Immobili
Veicoli
Keystone
REGNO UNITO
02.11.21 - 08:430
Aggiornamento : 14:43

Raggiunto un accordo da 19 miliardi: stop alla deforestazione entro il 2030

Dovrebbe essere firmato oggi. Tra i leader che aderiranno alla Dichiarazione ci sono anche Bolsonaro e Biden

GLASGOW - Nel 2020 mancavano all'appello 12 milioni di ettari di alberi. Una superficie grande cinque volte la Svizzera. La deforestazione è legata all'espansione urbana e soprattutto all'estensione dei campi agricoli. Ora al Cop26 è stato raggiunto un accordo che fermerà questa pratica entro il 2030.

Deforestare vuol dire tagliare più alberi di quanti ne ricrescano. Comporta rischi come una diminuzione nella produzione di ossigeno da parte delle foreste e la scomparsa di biodiversità, e rappresenta un quarto delle emissioni di gas serra. Per questo ieri è stato raggiunto un accordo da 19,2 miliardi di dollari, che verranno investiti per fermare la deforestazione entro il 2030 e riparare il danno che è stato causato negli ultimi 30 anni, con una perdita di 240 milioni di ettari, stando ai dati del Wwf.

L'accordo dovrebbe essere firmato oggi e tra i leader che si impegneranno nella Dichiarazione di Glasgow sulle foreste e sul territorio ci sono anche i capi di Stato di Cina, Brasile e Stati Uniti: Xi Jimping, Jair Bolsonaro e Joe Biden. Le aree prese in considerazione nell'accordo vanno dalla taiga siberiana alla seconda foresta pluviale più grande al mondo che si trova nel bacino del Congo.

Come riporta il Guardian il pacchetto d'investimento include 5,3 miliardi di sterline per nuovi finanziamenti privati e 8,75 per quelli pubblici, al fine di ripristinare i terreni degradati, sostenere le comunità indigene, proteggere le foreste e mitigare i danni causati dagli incendi. Ma gli ambientalista storcono già il naso perché, come ha dichiarato Mina Setra, un'attivista per i diritti indigeni del Borneo, «una dichiarazione non basta. Servono prove, non solo parole». E per un altro attivista brasiliano, Carlos Rittls della Rainforest Foundation Norway, molti dettagli non sono chiari: «I grandi assegni non salveranno le foreste se i soldi non vanno nelle mani giuste».

Inoltre ecologisti ed esperti di governance hanno sottolineato come accordi di questo tipo erano già stati raggiunti in precedenza, ma che non avevano portato a risultati concreti. E resta il fatto che due scienziati su tre sono scettici su quanto i governi possono essere in grado di rallentare il ritmo del riscaldamento globale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
2 ore
Omicron si è presa l'Europa
La variante, secondo l'ultimo rapporto dell'Ecdc, ha una prevalenza aggregata del 78% nel continente.
ITALIA
5 ore
In Italia sospesi quasi 2'000 medici non vaccinati
Gli inadempienti sono in totale oltre 33mila. In questa cifra sono però inclusi anche quelli che non possono vaccinarsi
SVIZZERA
7 ore
«Un dialogo ragionevole è necessario perché si calmi la tensione»
I ministri degli esteri di Usa e Russia soddisfatti dopo il meeting a Ginevra sull'Ucraina, ma l'allerta resta alta
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Anche l'Irlanda smantella (quasi tutte) le restrizioni
Il primo ministro Micheal Martin ha annunciato questa sera al Paese un quasi ritorno alla normalità
STATI UNITI
11 ore
L'alta trasmissibilità di Omicron non è causata da una maggiore carica virale
La variante sarebbe più contagiosa perché riesce a sfuggire meglio agli anticorpi, sottolineano due studi
STATI UNITI
13 ore
Quel piano per sostituire 16 grandi elettori di Biden con altrettanti pro Trump
Una manovra disperata portata avanti dal team del presidente e da Rudi Giuliani, scrive la Cnn
STATI UNITI
14 ore
Si rifiuta di tenere la mascherina, l'aereo è costretto a fare dietrofront
Poco meno di due ore in aria per il volo Miami-Londra, tornato sulla pista a causa di una passeggera molto combattiva
UNIONE EUROPEA
15 ore
App di tracciamento dei contatti: costate oltre 100 milioni, ma fallimentari
Solo il 5% dei casi è stato confermato dai vari strumenti in uso nell'Unione europea
BRASILE
1 gior
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
1 gior
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile