keystone-sda.ch / STR (STRINGER)
AFGHANISTAN
09.10.21 - 16:120

La priorità dei talebani è «stabilizzare il Paese», per i diritti di donne e minoranze ci sarà tempo

Il regime sostiene di non aver bisogno degli Usa per affrontare la minaccia terroristica dell'Isis-K

KABUL - Sui diritti delle donne e delle minoranze in Afghanistan, «quello che chiediamo è di avere tempo. Questo processo avverrà gradualmente», ma «in questo momento la nostra priorità è stabilizzare il Paese dopo 40 anni di guerra». Lo ha detto in un'intervista ad Al-Jazeera il portavoce del ministero degli Esteri dei talebani, Abdul Qahar Balkhi.

«Non vogliamo interferenze nei nostri affari interni, come noi non interferiamo in quelli degli altri. Non vogliamo che l'Afghanistan sia un terreno di competizione», ha proseguito il portavoce, affermando che il suo governo si impegna a garantire «tutte le libertà assicurate dall'Islam».

«In questo momento, noi cerchiamo relazioni positive con gli Stati Uniti» e «vogliamo un coinvolgimento diplomatico ed economico», ha aggiunto Abdul Qahar Balkhi.

«Facendo volare i propri droni e aerei nel nostro spazio aereo, gli Stati Uniti stanno compiendo una violazione dell'integrità territoriale dell'Afghanistan e una chiara ed evidente violazione degli impegni che hanno assunto con gli accordi di Doha», che «stabiliscono chiaramente che gli Stati Uniti e i loro alleati non devono intervenire negli affari interni dell'Afghanistan», ha affermato il portavoce dei mullah.

«Nonostante questo - ha aggiunto - noi cerchiamo il dialogo. Questa è stata la nostra politica sin dall'inizio. Vogliamo buone relazioni con tutti i nostri vicini, Tagikistan, Uzbekistan, Iran, Pakistan", e «abbiamo contatti diretti non solo con gli Usa, ma anche con i nostri Paesi vicini».

Nessun aiuto contro l'Isis-K - In precedenza un altro portavoce talebano, Suhail Shaheen, aveva escluso - nel corso di un'intervista diffusa dai media americani - la richiesta di una collaborazione militare per combattere la minaccia terroristica dell'Isis-K. «Siamo in grado di affrontare Daesh autonomamente».

Ieri il gruppo jihadista ha rivendicato il suo ultimo attacco a una moschea sciita a Kunduz, che ha provocato almeno 55 vittime. Una delegazione dei sedicenti studenti coranici incontra oggi e domani inviati americani a Doha, per la prima volta dal ritiro degli Usa ad agosto

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Italia
5 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
8 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
9 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
12 ore
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
14 ore
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
16 ore
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
17 ore
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
19 ore
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
20 ore
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
AUSTRIA
1 gior
Il cancelliere austriaco vuole già dimettersi
Alexander Schallenberg si è detto pronto a lasciare l'incarico, appena due mesi dopo il predecessore Kurz
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile