Depositphotos (xload)
Uno studio sostiene che l'esposizione al rumore del traffico è legata a un aumentato rischio di demenza.
REGNO UNITO
09.09.21 - 20:000

L'esposizione al rumore del traffico è collegata a un aumentato rischio di demenza

Lo affermano gli autori di uno studio che ha preso in considerazione due milioni di soggetti per oltre un decennio

LONDRA - L'esposizione al rumore causato dal traffico stradale e ferroviario è associato a un rischio aumentato di demenza. Lo afferma il più completo studio mai effettuato sull'argomento, come riferisce il quotidiano britannico Guardian.

La ricerca è stata compiuta su due milioni di adulti nell'arco di oltre un decennio e i risultati sono stati pubblicati sul British Medical Journal. È stata studiata l'associazione tra un'esposizione a lungo termine al rumore del traffico urbano e dei collegamenti ferroviari e il rischio di demenza tra gli over 60 danesi, tra il 2004 e il 2017. Dopo aver preso in considerazione tutta una serie di fattori relativi ai residenti e ai quartieri dove vivono, si è concluso che 1'216 degli 8'475 casi di demenza registrati in Danimarca nel 2017 potrebbero essere attribuiti al rumore causato dal traffico, principalmente quello dei veicoli su gomma e in misura minore al trasporto su rotaia.

«In questo ampio studio a livello nazionale, abbiamo scoperto che il rumore dei trasporti dal traffico stradale e ferroviario è associato a un aumentato rischio di demenza per tutte le cause e sottotipi di demenza, in particolare il morbo di Alzheimer» scrivono i ricercatori. Più è consistente l'esposizione al rumore, più il rischio è alto. «Se questi risultati saranno confermati in studi futuri, potrebbero avere un grande effetto sulla stima dell'onere della malattia e dei costi sanitari attribuiti» a questo fattore.

Per combattere la demenza, una delle più grandi sfide globali a livello sanitario, sarà necessario pensare a come attenuare il rumore generato dal traffico. «Espandere la nostra conoscenza degli effetti nocivi del rumore sulla salute è essenziale per stabilire le priorità e attuare politiche efficaci e strategie di sanità pubblica incentrate sulla prevenzione e il controllo delle malattie, compresa la demenza». A loro giudizio «la riduzione del rumore attraverso programmi di trasporto e uso del suolo o codici edilizi dovrebbe diventare una priorità per la salute pubblica».

Uno dei modi in cui si sta affrontando l'argomento è introducendo limiti di velocità molto ridotti lungo le strade più trafficate, come nel caso di Zurigo. Ma c'è chi pensa al tema anche in Ticino...

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE
MONDO
LIVE
«Omicron dà sintomi lievi»
La presidente dell'Associazione dei medici del Sudafrica dà una speranza sulla nuova variante del virus.
ITALIA
23 ore
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
1 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
1 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
1 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
1 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
MESSICO
1 gior
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
MONDO
1 gior
Omicron, vaccino possibile entro 3 mesi
Ma potrebbero esserne necessari nove prima della sua eventuale approvazione.
FOTO
Regno Unito
1 gior
«Crescita infinita=Pianeta finito». Extinction Rebellion contro Amazon
Un portavoce della grande A: «Porteremo le nostre emissioni a zero entro il 2040, sostenendo anche le piccole imprese»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile