BRASILE / COLOMBIA
20.01.16 - 22:090

Lo Zika virus spaventa il Sud America

Il Brasile ha già 3'893 casi sospetto di contagio. In Colombia il Governo consiglia alle coppie di non aver figli per sei mesi

BRASILIA -Lo Zika virus sta spaventando il Sud America. Particolarmente colpite Colombia e Brasile.

3'893 casi sospetti in Brasile - Sono saliti a 3'893 i casi sospetti di microcefalia causata dal virus Zika registrati in Brasile dallo scorso anno. Lo ha rivelato il ministero della Salute, precisando che il conteggio si riferisce al numero complessivo di casi e che al momento sono solo 224 quelli di cui si ha il forte sospetto che siano stati causati dal virus trasmesso dalla zanzara Aedes Aegypti, responsabile anche di dengue e chikungunya, e diffuso ormai in 764 municipalità del Paese sudamericano. Il conteggio è attualizzato al 16 gennaio, precisa la nota del ministero brasiliano. Nel 2014, i casi sospetti di microcefalia furono complessivamente 147. Il ministero rivela inoltre che dei sei casi accertati di microcefalia causata dal virus Zika, l'ultimo è stato registrato nello stato di Minas Gerais. Finora i neonati deceduti sono cinque, quattro nello stato di Rio Grande do Norte e uno in quello di Ceara. Altri 44 casi sospetti sono distribuiti negli stati di Bahia, Maranhao, Paraiba, Pernambuco, Piaui, Rio Grande do Norte e Sergipe. I sintomi del virus Zika sono febbri intermittenti, eruzioni cutanee, congiuntivite, dolori muscolari, alle articolazioni e alla testa. Ma in molti casi la malattia è asintomatica. La Società brasiliana di infettivologia ha lanciato un allarme temendo che l'imminente carnevale aumenterà con il turismo di massa la propagazione del virus.

"Non concepite bambini" - In Colombia il governo ha chiesto "a tutte le coppie del paese" di evitare di concepire bambini, almeno fino alla metà dell'anno. A lanciare l'appello è stato il ministero della salute, sottolineando la diffusione sul "territorio nazionale" del virus diffuso dalle zanzare della razza 'Aedes'. "In considerazione della fase nella quale si trova l'epidemia e dei rischi esistenti", il ministero ha sconsigliato alle donne "di rimanere incinta", precisando di rispettare l'appello "fino al mese di luglio di quest'anno". A causa della costante diffusione del virus, il governo non esclude che possa colpire fino a 650 mila persone nel paese. La richiesta alle donne è quindi di "prendere in considerazione" la possibilità di "rinviare di rimanere incinta per un periodo di sei mesi", ha sottolineato in un incontro con la stampa a Bogotà il ministro della sanità, Alejandro Gaviria, puntualizzando d'altra parte il massimo rispetto "nei confronti dei diritti individuali". Le autorità sanitarie hanno deciso di rendere pubblica la richiesta a seguito dell'identificazione di 13'531 casi (sospetti e confermati) del virus in tutto il territorio nazionale da quando, nelle prime settimane dell'anno scorso, si è appresa la presenza della malattia nel paese. Il virus si trova oggi in 951 dei dipartimenti della Colombia (su un totale di 1'100), tutti al di sotto dei 2'200 metri di altitudine.

Gli esperti hanno d'altra parte identificato 216 casi sospetti in donne incinte, confermando la malattia in 14 casi.

TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
4 ore

Perde il bus, fa un incidente ma riesce a fare l'esame grazie alla polizia

La giornata rocambolesca di un 18enne si è risolta positivamente, merito dell'interessamento degli agenti

INDIA
6 ore

Il cadavere dell'illusionista è riaffiorato dalle acque

Aveva tentato un numero alla Houdini, ma gli è andata male: Chanchal Lahiri in arte Mandrake era annegato negli scorsi giorni nel Hooghly River a Kolkata

GERMANIA
7 ore

Siemens annuncia 2'700 licenziamenti

A subire il taglio maggiore saranno gli impianti di Erlangen e Berlino, la Svizzera non dovrebbe esserne toccata

REGNO UNITO
7 ore

Harry «traditore della razza», 19enne condannato per le minacce di morte

Nell'agosto dello scorso anno Michal Szewczuk pubblicò un'immagine ritenuta un'incitazione al terrorismo

GERMANIA
7 ore

Berlino: affitti bloccati per legge per 5 anni

Dal provvedimento saranno escluse gli appartamenti di nuova costruzione alla prima locazione e l'edilizia sociale, rendono noto le istituzioni cittadine

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report