Immobili
Veicoli
Depositphotos (foto d'archivio)
MONDO
20.10.21 - 12:500

«Serve un'azione immediata e decisa da parte dei governi»

Petrolio, gas e carbone allargano il gap tra i piani produttivi degli Stati e gli obiettivi climatici per il 2030.

Stando alle previsioni del nuovo rapporto "The Production Gap", le cifre per la fine del decennio risultano pari a oltre il doppio di quella compatibile con la limitazione del riscaldamento globale a 1.5 gradi. Per l'Onu serve un'azione «immediata» da parte dei governi.

STOCCOLMA - Così proprio non va. È questo, in una condensatissima sostanza, la conclusione che emerge dalle pagine del rapporto "The Production Gap" 2021 - realizzato in collaborazione con il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente -, che misura la distanza tra quelle che sono le previsioni produttive a base di combustibili fossili dei governi e gli obiettivi climatici in vista dell'orizzonte 2030.

Il "gap" in questione resta infatti molto ampio. Cifre alla mano, queste previsioni si fissano a una soglia pari a oltre il doppio di quella compatibile con la limitazione del riscaldamento globale di 1.5 gradi centigradi. In altre parole, il quadro è pressoché speculare alla situazione immortalata nel 2019 e per riuscire a centrare l'obiettivo, sottolineano gli autori dello studio, è necessaria un'azione che sia «immediata» e «decisa».

I Paesi «hanno fissato i propri obiettivi in termini di emissioni zero» e, in parallelo, hanno «ampliato le proprie ambizioni climatiche». Tuttavia, gli stessi «non hanno chiarito o pianificato in modo manifesto la riduzione della produzione basata sui combustibili fossili che questi obiettivi richiedono». Sono quindi i governi ad avere «un ruolo di primo piano» nel «ridurre il gap e favorire la transizione». Per questo motivo, si legge nel report, spetta a loro muoversi per primi, riducendo l'utilizzo di petrolio, gas e soprattutto il carbone.

Il "cattivo" principale è ancora il carbone
Il carbone è il protagonista negativo del report. Il suo è infatti il punto esclamativo che maggiormente risuona tra le righe. E buttando un occhio sui grafici il motivo è chiaro. Il margine tra quelle che sono le previsioni e gli obiettivi fissati per il 2030 è il più ampio dei tre. Nel dettaglio, per quell'anno si prevedono discrepanze superiori del 57% per quanto riguarda il petrolio, del 71% per il gas e del 240% per il carbone rispetto alle quantità compatibili con il limitare il riscaldamento a 1.5 gradi.

Una "sinfonia" di campanelli d'allarme
Il report fa squillare nuovamente un campanello d'allarme che, solo un paio di mesi fa, era stato già sollecitato dal Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC), che aveva tracciato cinque possibili scenari per i prossimi due decenni. Ed è un campanello che risuona quando mancano pochi giorni all'apertura della COP26. E il primo degli obiettivi di Glasgow è proprio quello di azzerare le emissioni nette a livello globale entro il 2050, puntando a limitare a1 1.5 gradi centigradi l'aumento delle temperature. E per farlo sarà chiesto a ogni Paese di fissare obiettivi che siano «ambiziosi» e «allineati» per ridurre le emissioni già entro il 2030. Una conditio sine qua non per poter perseguire il grande obiettivo entro la metà del secolo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 2 mesi fa su tio
Fortunatamente non sono tutti ecoisterici!!
T-34 2 mesi fa su tio
@seo56 Già, per fortuna ci sono anche gli egoisti irresponsabili compulsivi, concentrati esclusivamente sul proprio edonismo, che se ne fregano del futuro, degli altri, delle evidenze scientifiche e del destino del pianeta. L'importante è spassarsela senza limiti in nome del proprio narcisismo e del proprio ego illimitato... finché dura.
Suissefarmer 2 mesi fa su tio
il surriscaldamento non è solo del nostro pianeta, ma di tutto il sistema solare. il sole sta cambiando, e non possiamo farci nulla, ma per rassicurare il popolo, la colpa dell uomo fa meno paura. già vero e che un pochino di contributo a velocizzare il processo lo facciamo pure noi, ma è minimo.
Shion 2 mesi fa su tio
@Suissefarmer La colpa dell'uomo a me fa più paura non meno. Sempre che è vero che è dovuto al sole. Ma in tutti i casi non vuol dire che creare un mondo meno tossico non debba essere imperativo ed urgente.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
9 ore
«A Downing Street si beveva ogni venerdì sera»
Il "Partygate" continua far discutere: mentre Johnson pensa a licenziamenti e divieti, molti chiedono la sua rimozione
STATI UNITI
12 ore
«Questo virus rimarrà con noi, probabilmente per sempre»
Parola di Robert Wachter, una delle voci più ascoltate sulla pandemia negli Usa
STATI UNITI
19 ore
Il ritorno di Trump: «Riprendiamoci l'America»
Durante un comizio in Arizona ha rispolverato tutti i suoi argomenti da campagna elettorale
STATI UNITI
20 ore
Ostaggi salvi, morto il sequestratore
È finito l'incubo nella sinagoga di Colleyville in Texas. Le forze speciali sono entrate in azione
TONGA
1 gior
Eruzione sottomarina, onde alte più di un metro raggiungono il Giappone
Piccole inondazioni si sono verificate anche alle Hawaii, e le spiagge sono state chiuse
LIVE CORONAVIRUS
1 gior
«Bisogna concentrarsi sulla variante Delta, che determina casi più gravi»
«La variante Delta è ancora presente e se andassimo ad un livello di contagio più alto rappresenterebbe un problema»
TONGA
1 gior
Potente eruzione sottomarina, uno tsunami colpisce Tonga
Si segnalano già onde alte oltre un metro che s'infrangono sulle case della capitale, Nuku'alofa
AUSTRALIA
1 gior
Nole è di nuovo in detenzione
Lo fanno sapere i suoi avvocati. Oggi per Djokovic sarà il giorno della verità?
AUSTRALIA
2 gior
Nole espulso: «Maltrattato un intero Paese»
Il campione serbo ha un piede e mezzo fuori dal primo Slam stagionale dopo che l'Australia gli ha ancora tolto il visto.
STATI UNITI
2 gior
Netflix vuole colonizzare l'Asia
Il successo di Squid Game potrebbe fungere da cavallo di Troia: «L'obiettivo è arrivare a mezzo miliardo di utenti».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile