Immobili
Veicoli
Afp
REGNO UNITO
18.01.22 - 06:000

Dottori esauriti dal Covid fanno danni

Un'indagine ha rivelato che ci sono stati una quarantina d'incidenti e in sette casi i pazienti ne hanno sofferto

LONDRA - Ore interminabili, pazienti che arrivano uno dopo l'altro, ospedali sovraccarichi. La pandemia è stata il coltello nella piaga per un sistema sanitario che già prima del Coronavirus era a corto di risorse. Ora i dottori affermano di star facendo sempre più errori e danni.

Lo scorso mese la Medical Defense Union (Mdu) ha condotto un'indagine in tutto il Regno Unito e i risultati a cui è arrivata hanno rivelato che i medici sono estremamente stanchi. Le cause principali sono tre: turni di lavoro più lunghi, carico crescente e carenza diffusa del personale. L'Mdu ha sentito 532 dottori che operano su tutto il territorio britannico, tra questi rientrano medici ospedalieri e di famiglia, consulenti, specialisti e medici in formazione.

Quasi sei su dieci, ossia il 59%, hanno riferito che durante la pandemia hanno fatto sempre più fatica a prendere sonno. In particolare, riporta il Guardian, uno su dieci soffre ogni giorno d'insonnia e il 28% si sente privato delle ore di riposo notturne settimanalmente. Più di uno su sei ha riferito che la mancanza di sonno sta influenzando il proprio lavoro. Durante la sua indagine, l'Mdu ha constatato che si sono verificati 40 incidenti causati dall'esaurimento del personale di cura. In sette casi i pazienti hanno riportato dei danni. Un dottore ha spiegato di aver somministrato della penicillina a una persona, dopo che questa aveva detto di essere allergica e che ha quindi avuto uno shock anafilattico.

Il 64% degli intervistati ha affermato di avere una scarsa concentrazione, il 40% di avere difficoltà decisionali, il 37% di soffrire di sbalzi di umore e il 30% di avere problemi di salute mentale. Più del 90% dei 532 dottori ha raccontato di aver lavorato più ore rispetto a quelle previste dal contratto. Più della metà ha fatto dalle cinque alle 20 ore di straordinari a settimana. Uno su tre ha dichiarato di aver non aver avuto pause in almeno una giornata lavorativa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
1 ora
Per questa festa Johnson non è stato multato
Emergono nuove foto da Downing Street: l'opinione pubblica mette in dubbio il processo decisionale della polizia
UCRAINA:SEGUI IL LIVE
LIVE
«Riconquistare la Crimea? Sarebbe una strage tra i nostri soldati»
Zelensky si è espresso sull'eventualità di una controffensiva in Crimea
UCRAINA
5 ore
Quei bombaroli siriani che Putin è pronto a schierare in Ucraina
Si tratta del corpo di artificieri che ha inventato le strazianti “barrel bombs” usate da Assad per far strage di civili
TONGA
12 ore
Tonga distrugge, ma resta intatto
Le pareti del vulcano non sono andate distrutte, pur trattandosi della più forte eruzione negli ultimi 30 anni
MONDO
15 ore
Vaiolo delle scimmie: «Contenerlo è possibile»
L'Oms vuole bloccare la trasmissione da uomo a uomo. E capire se il virus abbia subito una mutazione
SLOVACCHIA
16 ore
Il fiume s'è fatto arancione: «I pesci stanno morendo»
Il chirurgo locale Tibor Varga: «Ho assistito alla lenta morte della fauna selvatica» a causa di ferro e zinco
MONDO
19 ore
Turkmenistan, l'ultimo "zero" della pandemia
Incredibile ma soprattutto improbabile. Il Paese asiatico è l'unico a non aver mai confermato un solo caso di Covid-19
ITALIA
21 ore
Tragedia del Mottarone, «ci hanno abbandonati»
A un anno dallo schianto di una cabina della funivia con 15 persone a bordo, la commemorazione e la prima udienza
TAIWAN
1 gior
«Difenderemo Taiwan, in caso di invasione cinese»
Lo ha dichiarato il Presidente statunitense Joe Biden durante la sua visita in Giappone
MONDO
1 gior
Siamo «a un singolo incidente dalla apocalisse»
L'Ucraina è il terreno sul quale si sta consumando la «sfida finale» tra Mosca e Washington
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile