keystone-sda.ch (Sven Hoppe)
+1
GERMANIA
25.10.21 - 16:150

È andata in Iraq e si è unita all'ISIS, condannata a dieci anni per le atrocità

La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina

La piccola della comunità Yazidi aveva cinque anni, ed è stata lasciata morire di sete sotto il sole cocente

MONACO - È partita dalla Germania per l'Iraq nel 2014 per diventare una delle spose dell'Isis, abbracciando la causa del gruppo estremista dello Stato islamico. 

Oggi Jennifer W. - così è stata chiamata in linea con le norme sulla privacy - è stata condannata a dieci anni di carcere per diversi reati: appartenenza a un'organizzazione terroristica all'estero, complicità in un tentato omicidio, tentati crimini di guerra e crimini contro l'umanità. Lo ha riferito l'agenzia stampa tedesca Dpa, citando la Corte di appello di Monaco.

La parte più sensibile della vicenda riguarda in particolare il decesso di una bambina yazidi di cinque anni, lasciata morire di sete in un cortile, sotto il sole cocente. "Jennifer W. sarebbe «rimasta a guadare, senza fare nulla» innanzi alle torture e sofferenze inflittele dal suo marito di allora (anch'egli sotto processo, a Francoforte).

«Era una bambina indifesa», ha detto il giudice Joachim Baier, aggiungendo che W. «avrebbe dovuto mettere in conto sin da subito che la bambina, legata sotto al sole, era in pericolo di morte». Invece non ha fatto niente, seppur le sarebbe «stato possibile» agire. La madre della bimba, poi, sarebbe stata sfruttata come «schiava» nella loro casa e «picchiata quotidianamente».

Infine, secondo la Corte, «l'imputata era a conoscenza degli scopi e delle azioni antiumane dell'ISIS, quando è partita per unirsi all'organizzazione».

La procura federale aveva chiesto l'ergastolo per la donna, mentre la difesa una pena massima di due anni per l'appartenenza all'organizzazione terroristica dell'ISIS.

La condanna della trentenne è in parte anche storica, poiché una delle prime al mondo relative alla persecuzione della comunità Yazidi da parte del gruppo terroristico dello Stato Islamico.

 

 

keystone-sda.ch (Sven Hoppe)
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
6 ore
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
PERÙ
9 ore
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
LIVE
MONDO
LIVE
«Omicron dà sintomi lievi»
La presidente dell'Associazione dei medici del Sudafrica dà una speranza sulla nuova variante del virus.
ITALIA
1 gior
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
1 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
1 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
1 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
1 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
MESSICO
2 gior
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile