KEYSTONE
Khalid Sheikh Mohammed, la presunta mente degli attentati dell'11 settembre, è ancora in attesa di processo.
STATI UNITI
08.09.21 - 20:000

20 anni dopo gli attacchi dell'11 settembre, il presunto basista è ancora in attesa di processo

Non è nemmeno detto che si arriverà mai in aula, secondo vari esperti

GUANTANAMO BAY - Martedì sono riprese a Guantanamo Bay - dopo una lunga pausa dovuta all'emergenza Covid - le udienze preliminari di quello che sarebbe potuto essere il processo del secolo negli Stati Uniti: quello a carico di cinque imputati tra cui Khalid Sheikh Mohammed, il presunto basista degli attentati dell'11 settembre.

Una «farsa» - A 20 anni dagli attacchi, e a nove dalla presentazione delle accuse per crimini di guerra, non c'è ancora una data per il dibattimento e non c'è un orizzonte temporale preciso, riferisce la Nbc. Uno degli avvocati d'ufficio dei cinque ritiene che siamo ormai alla «farsa» e in molti ritengono che la vicenda sia uscita da tempo dai binari. Anzi, che sia stata creata in un modo che avrebbe inevitabilmente portato al fallimento. «Non riguarda le persone che perseguono, difendono o i giudici coinvolti», spiega l'esperto di sicurezza nazionale al Boston College Kevin Powers. «È davvero il modo in cui è stato impostato il sistema. Ed è quello che le persone devono capire davvero: il sistema è impostato per fallire».

I motivi della lentezza - La lentezza esasperante è dovuta a un mix di fattori, spiega ancora il quotidiano Usa. Il viaggio a Guantanamo Bay è stato definito «un incubo logistico»; avvocati e giudici sono cambiati molte volte; il sistema delle commissioni militari, creato da zero negli anni della presidenza Obama, presta il fianco a svariati contenziosi e perdite di tempo. Soprattutto, il motivo per cui la macchina della giustizia si muove a passo di lumaca è il costante bisogno di segretezza. Ci sono voluti anni affinché gli avvocati difensori ottenessero i riassunti delle prove contro i clienti - e in qualche caso manca ancora del materiale.

Segretezza od occultamento? - Le estreme misure di sicurezza, ufficialmente pensate per impedire la comunicazione all'esterno dei membri di al-Qaeda, vengono viste dai difensori degli imputati come un tentativo di occultare il trattamento di chi si trova da anni o decenni nella prigione sull'isola di Cuba. «Nascondere la tortura è la ragione per cui questi uomini sono stati portati a Guantanamo, e il continuo insabbiamento della tortura è la ragione per cui esiste ancora la detenzione indefinita» nella struttura, ha dichiarato uno degli avvocati. «L'insabbiamento della tortura è anche il motivo per cui siamo tutti riuniti a Guantanamo per la 42a udienza della commissione militare dell'11 settembre nel 15° anniversario del trasferimento di questi uomini».

Conclusione non scontata - Non è nemmeno detto che si arriverà mai a un processo, ha chiaramente affermato colei che dirige la Guantanamo Defense Clinic, che assiste i difensori delle commissioni militari. «Non è necessariamente una conclusione scontata che ci sarà un processo». Alla velocità con cui attualmente si procede, le udienze procedurali potrebbero richiedere un altro decennio. «L'obiettivo degli Stati Uniti è stato quello di garantire l'equità nel raggiungere risultati giusti in questi casi. Oltre a ciò, il Dipartimento della Difesa non può speculare su questioni relative alla cronologia delle commissioni» ha dichiarato la pubblica accusa.

13 milioni per detenuto - Il tutto ha costi enormi per i contribuenti statunitensi: il New York Times ha stimato in 13 milioni di dollari il costo annuo di un prigioniero a Guantanamo, che oggi ospita 39 persone. Nonostante l'assicurazione che il carcere verrà chiuso, sono in corso lavori di ampliamento da 15 milioni di dollari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Incastrati da un festino gli stupratori del Varesotto
I due avevano violentato una 21enne su un convoglio delle Nord e assalito un'altra giovane alla stazione di Venegono
MONDO
LIVE
Le misure sui viaggi? Arrivano «troppo tardi»
Gli Usa sono tornati sopra i 100mila casi al giorno. Il presidente sudafricano: «Ricercatori al lavoro su Omicron»
ITALIA
6 ore
È il giorno del "super Green Pass" italiano
A partire da oggi sarà necessario - per alcune attività - il nuovo Certificato Covid italiano, basato sul modello 2G
ITALIA
17 ore
Violenza sessuale sul treno e in stazione: due arresti
Si tratta di due giovani, un italiano e un nordafricano
FOTO
FRANCIA
18 ore
«La riconquista è ormai cominciata»
Tensione al primo comizio di Eric Zemmour da candidato all'Eliseo: manifestanti antirazzisti hanno fatto irruzione
FOTO
STATI UNITI
21 ore
1 milione di cauzione per i genitori del ragazzo autore della strage nel liceo di Oxford
I due, che si erano dati alla macchia, sono accusati di omicidio involontario plurimo. I nuovi dettagli dell'inchiesta
STATI UNITI
1 gior
Come l'ombra di Jeffrey Epstein potrebbe salvare Ghislaine Maxwell
Conclusa la prima settimana di processo facciamo un riassunto e tentiamo di capire come potrebbero andare le prossime
INDONESIA
1 gior
Eruzione del Semeru, i morti sono almeno 13
Le operazioni di soccorso proseguono. Estratte dalle macerie 10 persone vive. Quasi una sessantina i feriti
REGNO UNITO
1 gior
Feste nonostante le restrizioni: Boris Johnson segnalato alla polizia
La Metropolitan Police sta valutando le segnalazioni di due parlamentari laburisti
GERMANIA
1 gior
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile