Reuters
Il capo di stato maggiore congiunto Mark Milley.
STATI UNITI
28.09.21 - 21:000

«Al-Qaida può attaccare gli Usa nel giro di un anno»

I vertici militari americani sotto torchio sul ritiro delle truppe dall'Afghanistan

WASHINGTON - Joe Biden, ma anche l'intelligence, finiscono sotto il "fuoco amico" del Pentagono sulla crisi afghana. Messi sotto torchio dal Congresso per la prima volta dopo il caotico ritiro da Kabul, i vertici militari americani hanno dovuto difendersi da una raffica di domande insidiose.

Ma, sotto giuramento davanti alla commissione forze armate del Senato, il capo del Pentagono Lloyd Austin, il capo di stato maggiore congiunto Mark Milley e il capo del comando centrale Kenneth McKenzie non sono riusciti a evitare di mettere in imbarazzo il commander in chief, smentendolo su almeno due punti cruciali.

Il primo è che Al Qaida non è stata sconfitta, come ha affermato il presidente, ma «è ancora in Afghanistan» e potrebbe tornare a colpire gli Usa nel giro di un anno. Il secondo è che gli consigliarono di tenere almeno 2'500-3'500 soldati nel paese per garantire la stabilità del governo e dell'esercito, la cui rapidità di collasso «non fu capita» dagli 007 americani e «ci prese tutti di sorpresa». Uno scaricabarile che rischia di minare la solidità dell'amministrazione.

«Gli Stati Uniti dovranno continuare a proteggere i loro cittadini da attacchi terroristici provenienti dall'Afghanistan, ora la missione sarà più dura», ha avvisato il capo di stato maggiore congiunto Mark Milley.

«Una Al-Qaida riorganizzata o un Isis con aspirazioni ad attaccare gli Usa è una possibilità davvero reale, e tali condizioni, inclusa l'attività in spazi non governati, potrebbero presentarsi nei prossimi 12-36 mesi», ha messo in guardia dopo aver sostenuto che «i talebani erano e rimangono un'organizzazione terroristica» e che «non hanno ancora rotto i loro legami» con il network fondato da Osama bin Laden.

Milley e McKenzie hanno inoltre contraddetto Biden riferendo che la loro raccomandazione era di mantenere da 2'500 a 3'500 militari, circostanza invece negata dal presidente in un'intervista in agosto con Abc: «Nessuno me lo disse, che io ricordi», assicurò. I vertici militari si sono rifiutati di entrare nei dettagli delle loro conversazioni col commander in chief ma tutti hanno confermato che ricevette i suggerimenti dei consiglieri militari.

Il senatore repubblicano Dan Sullivan ha tentato di far scivolare Milley chiedendogli se le parole di Biden non costituissero una «falsa dichiarazione» ma il generale non è caduto nella trappola.

E si è difeso bene quando un altro senatore del Grand Old Party gli ha chiesto se non avrebbe dovuto dimettersi dopo che il presidente decise di ritirare tutte le truppe contro l'avviso dei generali: «Sarebbe stato un incredibile atto di sfida politica per un funzionario incaricato dimettersi solo perché il suo consiglio non è stato accolto, questo paese non vuole generali che decidono quali ordini accettare o meno, non è il nostro lavoro».

Milley ha rintuzzato anche le critiche di abuso di potere o tradimento dopo le rivelazioni del libro di Bob Woodward sul suo comportamento negli ultimi mesi tempestosi della presidenza Trump, dicendosi certo che il presidente non intendeva attaccare Pechino ma che era suo compito rassicurare la controparte cinese per la "de-escalation" della situazione, con telefonate che fanno parte della sua attività regolare e di cui erano a conoscenza anche il segretario di stato Mike Pompeo e il capo del Pentagono Mark Esper.

Ma i generali non hanno risparmiato le loro critiche a un ritiro «non certo perfetto», che è stato un «successo logistico ma un fallimento strategico», causando un «danno» alla credibilità americana nel mondo. Con l'amara ammissione, dopo vent'anni, di non aver capito «la vera entità di corruzione e incompetenza nella leadership dell'esercito afghano».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
9 ore
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
PERÙ
12 ore
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
LIVE
MONDO
LIVE
«Omicron dà sintomi lievi»
La presidente dell'Associazione dei medici del Sudafrica dà una speranza sulla nuova variante del virus.
ITALIA
1 gior
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
1 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
1 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
1 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
1 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
MESSICO
2 gior
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile