l'attuale presidente del Consiglio di sicurezza François Delattre, ha detto che la risoluzione "riafferma con chiarezza che l'unica autorità per le forze libiche è rappresentata dal governo di unità nazionale. È fondamentale che tutte le forze libiche si uniscano e combattano in particolare contro l'Isis che è il nostro nemico comune".

TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
9 ore
16'000 contagi in un giorno in Francia, mai così tanti
E intanto continua la polemica sulle misure restrittive del governo, secondo molti ci si è mossi troppo tardi
ITALIA
10 ore
Decorso del Covid-19: c'entra anche la genetica
Interessante il risultato di una ricerca condotta a livello internazionale
Unione europea
10 ore
L'Ue apre un'indagine sulla fibra ottica dalla Cina
Lo scorso anno in Europa sono stati venduti circa 1,2 milioni di chilometri di cavi, 15-20% provenienti dalla Cina
FINLANDIA
12 ore
Dopo il metal detector, il cane: il Covid-19 si fiuta all'aeroporto di Helsinki
Un progetto sperimentale prevedere l'utilizzo di quattro cani per identificare le persone positive al coronavirus
SONDAGGIO
AUSTRIA
16 ore
Inverno e Covid: «Divertimento sugli sci sì, ma senza i vecchi après-ski»
Vienna vieta i celebri eventi alcolici nella forma alla quale siamo abituati: «I contagi sono troppo alti».
STATI UNITI
17 ore
Blocco di TikTok: ByteDance chiede un'ingiunzione
La compagnia accusa Trump di preoccuparsi solo delle elezioni. Inoltre, «molti americani sarebbero esclusi dal social».
STATI UNITI
18 ore
Transizione pacifica? «Vedremo»
Il repubblicano Mitt Romney: «È fondamentale per la democrazia. Senza, si diventa la Bielorussia».
ISRAELE
21 ore
Israele inasprisce il confinamento: «Da nessuna parte misure simili»
Chiusi tutti i servizi e le industrie non essenziali. Critiche: «Il settore privato non avrebbe dovuto chiudere».
STATI UNITI
23 ore
L'immondizia spaziale sta cominciando a diventare un problema
Parola della NASA, giusto martedì la Stazione Spaziale Internazionale ha evitato la sua terza collisione quest'anno
ITALIA
1 gior
Tu chiamalo, se vuoi, karma: mendicante vince 300mila euro al gratta e vinci
È successo a Jesi a Tiziano, 60enne benvoluto da tutti. Indovinate qual è stato il suo primo acquisto?
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile