Immobili
Veicoli
AFP/Helmut Fohringer
AUSTRIA
17.11.21 - 13:030

«Cadaveri in corridoio» in un ospedale dell'Alta Austria

Un'infermiera ha raccontato di scene struggenti, che ricordano i momenti peggiori della prima ondata

Da Vienna arrivano intanto nuove disposizioni per l'ingresso nel Paese, in particolare per i non vaccinati

VIENNA - La situazione austriaca legata al coronavirus è parecchio difficile in questo momento, in particolare nell'Alta Austria, che presenta un'incidenza settimanale di 1'455 casi di contagio per ogni 100mila abitanti.

Un'infermiera che lavora in un ospedale dell'Alta Austria ha raccontato all'agenzia di stampa Apa di scene struggenti, negli ospedali, che ricordano i momenti peggiori della prima ondata. Ad esempio ha raccontato che i decessi sono talmente tanti che le salme sono al momento depositate nei corridoi.

Inoltre, i medici degli ospedali di Salisburgo - riporta l'emittente Orf - stanno dovendo già decidere quali pazienti possono entrare in terapia intensiva e quali no. Per non parlare della pressione dal punto di vista psicologico: «Di solito quando un paziente muore, il corpo viene trattato, viene pettinato e i parenti possono salutarlo in modo dignitoso. Un morto per Covid viene invece infilato nudo in una sacco di plastica, e la cosa finisce lì», ha aggiunto l'infermiera, spiegando che sempre più colleghi pensano di licenziarsi solo per sfuggire all'orrore della nuova ondata.

L'ultimo bilancio nazionale parla intanto di 14'416 infezioni a livello nazionale (un record dall'inizio della pandemia), mentre è ufficialmente iniziato lunedì il lockdown per i non vaccinati.

Regole all'ingresso - I viaggiatori non vaccinati dovranno da lunedì presentare un tampone PCR negativo per poter entrare in Austria.

È quanto stabilisce un nuovo regolamento per l'ingresso nel Paese. Il risultato negativo del PCR, poi, ha ora una durata di sole 72 ore. Tra le poche eccezioni i frontalieri, che potranno ancora utilizzare i test rapidi (validi per 24 ore) per entrare a lavorare. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
«Nel Donbass è l'inferno, non è un'esagerazione»
Sono le parole del presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un discorso rivolto alla nazione
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Più di un milione di rifugiati ucraini sono tornati a casa
Lo ha affermato l’ambasciatore ucraino nel Regno Unito. «Sono frustrati dal crescente disagio»
UCRAINA
8 ore
Chernobyl: «Hanno spento il sistema di monitoraggio delle radiazioni»
Nella zona di esclusione è stata registrata una perdita superiore a 2,5 miliardi di grivnie ucraine
ITALIA
12 ore
«Ho provato a fermare la macchina, ma non ci sono riuscita»
Il racconto di madre e figlio dopo la tragedia avvenuta nel cortile dell'asilo "Primo maggio", in cui un bambino è morto
FINLANDIA
15 ore
«È così vivere con un vicino grande e aggressivo»
In un'intervista in occasione della sua visita italiana, la premier finlandese ha raccontato il suo punto di vista
RUSSIA
19 ore
Peresvet e Zadira, cosa sappiamo delle armi laser di Mosca
Che funzione hanno? Come vengono impiegate? Sono state schierate nella guerra in corso in Ucraina? Facciamo il punto
FOTO
GERMANIA
19 ore
Spari in una scuola tedesca, un ferito grave
L'autore del gesto sarebbe già stato fermato dalla polizia
MONDO
21 ore
Nel mondo ci sono 38 milioni di sfollati interni
Fuggono da guerre, violenze e dai cataclismi naturali, compresi quelli provocati dai cambiamenti climatici
QATAR
1 gior
«La FIFA risarcisca i lavoratori per almeno 440 milioni»
Amnesty International chiede alla FIFA di risarcire chi ha subito violazioni dei diritti umani, e anche garanzie future
REGNO UNITO
1 gior
Il vaccino dopo il virus, per scongiurare il Long Covid
Secondo un ampio studio una dose in seguito all'infezione riduce del 13% il rischio di sintomi di lunga durata
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile