keystone
ITALIA/SVIZZERA
15.09.21 - 18:170

Accoltellamenti di Rimini: l'Italia chiede alla Svizzera di «farsi carico» del somalo

Il governo italiano chiede a Berna di accogliere il somalo che ha aggredito quattro donne e un bambino, sabato sera

ROMA/BERNA - L'Italia si prepara a chiedere alla Svizzera di farsi carico di Somane Duula, il somalo 26enne responsabile degli accoltellamenti di Rimini lo scorso sabato. Lo ha detto oggi alla Camera la ministra dell'Interno italiano, Luciana Lamorgese.

L'uomo sabato sera ha accoltellato e ferito quattro donne e un bambino, dopo essere stato multato perché trovato senza biglietto su un autobus.

Il 26enne, ha spiegato la titolare del Viminale, «era privo di precedenti di polizia secondo le annotazioni presenti nei sistemi informativi nazionali e internazionali. Quanto alla dispersione nel territorio italiano, vi è da dire che tale condizione non è rilevabile solo in rapporto al recente ingresso del giovane somalo nel nostro Paese, ma trova la sua prima radice nella precedente peregrinazione dello stesso soggetto in vari Paesi europei. Il somalo - ha ricostruito - ha fatto il suo primo ingresso in Germania nel 2015, spostandosi dopo poco in altri Paesi del continente e, precisamente, in Danimarca, Svezia, Olanda, Austria e, infine, è arrivato in Svizzera. In occasione dei vari passaggi nei Paesi europei, Duula ha sempre presentato istanza di protezione internazionale, come si apprestava peraltro a fare in Italia nel cui territorio risulta essere entrato il 9 agosto di quest'anno».

«Proprio in considerazione della sua condizione di migrante, della presenza varia di domande di protezione internazionale - ha fatto sapere Lamorgese - l'apposita unità di Dublino presso il dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione ha in corso le necessarie verifiche, ai fini della ripresa in carico del somalo da parte della Svizzera, ultimo Paese che ne ha registrato la presenza».

Il somalo, ha aggiunto Lamorgese, «non ha agito per finalità riconducibili ad una matrice fondamentalista. La violenta aggressione che ha scosso l'opinione pubblica locale e quella nazionale sembra trovare la sua motivazione in una forte alterazione dello stato di equilibrio psicologico, che tuttavia fino a quel momento si era manifestata solo attraverso l'aggressività verbale e non fisica in occasione della sottoposizione ad un tampone, peraltro negativo, avvenuta il 10 settembre, quindi un giorno prima dell'aggressione, al termine della quarantena».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
TURKMENISTAN
3 ore
Doppio zero. Perché il Covid in Turkmenistan non esiste?
Ufficialmente non sono mai stati registrati casi o decessi. Ma per alcune fonti i morti sarebbero almeno 25'000.
STATI UNITI
11 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
Stati Uniti
15 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
17 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
20 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
22 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
1 gior
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
1 gior
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
1 gior
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
1 gior
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile