Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (CLEMENS BILAN)
Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz è categorico: «Non accoglieremo nel nostro Paese nessun afghano in fuga, non sotto il mio potere».
AUSTRIA
14.09.21 - 09:080
Aggiornamento : 09:38

Kurz è categorico: «Non accoglieremo nessun afghano in fuga, non sotto il mio potere»

«La nostra posizione è realista: l'integrazione è molto difficile» ha dichiarato il cancelliere

VIENNA - «Non accoglieremo nel nostro Paese nessun afghano in fuga, non sotto il mio potere». Lo dice in un'intervista al quotidiano italiano La Stampa Sebastian Kurz, il 35enne cancelliere austriaco.

«È chiaro a tutti - spiega Kurz - che la politica del 2015 sui rifugiati non può essere la soluzione, né per Kabul né per l'Unione europea. Con più di 44mila afghani entrati nel nostro Paese in questi anni, l'Austria ospita già la quarta più grande comunità afghana nel mondo, se consideriamo la distribuzione di migranti per numero di abitanti».

Solo quest'anno, «da noi sono arrivati circa 8.000 rifugiati, di cui un quinto da Kabul, attraverso la rotta balcanica tuttora aperta», aggiunge il cancelliere austriaco. «La nostra posizione è realista: l'integrazione degli afghani è molto difficile e richiede un dispendio di energie che non possiamo permetterci».

Quando si dice «che non siamo solidali, questo non è vero. Ci stiamo concentrando sul sostegno ai Paesi vicini all'Afghanistan e stanziamo 20 milioni di euro a questo scopo: per fornire protezione e assistenza agli afghani nella regione». I drammatici sviluppi a Kabul «hanno colto tutti di sorpresa». Ora secondo Kurz l'Europa deve esercitare «una pressione massiccia sui talebani, affinché continuino a rispettare i diritti delle donne e i diritti umani».

Inoltre bisognerebbe concentrarsi «a dare sostegno agli Stati confinanti, perché si prendano cura dei rifugiati e della lotta contro il terrorismo islamico, specialmente l'Isis-K». L'Europa «deve collaborare ancora di più nella lotta contro il terrorismo islamico».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
6 ore
Una morte su sei è causata dall'inquinamento
Nel 2019 nove milioni di persone sono morte a causa dell'aria tossica. «Chiediamo una transizione rapida e massiccia»
MONDO
7 ore
2020-21: l'Oms non ha lottato solo contro il Covid-19
L'impegno gigantesco per fronteggiare il coronavirus non ha impedito i successi in altri ambiti
AFGHANISTAN
10 ore
I Talebani e quei passi indietro sempre più grandi
Alcuni dipartimenti governativi sono stati eliminati, a causa della difficile situazione economica
COREA DEL NORD
16 ore
Il coronavirus che dilaga e la (troppa) fame dei nordcoreani
I medici militari sono stati incaricati di portare con urgenza i farmaci di cui Pyongyang ha estremo bisogno
AFRICA
19 ore
«Le stuprano per curarle dall'omosessualità»
Cosa vuol dire essere gay in alcuni paesi africani? Lo spiega Sabrina Avakian, criminologa ed esperta in Diritti Umani
EUROPA
20 ore
Erdogan respinge Svezia e Finlandia
Il presidente turco: «Non perdano tempo a venire qui, a provare a convincerci»
STATI UNITI
22 ore
Buffalo, una strage pianificata da mesi
Il giovane aveva pubblicato online i dettagli in un lungo documento. Lo scorso marzo il sopralluogo nel supermercato
REGNO UNITO
23 ore
Tanto sesso, siamo inglesi. Scandali a Westminster
Molestie, ministri che guardano filmati porno in aula, corruzioni in cambio di favori ambigui.
SPAGNA
1 gior
Una mosca preoccupa la Spagna
Con il cambiamento climatico la presenza di simulidi sta aumentando e potrebbe diventare un problema di salute pubblica
SPAGNA
1 gior
Scontro fra treni, muore un macchinista
Un convoglio che trasportava merci è deragliato, finendo muso contro muso contro un treno passeggeri
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile