Immobili
Veicoli
Instagram Erik Jennings
MONDO
19.01.22 - 06:000
Aggiornamento : 09:57

Il vaccino degli ultimi: il vergognoso ritardo delle dosi nei paesi poveri

Nei paesi poveri solo il 9,5% delle persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid.

È allarme nei paesi subsahariani: immunizzato appena 4% della popolazione.

di Redazione
Luca Fusco

Oltre 12 ore di cammino nella foresta con il padre sulle spalle per portarlo a fare la prima dose di vaccino anti Covid in Amazzonia. La foto del giovane indigeno Tawy Zoé, 24 anni, sta facendo il giro del mondo sui media internazionali. Una istantanea che vale più di mille parole quella scattata dal medico Erik Jennings, che ha pubblicato la foto nel suo profilo Instagram. E che in un certo senso racconta la corsa, a diversa velocità, verso il vaccino da parte dei paesi del Sud America, ad esempio, dove vaccinarsi è un lusso per pochi.

Gli ultimi del mondo - Come al solito sono i numeri a definire il quadro della situazione e sottolineare, semmai ce ne fosse bisogno dopo decenni, delle difficoltà del terzo mondo, anche sul fronte dei vaccini. Sino ad ora solo il 9,5 % delle persone nei paesi con scarse entrate ha ricevuto almeno una dose di vaccino anti-covid-19. Novantotto paesi con scarse entrate non hanno raggiunto il 40% dell’accesso alla vaccinazione e altri 41 non hanno vaccinato nemmeno il 10% della loro popolazione.

Secondo i dati pubblicati dalla Ong Amref Health Afric, al 13 gennaio, è stato vaccinato completamente il 50,48% della popolazione mondiale. L'Europa è al 69,2%; gli USA al 61,5%; l'Africa al 9,8%. Al 13 gennaio 2022, l’Africa contava 10.066.092 contagi e 231.445 decessi legati al COVID-19.

Il Sudafrica rappresenta il Paese più colpito del continente, con oltre 3,5 milioni di casi e 92.312 decessi. A seguire, Marocco (1.017.560 casi e circa 14.935 decessi), Tunisia (727.797 casi e 25.588 decessi), Etiopia (424mila casi e circa 6.069 decessi) e Libia (389mila casi e 5.727 decessi). Secondo l’Africa CDC, al 13 gennaio, il continente africano ha ricevuto 563,6 milioni di dosi di vaccino anti-COVID-19, e ne ha somministrate circa 341 milioni (60,5% della fornitura). Il continente africano ospita il 17% della popolazione mondiale, ma sopporta oltre il 24% del carico globale di malattie, e solo il 3% del personale sanitario.

Cercansi 1,5 miliardi di dosi di vaccino - Per raggiungere l’obiettivo di vaccinare almeno il 60% della popolazione (circa 780 milioni di africani) l’Africa avrà bisogno di circa 1,5 miliardi di dosi di vaccino che, secondo le stime attuali, potrebbero costare tra gli 8 miliardi e i 16 miliardi di dollari, con costi aggiuntivi del 20-30%, per il programma di distribuzione vaccinazione. Secondo l’Africa CDC (centro per la prevenzione delle malattie), al 13 gennaio, il continente africano ha ricevuto 563,6 milioni di dosi di vaccino anti-COVID-19, e ne ha somministrate circa 341 milioni (60,5% della fornitura). Solo tra l’11 novembre e il 21 dicembre 2021, l’UE, il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno ricevuto 513 milioni di dosi di vaccino, mentre il continente africano ha ricevuto 500 milioni per tutto il 2021. Il numero più allarmante riguarda i paesi subsahariani, dove vivono 770 milioni di persone, ed è immunizzato appena 4% della popolazione.

Non è un caso, a detta degli epidemiologi, che la scarsezza di vaccini presenti in alcune parti del mondo favorisca l’insorgere di varianti, come successo proprio con Omicron in Africa. Un orizzonte fosco che sembra avvalorare le parole pronunciate in tempi non sospetti da parte di Bruce Aylward, uno dei ricercatori di punta dell'Oms: «La pandemia di Covid si trascinerà anche nel 2022 perché i Paesi più poveri non ricevono i vaccini di cui hanno bisogno. Dobbiamo accelerare altrimenti questa pandemia andrà avanti per un anno in più del necessario».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
RUSSIA
2 ore
Peresvet e Zadira, cosa sappiamo delle armi laser di Mosca
Che funzione hanno? Come vengono impiegate? Sono state schierate nella guerra in corso in Ucraina? Facciamo il punto
FOTO
GERMANIA
3 ore
Spari in una scuola tedesca, un ferito grave
L'autore del gesto sarebbe già stato fermato dalla polizia
MONDO
4 ore
Nel mondo ci sono 38 milioni di sfollati interni
Fuggono da guerre, violenze e dai cataclismi naturali, compresi quelli provocati dai cambiamenti climatici
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Due comandanti russi «licenziati per i loro fallimenti»
Vadim Shishimarin, il soldato russo a processo, ha detto di aver sparato a un civile dopo che gli era stato ordinato.
QATAR
8 ore
«La FIFA risarcisca i lavoratori per almeno 440 milioni»
Amnesty International chiede alla FIFA di risarcire chi ha subito violazioni dei diritti umani, e anche garanzie future
REGNO UNITO
13 ore
Il vaccino dopo il virus, per scongiurare il Long Covid
Secondo un ampio studio una dose in seguito all'infezione riduce del 13% il rischio di sintomi di lunga durata
ITALIA
15 ore
L'auto piomba nel cortile dell'asilo, morto un bimbo
Altri sei piccoli sono rimasti feriti nell'incidente e sono ricoverati in ospedale, di cui uno in prognosi riservata
SPAGNA
17 ore
Rilevati 20 casi di vaiolo delle scimmie, «basse probabilità di diffusione»
I tre focolai riguardano soprattutto uomini che si identificano come gay, bisessuali o uomini hanno rapporti con uomini
REGNO UNITO
20 ore
Inflazione alle stelle in Regno Unito, un inglese su quattro salta i pasti
Con un'inflazione superiore al 9% molte le famiglie, e le aziende, alla canna del gas. Londra però indugia
MOLDAVIA
23 ore
«Qualcuno vuole trascinarci in una guerra indesiderata»
La premier moldava Natalia Gavrilita su neutralità, le bombe in Transnistria e le tensioni nel Paese
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile