AFP
REGNO UNITO
25.10.21 - 18:350
Aggiornamento : 26.10.21 - 12:18

Facebook: la testimonianza di Frances Haugen al Parlamento britannico

Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici

Intanto stanno venendo a galla i "Facebook Papers", sulla base dei documenti rilasciati dalla Haugen al Congresso USA

LONDRA - Facebook ha esperienza nell'affrontare crisi e attacchi, ma quello attuale è probabilmente il periodo più buio della storia del social network di Mark Zuckerberg e sono in molti, in particolare tra i dipendenti, a sperare che qualcosa possa cambiare.

Venerdì, diversi media statunitensi hanno iniziato a pubblicare una serie di storie - collettivamente chiamate "The Facebook Papers" - basate su centinaia di documenti interni della società che sono stati consegnati al Congresso statunitense dai legali di Frances Haugen, la talpa di Facebook. Tra questi, la CNN, il Wall Street Journal e il New York Times.

Utilizzato per «coordinare discordia e violenza», per «trafficare esseri umani», e «senza una moderazione efficace» dei contenuti, le accuse nei confronti della creatura di Zuckerberg si sprecano, e toccano diverse parti del suo business: in particolare la lotta contro l'odio e la disinformazione e la protezione degli utenti più giovani. Nel frattempo, l'azienda sembra perdere rapidamente la fiducia, e non solo tra alcuni dei suoi utenti, ma anche internamente.

«A cosa serve la commissione di vigilanza?»
Dopo aver parlato davanti al Congresso USA, oggi Haugen ha testimoniato di fronte al Parlamento britannico, ribadendo che l'azienda, di fronte alla scelta tra sicurezza e profitti, «continua a scegliere i profitti». Per l'ex dipendente, poi, Facebook ha «un enorme punto debole» quando si tratta di far arrivare i problemi su per la catena di comando, fino ai dirigenti.

Inoltre, «se Facebook può semplicemente ingannare l'Oversight Board - che è quello che ha fatto - non so quale sia lo scopo di tale commissione» ha denunciato. L'Oversight Board, lo ricordiamo, è una sorta di Corte Suprema per Facebook, composta da esperti esterni in settori come la libertà d'espressione e i diritti umani.

In aggiunta, la whistleblower ha detto che non c'è «nessuna volontà ai vertici» di Facebook di affrontare questi problemi. In seguito ha aggiunto che una delle sue principali preoccupazioni riguarda le altre lingue in cui è usata la piattaforma: «Facebook dice cose come "supportiamo 50 lingue", quando in realtà la maggior parte di queste lingue ricevono una piccola frazione dei sistemi di sicurezza che l'inglese riceve». 

Facebook cambierà?
Insomma, non c'è una fine in vista per i problemi di Facebook, il cui CEO Mark Zuckerberg ha sempre negato le accuse, e sta ora pianificando di cambiare nome alla piattaforma. Una mossa che, secondo la CNN, potrebbe essere solo «una mano di vernice» che «non risolverà i problemi di fondo delineati nei documenti».

Ciò che è chiaro è che i riflettori sono puntati sul gigante tecnologico, per capire se lo scandalo attuale, probabilmente il più grande di sempre, possa far cambiare qualcosa: Facebook modificherà le sue politiche in risposta alle rivelazioni degli attuali ed ex-dipendenti e sarà più trasparente, o continuerà con gli affari come al solito, sotto un nuovo nome? Qualcosa in più, forse, la si scoprirà giovedì.

D'altronde, Haugen ha dichiarato anche che «se Facebook può affrontare i problemi che sono emersi, tra 10 anni sarà un'azienda più redditizia e di successo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Peter Parker 1 mese fa su tio
Quindi in pratica si vuole che FB applichi una censura piu invasiva? Ovviamente deve essere censurato tutto cio' che e' illegale, immorale e quant altro. Ma per le differenti visioni politiche, le critiche verso un governo....chi decide cio' che deve essere bloccato o censurato? Le leggi del governo stesso? Andiamo bene.
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Peter Parker Io sono contro alla censura, perché i criteri sono personali. Basti pensare a ciò che è immorale, tempo addietro era immorale parlare esplicitamente di sesso, oggi è nel programma scolastico (per fortuna). Sono dell'idea che le azioni varie portate avanti da UE, States, ecc. vadino totalmente verso la direzione sbagliata. Bisognerebbe lottare contro la censura, non regolamentarla, perché altrimenti si rischia che pure la libertà stessa di espressione venga in futuro messa in discussione.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
LIVE
Omicron ha una variante “occulta” che la rende difficile da tracciare
In Austria ospedali allo stremo, in Spagna si vaccinano i bambini e l'Oms ragiona sull'obbligo vaccinale
GERMANIA
10 ore
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
12 ore
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
STATI UNITI
13 ore
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
LE FOTO
FRANCIA
16 ore
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
MONDO
18 ore
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
1 gior
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
1 gior
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
ITALIA
1 gior
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
LA FOTO
STATI UNITI
1 gior
La foto di Natale con i fucili d'assalto che fa discutere gli USA
L'albero addobbato, la famiglia riunita, e i... fucili d'assalto. Un'immagine che ha provocato una marea di polemiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile