Immobili
Veicoli
Depositphotos (foto d'archivio)
MONDO
14.10.21 - 16:570
Aggiornamento : 15.10.21 - 07:42

Anche Facebook ha una sua (lunghissima) "lista nera"

Nell'elenco ci sono più di 4'000 fra individui, gruppi e organizzazioni che i vertici del social considerano pericolosi.

Terrorismo, odio, movimenti sociali militarizzati. Tutti questi attori sono "bannati" dalla grande F e relegati in tre livelli di restrizioni, che limitano gli apprezzamenti e le forme di sostegno che l'utenza può esprimere nei loro confronti.

MENLO PARK - Anche ai piani alti di Menlo Park hanno un lungo elenco di persone (e non solo) che non sono gradite sul social network più popolare del mondo. È una vera e propria "lista nera" di Facebook, quella pubblicata dal portale The Intercept, in cui trovano posto oltre 4'000 nominativi tra singole persone, associazioni e gruppi provenienti da tutto il mondo.

Ma in concreto chi c'è in quel centinaio di pagine? O meglio, che cosa hanno fatto queste entità per meritarsi l'iscrizione? La motivazione che più ricorre, scorrendo il centinaio di pagine, è quella legata a organizzazioni di stampo terroristico (53.3%), che costituiscono oltre la metà della lista, con oltre 2'200 nomi. A seguire, a distanza, ci sono poi i cosiddetti movimenti sociali militarizzati (23.3%) e i gruppi di odio (17%), fino alle ultime "etichette" presenti in coda, con i criminali (4.9%) e gli "attori non statali violenti". Gli iscritti sono inoltre suddivisi in tre "tier", ossia livelli che determinano restrizioni di diverso tipo.

Categorie e tre livelli di restrizioni
Si parte dalla premessa è che a tutti gli attori presenti nella lista non è consentito il mantenimento di una presenza su Facebook, come spiega The Intercept. Detto ciò, per il livello 1 (il più restrittivo) è stabilito che qualunque commento a sostegno o in apprezzamento a uno di questi gruppi non è consentito e viene di conseguenza rimosso dalla piattaforma. Il 70% dei meandri del "tier 1" sono popolati da entità legate al terrorismo; un gruppo che per la stragrande maggioranza è costituito da soggetti e organizzazioni di provenienza asiatica e mediorientale.

Nel secondo livello trovano invece posto i cosiddetti "attori non statali violenti", che consistono soprattutto in gruppi di ribelli armati che hanno solitamente nei propri mirini i governi di alcuni paesi. Agli utenti di Facebook è in questo caso consentito di esprimersi a sostegno delle azioni non violente di questi gruppi, senza supportare però in modo concreto i gruppi stessi. Infine il terzo livello, che include gruppi non violenti che però si adoperano nel diffondere discorsi di odio in rete. Agli utenti del social è in questo caso consentito di discutere di questi soggetti e gruppi, che sono in larga parte costituiti dai movimenti sociali militarizzati, spesso legati ad ambienti dell'estrema destra statunitense e del suprematismo bianco.

E in Svizzera? Solo un paio di nomi
Nella lunga "blacklist" di Menlo Park ci sono anche due band svizzere, entrambe inserite nella categoria "odio". Si tratta degli Indiziert e degli Sturmtruppen. Il primo di questi, formatosi a Burgdorf nel 2001, è noto anche per la sua connessione con il PNOS, il Partito dei nazionalisti svizzeri, esponente dell'estrema destra nazionale. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
aleddgg 3 mesi fa su tio
Se da un lato fanno pulizia di questi mostri, permettono la divulgazione continua di fake news... il che li porta al punto di partenza...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La sorella di Omicron sarebbe anche in Lombardia
Sul portale internazionale di dati genomici sono stati segnalati dieci casi di BA.2 nella vicina Penisola
ITALIA
11 ore
Il giallo di Camilla Canepa, i dottori sapevano che era vaccinata
La 18enne e la sua famiglia avevano avvisato i medici, nonostante questo non sono state seguite le linee guida dell'Isth
BRASILE
14 ore
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
RUSSIA / UCRAINA
22 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
1 gior
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
1 gior
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
1 gior
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
1 gior
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
VIDEO
ITALIA
1 gior
Quirinale, i "bookmaker" oggi dicono Casini
L'ex presidente della Camera parte in pole. Il centrodestra compatto su Sabino Cassese? Alle 11 via al quarto scrutinio
TAGIKISTAN
1 gior
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile