ARCHIVIO KEYSTONE
Una bimba congolese, rimasta orfana in seguito all'epidemia di Ebola.
REP. DEMOCRATICA DEL CONGO
17.09.21 - 06:000

I bimbi rimasti orfani per l'Ebola: esclusi e dimenticati

Molti faticano a ricostruirsi una vita a causa dello stigma sociale che circonda il morbo

KINSHASA - Sono circa 2770 i bambini che hanno perso uno o entrambi i genitori nel corso dell'epidemia di Ebola che ha flagellato la parte orientale della Repubblica democratica del Congo tra il 2018 e il 2020. Le cifre fornite dalle Nazioni Unite non danno l'idea di quanto sia difficile la vita per questi bambini, che nel migliore dei casi vengono accolti dai parenti ma che sovente finiscono negli orfanotrofi oppure si trovano a dormire per strada.

Gli attivisti locali, spiega la Thomson Reuters Foundation, devono scontrarsi con grosse difficoltà per fornire cure e sostegno educativo ai piccoli orfani. Il motivo? Lo stigma sociale che circonda ancora oggi l'Ebola e che fa sì che il resto della popolazione li eviti. Non arrivano contributi economici sufficienti, lamenta Zawadi Bisomeko, a capo di un'organizzazione che si prende cura di donne e bambini. «I fondi sono limitati» e ciò implica che non si riesca «a rispondere ai reali bisogni di bambini che soffrono molto». Tutti i bambini che hanno avuto una perdita a causa del morbo dovrebbero ricevere assistenza ed educazione gratis, mentre si dovrebbe aiutare gli adolescenti a trovare un lavoro.

«Da quando i nostri genitori sono morti, non perdiamo alcuna opportunità di guadagnare denaro» ha spiegato la 16enne Patience*. La giovane vive a Butembo, che è stata l'epicentro di un'epidemia che ha provocato quasi 2300 vittime prima che si concludesse, nel giugno 2020. Patience deve prendersi cura dei suoi tre fratelli; altri due lavorano, trasportando sabbia e vendendo porri al mercato per coprire le tasse scolastiche della loro sorella più piccola, di sette anni. I guadagni sono esigui, pari a circa 14 franchi svizzeri al mese: sufficienti a comprare la farina di manioca con il quale preparare il loro unico pasto quotidiano. «Cerchiamo di mangiare solo di notte» spiega la 16enne.

Essere additata come «la ragazza che ha perso i genitori a causa dell'Ebola» è all'ordine del giorno, aggiunge Patience. I suoi stessi amici l'hanno allontanata. Gruppi e organizzazioni faticano a mitigare l'impatto dello stigma sociale. «Abbiamo visto bambini che vagano per le strade perché i loro parenti non li accolgono perché hanno paura» ha dichiarato una funzionaria locale di Butembo. In più, la pandemia di Covid-19 ha provocato un aumento del lavoro minorile.

Ci sono poi famiglie che aprono le porte ai piccoli orfani. Francoise Masika, madre di dieci bambini, ha accolto sette nipoti dopo che la sorella e il cognato sono morti di Ebola nel 2019. «Sono sangue del mio sangue e non potevi lasciarli per strada» ha spiegato la 38enne.

* il nome è stato cambiato per proteggere il suo anonimato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
5 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
7 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
10 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
12 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
14 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
14 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
16 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
18 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
22 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
1 gior
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile