Immobili
Veicoli
Reuters
Francia
12.10.21 - 19:300

La Corte europea dei diritti umani nega il diritto di denunciare il Vaticano per atti di pedofilia

La Santa Sede è come uno Stato e gode quindi dell'immunità diplomatica e giurisdizionale

STRASBURGO - La Santa Sede è immune. Esattamente come uno Stato, gode del diritto di non poter essere denunciata. Nemmeno se è complice di pedofilia. Lo ha stabilito oggi la Corte europea dei diritti umani.

Nel 2011, 24 persone di nazionalità belga, francese e olandese erano apparse davanti al tribunale di Gand per denunciare gli abusi sessuali che avevano subito da dei preti cattolici quando erano ancora bambini e di come la Chiesa non avesse agito in alcun modo a riguardo.

Denunciavano in pratica un deficit strutturale che l’istituzione aveva nell'affrontare il noto problema degli abusi sessuali al suo interno. L'azione collettiva dei 24 era stata intenta nel luglio di quell'anno contro la Santa Sede, un arcivescovo della Chiesa cattolica belga e i suoi due predecessori. Oltre a questi, erano stati messi in causa anche diversi preti e due associazioni di ordine religioso.

Il tribunale di primo grado aveva dichiarato poi, nel 2013, che non aveva alcuna giurisdizione nei confronti del Vaticano. E così dichiarò anche il tribunale d'appello di Gand nel 2016. Tribunale che aggiunse inoltre che il Belgio riconosce la Santa Sede come sovrano straniero, e questo vuol dire che ha gli stessi diritti e doveri di uno Stato.

Il riconoscimento, spiegava la corte d'appello nella sua decisione, è dato da un insieme di elementi riconosciuti di diritto internazionale consuetudinario, che primo fra tutti comprende la creazione di trattati e la rappresentanza diplomatica. Perciò la Santa Sede gode dell'immunità diplomatica e di quella giurisdizionale, esattamente come un Stato. La corte aveva inoltre valutato che la controversia non rientrava nelle eccezioni al principio di quest'ultima immunità.

I ricorrenti si erano perciò rivolti alla Corte europea dei diritti umani, in quanto ritenevano di aver subito un attacco al loro diritto di accesso nei tribunali. Strasburgo, in una nota pubblicata oggi, è sostanzialmente d'accordo con le decisioni dei tribunali belgi. «La Corte ritiene che la decisione dei giudici belgi non si discosta dai principi generalmente riconosciuti del diritto internazionale in materia di immunità degli Stati e non può quindi essere considerato come una restrizione al diritto di accesso a un tribunale in quanto sproporzionato rispetto alle legittime finalità perseguite».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
1 ora
Omicron si è presa l'Europa
La variante, secondo l'ultimo rapporto dell'Ecdc, ha una prevalenza aggregata del 78% nel continente.
ITALIA
4 ore
In Italia sospesi quasi 2'000 medici non vaccinati
Gli inadempienti sono in totale oltre 33mila. In questa cifra sono però inclusi anche quelli che non possono vaccinarsi
SVIZZERA
6 ore
«Un dialogo ragionevole è necessario perché si calmi la tensione»
I ministri degli esteri di Usa e Russia soddisfatti dopo il meeting a Ginevra sull'Ucraina, ma l'allerta resta alta
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Anche l'Irlanda smantella (quasi tutte) le restrizioni
Il primo ministro Micheal Martin ha annunciato questa sera al Paese un quasi ritorno alla normalità
STATI UNITI
10 ore
L'alta trasmissibilità di Omicron non è causata da una maggiore carica virale
La variante sarebbe più contagiosa perché riesce a sfuggire meglio agli anticorpi, sottolineano due studi
STATI UNITI
12 ore
Quel piano per sostituire 16 grandi elettori di Biden con altrettanti pro Trump
Una manovra disperata portata avanti dal team del presidente e da Rudi Giuliani, scrive la Cnn
STATI UNITI
13 ore
Si rifiuta di tenere la mascherina, l'aereo è costretto a fare dietrofront
Poco meno di due ore in aria per il volo Miami-Londra, tornato sulla pista a causa di una passeggera molto combattiva
UNIONE EUROPEA
14 ore
App di tracciamento dei contatti: costate oltre 100 milioni, ma fallimentari
Solo il 5% dei casi è stato confermato dai vari strumenti in uso nell'Unione europea
BRASILE
1 gior
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
1 gior
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile