Immobili
Veicoli
Reuters
MADAGASCAR
23.10.21 - 17:070

In Madagascar la prima carestia causata dai cambiamenti climatici

Il sud del Madagascar è interessato da anni dalla siccità, che costringe gli abitanti a nutrirsi di cactus e cavallette.

È l'allarme lanciato dal Programma alimentare dell'ONU.

ANTANANARIVO - Nel sud del Madagascar la popolazione sopravvive mangiando cavallette e foglie di cactus. Più di un milione di persone è alla fame a causa di quella che può essere definita la prima carestia causata dai cambiamenti climatici. Lo afferma il Programma alimentare mondiale (PAM) dell'ONU che ricorda come questa regione è interessata ormai da anni dalla siccità.

La mancanza di pioggia impedisce i raccolti e le comunità rurali hanno esaurito le loro scorte alimentari. Il paesaggio è dunque sempre più disperante con villaggi circondati da campi aridi e piante di pomodoro completamente bruciate per la mancanza di acqua. Chi viveva del lavoro dei campi è stato costretto a scelte disperate per sopravvivere, come la vendita del bestiame per ottenere il denaro utile ad acquistare gli alimenti che fino a poco tempo fa questi agricoltori producevano autonomamente.

Ma c'è anche chi ha dovuto vendere la casa e la terra. Sempre più spesso poi le famiglie sono costrette a ritirare da scuola i bambini per utilizzare le forze di tutti i membri della famiglia per provare a sopravvivere. Ciò implica un impatto negativo sull'istruzione dei giovani.

Il Madagascar, la quarta più grande isola del mondo, possiede un ecosistema unico che comprende piante e animali che non si trovano in nessun altra parte del mondo. Normalmente il Paese vive una stagione secca da maggio a ottobre e una stagione delle piogge che inizia a novembre. I cambiamenti climatici hanno modificato questo ciclo naturale danneggiando irrimediabilmente i piccoli agricoltori.

E secondo il Programma Alimentare Mondiale il dramma che si vive in Madagascar potrebbe riguardare presto altri Paesi se non ci si prepara a reagire agli shock climatici.

È dunque importante usare l'opportunità della prossima Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP26, che si terrà a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre, perché i governi si concentrino sulla gestione del rischio piuttosto che sulla risposta alle crisi. Secondo il PAM, infatti, è importante dare priorità ai finanziamenti per i programmi di adattamento al clima, per aiutare i paesi a mettere in atto un migliore sistema di gestione del rischio.

«Se non di fa nulla - conclude l'agenzia delle Nazioni Unite - la fame aumenterà esponenzialmente nei prossimi anni a causa dei cambiamenti climatici».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
L'alta trasmissibilità di Omicron non è causata da una maggiore carica virale
La variante sarebbe più contagiosa perché riesce a sfuggire meglio agli anticorpi, sottolineano due studi
STATI UNITI
3 ore
Quel piano per sostituire 16 grandi elettori di Biden con altrettanti pro Trump
Una manovra disperata portata avanti dal team del presidente e da Rudi Giuliani, scrive la Cnn
STATI UNITI
4 ore
Si rifiuta di tenere la mascherina, l'aereo è costretto a fare dietrofront
Poco meno di due ore in aria per il volo Miami-Londra, tornato sulla pista a causa di una passeggera molto combattiva
UNIONE EUROPEA
5 ore
App di tracciamento dei contatti: costate oltre 100 milioni, ma fallimentari
Solo il 5% dei casi è stato confermato dai vari strumenti in uso nell'Unione europea
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La vaccinazione in Austria diventa obbligatoria
La misura entrerà in vigore dal prossimo 4 febbraio. È il primo Paese europeo a introdurla
BRASILE
18 ore
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
22 ore
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
ITALIA
23 ore
Italia: da oggi serve il Green pass per entrare da parrucchieri ed estetisti
Da febbraio sarà presumibilmente necessario il certificato per accedere ad uffici, servizi e negozi non essenziali
MONDO
1 gior
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
TONGA
1 gior
Travolto dallo tsunami, racconta un'odissea di 24 ore
L'incredibile storia narrata da un 57enne tongano ad un'emittente radio locale
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile