Immobili
Veicoli
Depositphotos (ArturVerkhovetskiy)
Immagine di archivio.
STATI UNITI
10.10.21 - 08:000

La scuola statunitense alle prese con episodi di razzismo e un dibattito divisivo

La petizione per ripristinare la schiavitù in un liceo del Missouri è solo l'episodio più eclatante

KANSAS CITY - La scuola statunitense è agitata in queste settimane da due modi diametralmente opposti di affrontare il discorso razziale.

Da una parte ci sarebbe un aumento di episodi di razzismo, dall'altra i dirigenti scolastici sono alle prese con le rimostranze di genitori bianchi che sostengono che le lezioni sul tema fanno stare male i propri figli.

La petizione pro-schiavitù

La spaccatura sta diventando sempre più evidente. Ne è un chiaro esempio, come ricorda la Cnn, la petizione online per ripristinare la schiavitù presentata in un liceo di Kansas City, nel Missouri. Due settimane dopo, la comunità afroamericana denuncia la mancanza di prese di posizione in merito ed esprime il timore di una possibile escalation di atti ostili che già si manifestano in svastiche e cappi disegnati nei bagni e minacce alle minoranze e alla comunità Lgbtq.

La sovrintendente scolastica Jeanette Cowherd ha dichiarato: «Abbiamo due opzioni. Possiamo reagire o possiamo rispondere. Abbiamo scelto di rispondere, per creare una soluzione a lungo termine che soddisfi al meglio le esigenze dei nostri studenti, del nostro personale, delle nostre famiglie e della nostra comunità». La ricerca di un consulente esperto in tematiche di razza e inclusione fa parte di questo modo di affrontare il problema.

Il timore di una riscrittura della Storia

I provvedimenti sono stati recepiti con scetticismo e malumore da alcuni genitori bianchi, precisa sempre il media Usa, che hanno fatto confusione «con il dibattito su cosa sia e cosa non sia la teoria critica della razza». In una recente riunione del consiglio scolastico del liceo di Kansas City, una madre si è fatta portavoce condivisa da vari genitori. «Vorrei affrontare la teoria critica della razza, a volte chiamata insegnamento culturalmente sensibile. La storia è quello che è, che ci piaccia o no, e non dovrebbe essere riscritta. Temo che ciò causerebbe più divisione e razzismo facendo sì che gli altri siano visti per il colore della pelle piuttosto che per le altre qualità personali individuali della persona».

Nicole Price, Ceo di una società di consulenza ed esperta in materia, si trova ad affrontare giornate molto dure. Dopo che un distretto scolastico del Missouri l'ha assunta per condurre una sessione, il consiglio scolastico ha ricevuto minacce. Per la sua incolumità ora viene accompagnata da un autista, ma chiede ulteriori misure di sicurezza.

Un terreno di scontro politico

«Penso che gli incidenti (razzisti) siano aumentati, e lo dico per quello che sento dai miei figli. Che l'ambiente è un po' più teso nelle nostre scuole. C'è più odio là fuori negli ultimi due anni» sostiene la senatrice democratica dello stato del Kansas Cindy Holscher.

Questa spaccatura nelle scuole sta alimentando la lotta politica tra repubblicani e democratici, con i primi che gettano benzina sul fuoco del dibattito sulla teoria razziale critica. La governatrice repubblicana dell'Iowa Cindy Reynolds ha firmato la scorsa estate una legge che dettava rigorosamente ciò che gli insegnanti possono dire agli studenti sulla razza e sull'America. «Abbiamo vietato la teoria critica della razza e qualsiasi curriculum o formazione che insegni che gli Stati Uniti o l'Iowa sono fondamentalmente razzisti o sessisti». In Tennessee, invece, sono state vietate le lezioni di storia che potrebbero far sentire "a disagio" gli studenti a causa della loro razza.

All'opposto c'è la California, che per prima richiederà il superamento di un corso in "studi etnici" per conseguire il diploma superiore a partire dal 2029. La firma al disegno di legge, che giunge dopo anni di discussioni, è stata apposta dal governatore democratico Gavin Newsom. Questi studi, afferma, promuovono «una consapevolezza sociale» affrontando «le iniquità del sistema» e le varie forme d'intolleranza. I primi corsi saranno offerti nel 2025.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
CINA
3 ore
Olimpiadi di Pechino, stop alla vendita dei biglietti (in ottica anti-Covid)
Gli organizzatori scelgono di rafforzare ulteriormente la "bolla" che dovrà avvolgere atleti e addetti ai lavori
REGNO UNITO
5 ore
Come in Sudafrica, netta frenata di Omicron nel Regno Unito
Anche oltremanica il numero dei nuovi casi sta calando in modo deciso dopo il picco del 4 gennaio.
TONGA
7 ore
La britannica dispersa dopo lo tsunami è stata trovata morta
Il fratello della vittima ha confermato che il corpo è stato rivenuto dal marito con cui si era trasferita sulle isole
ITALIA
9 ore
Multa ai non vaccinati? Può essere tutt'altro che immediata
La sanzione entra in vigore il 1° febbraio ma prima di essere costretti a pagare possono passare anche 260 giorni
FRANCIA
11 ore
Eric Zemmour condannato per odio razziale
Il candidato di estrema destra alla presidenza dovrà pagare una multa di 10mila euro
EMIRATI ARABI UNITI
14 ore
Esplosioni e incendi ad Abu Dhabi in seguito ad un attacco con dei droni
Sono stati riportati almeno tre morti e diversi feriti. I ribelli Huthi hanno rivendicato l'operazione militare
RUSSIA
15 ore
Navalny «vive in un inferno» da 365 giorni
La denuncia di Amnesty International, secondo cui l'oppositore rischia ulteriori 15 anni di prigione
NUOVA ZELANDA
19 ore
Tonga, forse c'è stata una «nuova grande eruzione»
Lo confermereberro i sismografi, intanto dalla Nuova Zelanda il primo aereo per tentare di attestare i danni
COREA DEL SUD
21 ore
Uomini che odiano il femminismo
Il caso della Corea del Sud dove i gruppi maschilisti contro la «discriminazione di genere» sono sulla cresta dell'onda
REGNO UNITO
1 gior
«A Downing Street si beveva ogni venerdì sera»
Il "Partygate" continua far discutere: mentre Johnson pensa a licenziamenti e divieti, molti chiedono la sua rimozione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile