Depositphotos (Tinieder)
Un rapporto svela quali sono i principali inquinatori di prodotti di plastica al mondo.
MONDO
25.10.21 - 14:350

I più grandi inquinatori di prodotti plastici al mondo? Coca-Cola Company e PepsiCo

Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé

Lo indica "Branded", rapporto realizzato dal movimento Break Free From Plastic

AMSTERDAM - Coca-Cola, Pepsi, Unilever e Nestlé sono i più grandi inquinatori di prodotti di plastica al mondo. Lo afferma il rapporto "Branded" del movimento Break Free From Plastic e pubblicato da Greenpeace.

In cosa consiste il rapporto - L'edizione 2021 di "Branded" si basa su 440 audit da parte del movimento di cui l'organizzazione ambientalista fa parte. La raccolta di dati ha visto inoltre in azione oltre 11mila volontari in 45 paesi, che hanno raccolto 330'493 rifiuti di plastica - per lo più imballaggi monouso - su spiagge e lungolaghi e li hanno abbinati ai rispettivi marchi.

Secondo “Branded”, Coca-Cola Company e PepsiCo sono i maggiori inquinatori di plastica al mondo per il quarto anno consecutivo. I volontari hanno trovato quasi 20mila rifiuti di plastica con il marchio Coca-Cola quest'anno, più dei due maggiori inquinatori messi insieme. «Ciò suggerisce» afferma Greenpeace «che la promessa di Coca-Cola di raccogliere una bottiglia per ogni bottiglia venduta ha un impatto minimo sull'inquinamento da plastica dell'azienda».

Al terzo posto lo sponsor della COP26 - Per la prima volta dall'inizio degli audit globali del marchio nel 2018, Unilever compare tra i primi tre inquinatori - sebbene l'azienda sia il partner principale del vertice sul clima delle Nazioni Unite COP26 a Glasgow. Amaro il giudizio contenuto nel rapporto: «Dato che il 99% della plastica è prodotta da combustibili fossili e le compagnie petrolifere stanno attivamente spostando la loro attenzione sulla plastica come fonte di reddito crescente, il ruolo di Unilever nella COP26 è particolarmente cinico».

Con oltre 6mila prodotti raccolti, Unilever ha addirittura superato il colosso alimentare svizzero Nestlé, che si piazza in quarta posizione. L'appello che viene rivolto al colosso elvetico è di «ridurre urgentemente la sua impronta di plastica e passare in modo coerente da imballaggi monouso a soluzioni riutilizzabili».

Gli imballaggi in plastica intensificano la crisi climatica - In vista della COP26, il Brand Audit di quest'anno fa luce su come l'industria della plastica stia alimentando la crisi climatica, ovvero come le multinazionali dei beni di consumo stiano promuovendo l'espansione della produzione di plastica da parte dell'industria petrolifera. Quasi 300 organizzazioni di 76 paesi hanno firmato una lettera aperta ai delegati della COP26 chiedendo un allontanamento dalla produzione di combustibili fossili e plastica e, nel contempo, investimenti in alternative prive di rifiuti.

«Nonostante le loro promesse di miglioramento, gli stessi inquinatori compaiono negli audit anno dopo anno. Queste aziende fingono di combattere la crisi della plastica ma continuano a investire in soluzioni sbagliate e lavorano con le compagnie petrolifere per produrne ancora di più. Per porre fine alla crisi della plastica e combattere il cambiamento climatico, aziende come Nestlé e Coca-Cola devono porre fine alla loro dipendenza dagli imballaggi in plastica monouso e abbandonare i prodotti petroliferi», afferma Matthias Wüthrich, esperto di rifiuti zero di Greenpeace Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
LIVE
Omicron ha una variante “occulta” che la rende difficile da tracciare
In Austria ospedali allo stremo, in Spagna si vaccinano i bambini e l'Oms ragiona sull'obbligo vaccinale
GERMANIA
11 ore
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
13 ore
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
STATI UNITI
14 ore
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
LE FOTO
FRANCIA
17 ore
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
MONDO
19 ore
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
1 gior
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
1 gior
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
ITALIA
1 gior
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
LA FOTO
STATI UNITI
1 gior
La foto di Natale con i fucili d'assalto che fa discutere gli USA
L'albero addobbato, la famiglia riunita, e i... fucili d'assalto. Un'immagine che ha provocato una marea di polemiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile