Immobili
Veicoli
AFP
RUSSIA
27.10.21 - 06:000
Aggiornamento : 09:57

I Paesi della quarta ondata: la Russia in testa al flagello

La ripresa dei contagi da Covid nell'est Europa sta portando verso nuovi lockdown.

Ma anche in Austria e Gran Bretagna si dibatte su nuove misure per i non vaccinati.

di Redazione

MOSCA - La solita pausa estiva, la sensazione, o meglio l'illusione, già vissuta un anno fa, che il peggio fosse alle spalle. E invece si inizia a respirare un'aria di déjà-vu perché i positivi da Covid in buona parte dell’Europa sono di nuovo in aumento. I dati in continuo aggiornamento, che arrivano soprattutto dall’est europeo sono allarmanti: Bulgaria, Russia, Romania e gli Stati balcanici. Ma anche Regno Unito e Austria non se la passano bene.

L'Europa che chiude - Si parla ormai di quarta ondata e non sono pochi i Paesi dove si sta correndo ai ripari con nuove forme, larghe o strette, di nuovi lockdown. L'Austria, che pure registra il 62% di vaccinati, è talmente preoccupata di ingolfare le terapie intensive che ha varato un piano in 5 fasi che può portare alla reintroduzione del lockdown per i non vaccinati. La Lituania, invece, lo ha già applicato a tappeto, compreso un rigido coprifuoco, per almeno un mese. La situazione è critica anche nelle altre due Repubbliche baltiche di Estonia e Lituania che ha deciso di introdurre un nuovo lockdown fino al 15 novembre. Il quadro sanitario è critico anche in Romania, penultimo Paese Ue per numero di vaccinati con doppia dose (il 29,4% della popolazione), alle prese con una nuova drammatica fase della pandemia, dove da lunedì sono in vigore nuove, severe restrizioni: scuole chiuse per almeno una settimana, obbligo di green pass in diverse attività, tra cui l’ingresso nei negozi, esclusi alimentari e farmacie, coprifuoco dalle 22, con la chiusura di bar e ristoranti fissata alle 21.

I Grandi tremano - A destare preoccupazione sono le grandi nazioni che sembrava avessero sconfitto il Covid per prime. Picco contagi in Gran Bretagna, tra le prime nazioni ad allargare le maglie dei controlli. Il Governo di Boris Johnson non esclude neanche l'ipotesi di restrizioni, finanche a varare l'obbligo di pass vaccinale per alcune attività sensibili ma il dibattito è aperto. Anche in Germania è in corso il dibattito su misure anticovid più restrittive, alla luce del forte aumento dei contagi che si è registrato la settimana scorsa, quando venerdì si è sfiorato un record di 19 mila contagi che non si toccava da maggio.

L'inferno russo - Ma chi sta messa peggio è la Russia, tra i Paesi col tasso più basso di vaccinazione (con lo Sputnik), ferma a un terzo circa della popolazione e che sta registrando qualcosa come mille morti al giorno. Il presidente Putin ha imposto lo stop a tutte le attività lavorative in presenza dal 30 ottobre al 7 novembre, mentre la capitale Mosca si è spinta anche oltre con la chiusura di scuole, negozi, bar, ristoranti e stadi.

In crisi anche i Balcani - Non diversa la situazione nei Balcani. In Serbia, dove la situazione epidemiologica resta molto critica con un alto numero di contagi e decessi, il governo ha annunciato da questa settimana l’obbligo del pass vaccinale nelle ore serali per ristoranti, caffè, bar e altri locali al chiuso. In Slovenia si è registrato il numero più alto di casi in un solo giorno degli ultimi 10 mesi. La situazione epidemiologica resta molto critica anche in Montenegro e Bosnia-Erzegovina, tutti Paesi con percentuali basse di immunizzati. In Bulgaria da giovedì 21 ottobre è obbligatoria la certificazione verde anti-Covid per le attività negli ambienti al chiuso. Fanno eccezione solo le farmacie, le banche, i negozi per generi alimentari, i trasporti e gli uffici pubblici.

La paura di un Natale nuovamente chiusi in casa comincia a serpeggiare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
49 min
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
3 ore
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
6 ore
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
9 ore
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
TAGIKISTAN
14 ore
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
21 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
1 gior
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
1 gior
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
1 gior
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
VIDEO
ITALIA
1 gior
Quirinale, Salvini prepara il suo "all in"
Il leader della Lega punta su Elisabetta Casellati e cerca un accordo con Renzi o i 5 Stelle. Alle 11 la terza votazione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile