Quella della violenza contro le donne è una «crisi globale che prospera su altre crisi»
Depositphotos (fabianaponzi)
MONDO
25.11.21 - 06:000

Quella della violenza contro le donne è una «crisi globale che prospera su altre crisi»

In occasione della Giornata internazionale dell'Onu è stata lanciata una campagna della durata di 16 giorni

NEW YORK - Oggi, 25 novembre, ricorre la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite con una risoluzione del 1999.

Peggio con il Covid - Tutti le nazioni del mondo sono invitate a organizzare attività di sensibilizzazione dell'opinione pubblica contro un fenomeno spesso strisciante e ancora largamente diffuso. Specialmente in questa epoca segnata dal Covid-19: un rapporto pubblicato da l'entità delle Nazioni Unite per l'uguaglianza di genere e l'empowerment delle donne (UN Women) sottolinea l'erosione del sentimento di sicurezza delle donne sia nello spazio pubblico che in quello privato. Una crisi che non è nata dal nulla, ma che è peggiorata proprio durante la pandemia.

Pandemia-ombra di violenza - «La violenza contro le donne è una crisi globale esistente che prospera su altre crisi» ha dichiarato la direttrice esecutiva di UN Women Sima Bahous. «Conflitti, disastri naturali legati al clima, insicurezza alimentare e violazioni dei diritti umani contribuiscono a far vivere donne e ragazze con un senso di pericolo, anche nelle proprie case, quartieri o comunità. La pandemia di Covid-19, che ha reso necessario l'isolamento e il distanziamento sociale, ha consentito una seconda pandemia-ombra di violenza contro donne e ragazze, dove spesso si sono trovate in isolamento con i loro aggressori. I nostri nuovi dati sottolineano l'urgenza di sforzi concertati per porre fine a questa situazione» conclude Bahous.

Violenza nel privato e nei luoghi pubblici - Il rapporto, realizzato in 13 paesi sulla base delle risposte di oltre 16mila donne, prende il nome di "Misurare la pandemia-ombra: violenza contro le donne durante il Covid-19". Tra i principali dati emerge che il 45% delle donne ha sperimentato una forma di violenza durante la pandemia, mentre si sale al 65% se si prende in considerazione la loro intera vita. Il 25% sostiene che i conflitti domestici sono diventati più frequenti durante il confinamento e di sentirsi meno sicure all'interno della propria abitazione. Sette donne su dieci pensano che gli abusi fisici o verbali compiuti dal partner siano diventati più comuni.

Il peggioramento non riguarda solamente le mura domestiche: il 40% delle interpellate si sente meno sicura negli spazi pubblici e il 60% ritiene che le molestie sessuali (di qualunque genere) siano peggiorate. Una donna su cinque si sente meno sicura a camminare per strada durante il giorno, mentre di notte la percentuale sale al 50%. Circa un terzo di chi ha preso parte all'inchiesta ritiene che la violenza contro le donne all'interno della propria comunità sia peggiorata in epoca Covid.

Peggio per le donne giovani e disoccupate - Si può tracciare un identikit delle vittime più probabili di violenza? Dai dati emerge che il 48% nella fascia di età 18-49 anni ha sperimentato un episodio (e conosce qualcuno a cui è accaduto), mentre si scende al 42% tra i 50 e 59 anni e al 34% nelle over 60. C'è poi una differenza tra le donne che lavorano e quelle disoccupate: queste ultime hanno riferito casi di violenza con una percentuale del 52%, che scende al 43% tra chi ha un'occupazione.

Tra le nazioni prese in considerazione l'esposizione alla violenza contro le donne è alta in Kenya (80%), Marocco (69%), Giordania (49%) e Nigeria (48%). La percentuale più contenuta è quella del Paraguay, pari al 25%. In cosa consistono, esattamente, queste forme di violenza? Le forme più comuni sono gli abusi verbali e la negazione delle risorse fondamentali per vivere, a partire da quelle alimentari. Si passa poi a un divieto nel comunicare con l'esterno (sul quale hanno influito i lockdown e le forme di distanziamento sociale) e, in misura leggermente minore, troviamo le molestie sessuali e gli abusi fisici. C'è poi un diffuso senso d'impotenza e di abbandono: solo una donna su 10 ha affermato che le vittime sarebbero andate alla polizia per chiedere aiuto.

La campagna - Proprio a partire da oggi, l'Onu lancia una campagna di attivismo della durata di 16 giorni dal titolo "Orange the World: End Violence against Women Now!". «Sebbene pervasiva, la violenza di genere non è inevitabile. Si può e si deve prevenire» affermano le Nazioni Unite. Il modo per fermare la violenza «inizia con le sopravvissute che adottano approcci globali e inclusivi che affrontano le cause profonde, trasformano le norme sociali dannose e danno potere a donne e ragazze. Con servizi essenziali incentrati sulle sopravvissute nei settori della polizia, della giustizia, della salute e sociale e finanziamenti sufficienti per l'agenda dei diritti delle donne, possiamo porre fine alla violenza di genere».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Stati Uniti
6 ore
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
17 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
20 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
21 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
1 gior
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
1 gior
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
1 gior
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
1 gior
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
1 gior
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
1 gior
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile