Immobili
Veicoli
Keystone
FILIPPINE
09.10.21 - 20:350

«Facebook mina la democrazia»

La bordata della vincitrice del Nobel per la Pace Maria Ressa: «Gli algoritmi danno la priorità alle fake-news».

La giornalista filippina nel suo Paese è oggetto di dure campagne d'odio sui social da parte dei sostenitori del presidente Rodrigo Duterte.

MANILA - Facebook è «contro i fatti» e non è in grado d'impedire la diffusione della disinformazione. Dopo una settimana nera per i clamorosi black-out che hanno coinvolto anche le altre sue piattaforme Instagram e WhatsApp e le denunce dell'ex impiegata Frances Haugen di mettere il profitto davanti all'impegno contro i discorsi d'odio e la disinformazione, il social network finisce ora nel mirino della giornalista filippina Maria Ressa, fresca vincitrice del Nobel per la Pace come paladina della libertà d'espressione, insieme al collega russo Dmitry Muratov.

In un'intervista rilanciata dal Guardian, la reporter ha denunciato che gli algoritmi di Facebook «danno priorità alla diffusione di bugie intrecciate con rabbia e odio rispetto ai fatti». E sebbene sia diventato il più grande distributore di notizie al mondo, è l'accusa della cronista, «è prevenuto contro i fatti, è prevenuto contro il giornalismo. Se non hai fatti, non puoi avere verità, non puoi avere fiducia. Se non hai nessuno di questi, non hai una democrazia».

Secondo la co-fondatrice del sito Rappler, questo mancato contrasto alle fake news da parte del social, utilizzato da oltre tre miliardi di persone nel mondo, minaccia la tenuta delle nostre società. «Oltre a questo, se non hai i fatti, non hai una realtà condivisa, quindi non puoi risolvere i problemi esistenziali come il clima e il coronavirus», ha detto Ressa, che nel suo Paese è stata oggetto di dure campagne d'odio sui social da parte dei sostenitori del presidente Rodrigo Duterte, di cui ha più volte denunciato i punti oscuri della lotta al narcotraffico e l'uso massiccio d'internet come «arma» contro gli avversari politici.

E proprio in vista della successione del presidente filippino nel voto del maggio prossimo - visto che secondo la Costituzione non può ricandidarsi -, la Nobel prevede una campagna che «sarà una battaglia per i fatti». In vista di questo appuntamento elettorale, promette quindi la reporter, «continueremo ad assicurarci che il nostro pubblico veda i fatti, e che li capisca. Non ci faremo attaccare o intimidire, riducendoci al silenzio».

«Crediamo nella libertà di stampa e sosteniamo i media e i giornalisti nel mondo che continuano il loro importante lavoro», ha commentato Facebook, respingendo le accuse. Ma per l'immagine del gigante del web, la bocciatura della Nobel per la Pace rappresenta un nuovo duro colpo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Peter Parker 3 mesi fa su tio
Un colpo alla volta e FB si ridimensionerà. Fake News non diminuiranno, ma speriamo almeno che non vadano solo in una direzione (non credo ci sia bisogno di dire di quale linea di pensiero politico siano FB, Twitter & co.).
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
Il ritorno di Trump: «Riprendiamoci l'America»
Durante un comizio in Arizona ha rispolverato tutti i suoi argomenti da campagna elettorale
STATI UNITI
3 ore
Ostaggi salvi, morto il sequestratore
È finito l'incubo nella sinagoga di Colleyville in Texas. Le forze speciali sono entrate in azione
TONGA
15 ore
Eruzione sottomarina, onde alte più di un metro raggiungono il Giappone
Piccole inondazioni si sono verificate anche alle Hawaii, e le spiagge sono state chiuse
LIVE CORONAVIRUS
19 ore
«Bisogna concentrarsi sulla variante Delta, che determina casi più gravi»
«La variante Delta è ancora presente e se andassimo ad un livello di contagio più alto rappresenterebbe un problema»
TONGA
23 ore
Potente eruzione sottomarina, uno tsunami colpisce Tonga
Si segnalano già onde alte oltre un metro che s'infrangono sulle case della capitale, Nuku'alofa
AUSTRALIA
1 gior
Nole è di nuovo in detenzione
Lo fanno sapere i suoi avvocati. Oggi per Djokovic sarà il giorno della verità?
AUSTRALIA
1 gior
Nole espulso: «Maltrattato un intero Paese»
Il campione serbo ha un piede e mezzo fuori dal primo Slam stagionale dopo che l'Australia gli ha ancora tolto il visto.
STATI UNITI
1 gior
Netflix vuole colonizzare l'Asia
Il successo di Squid Game potrebbe fungere da cavallo di Troia: «L'obiettivo è arrivare a mezzo miliardo di utenti».
ITALIA / UNIONE EUROPEA
1 gior
La corsa di Omicron lanciata verso l'apice della curva
La variante ha fatto registrare oltre 3 milioni di casi globali sia ieri che mercoledì. Non era mai accaduto prima.
UCRAINA
2 gior
L'Ucraina vittima di un attacco informatico
I primi sospetti sono stati rivolti alla Russia. Nessuna fuga di dati personali sarebbe avvenuta
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile