Immobili
Veicoli
AFP
INDIA
09.12.21 - 19:300

Delhi, quando l'aria è più inquinata nelle case che all'esterno

Una ricerca mette in evidenza anche il lassismo dei cittadini, che non sembrano interessati a migliorare la situazione

DELHI - Che Delhi non se la passi bene a livello di inquinamento è ormai noto, ma una nuova ricerca ha dimostrato che nelle case degli abitanti della città le cose vanno ancora peggio. Gli studiosi hanno infatti misurato i livelli di PM 2,5, rivelatisi più alti nelle abitazioni rispetto alle misurazioni effettuate all'aperto, stando alla Bbc. Le misurazioni esterne superavano di ben 46 volte il limite massimo fissato dall'Oms. 

L'India, in particolare Delhi, è in cima alle numerose classifiche dei luoghi più inquinati al mondo. Tuttavia non sembra esserci una divisione netta tra le famiglie ricche e quelle povere della città. Anche se le famiglie con un reddito più alto avevano 13 volte più probabilità di possedere un depuratore d'aria rispetto alle famiglie meno agiate, il livello di inquinamento all'interno delle case ricche erano inferiori solamente del 10%. Soltanto nel 20% delle case dei ricchi era infatti presente un depuratore dell'aria. 

E i ricercatori hanno anche notato un certo lassismo da parte dei cittadini. Quando è stata offerto loro di poter testare in autonomia la qualità dell'aria in casa, in pochi hanno accettato. «Quando non conosci i livelli di inquinamento all'interno delle tue case non te ne preoccupi, e quindi è probabile che non farai nulla per migliorare la situazione» ha dichiarato Kenneth Lee, l'autore principale dello studio. «Solo grazie ad una maggiore consapevolezza si potrà avere una migliore domanda di aria pulita. La sfida più grande rimane la sensibilizzazione della popolazione». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Più di un milione di rifugiati ucraini sono tornati a casa
Lo ha affermato l’ambasciatore ucraino nel Regno Unito. «Sono frustrati dal crescente disagio»
UCRAINA
4 ore
Chernobyl: «Hanno spento il sistema di monitoraggio delle radiazioni»
Nella zona di esclusione è stata registrata una perdita superiore a 2,5 miliardi di grivnie ucraine
ITALIA
8 ore
«Ho provato a fermare la macchina, ma non ci sono riuscita»
Il racconto di madre e figlio dopo la tragedia avvenuta nel cortile dell'asilo "Primo maggio", in cui un bambino è morto
FINLANDIA
11 ore
«È così vivere con un vicino grande e aggressivo»
In un'intervista in occasione della sua visita italiana, la premier finlandese ha raccontato il suo punto di vista
RUSSIA
15 ore
Peresvet e Zadira, cosa sappiamo delle armi laser di Mosca
Che funzione hanno? Come vengono impiegate? Sono state schierate nella guerra in corso in Ucraina? Facciamo il punto
FOTO
GERMANIA
15 ore
Spari in una scuola tedesca, un ferito grave
L'autore del gesto sarebbe già stato fermato dalla polizia
MONDO
17 ore
Nel mondo ci sono 38 milioni di sfollati interni
Fuggono da guerre, violenze e dai cataclismi naturali, compresi quelli provocati dai cambiamenti climatici
QATAR
21 ore
«La FIFA risarcisca i lavoratori per almeno 440 milioni»
Amnesty International chiede alla FIFA di risarcire chi ha subito violazioni dei diritti umani, e anche garanzie future
REGNO UNITO
1 gior
Il vaccino dopo il virus, per scongiurare il Long Covid
Secondo un ampio studio una dose in seguito all'infezione riduce del 13% il rischio di sintomi di lunga durata
ITALIA
1 gior
L'auto piomba nel cortile dell'asilo, morto un bimbo
Altri sei piccoli sono rimasti feriti nell'incidente e sono ricoverati in ospedale, di cui uno in prognosi riservata
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile