Archivio Keystone
MONDO
06.09.21 - 10:420

L'educazione di centinaia di milioni di bambini è a rischio

Save The Children, ma anche Unicef, lanciano l'appello: «Salvaguardare l'istruzione e la salute mentale»

In oltre 48 Paesi, in tutto il mondo, il sistema scolastico è considerato altamente fragile

LONDRA - L'educazione di centinaia di milioni di bambini è appesa a un filo, un sottile intreccio di speranze che è sempre più fine a causa dell'intensificarsi delle più grandi minacce internazionali, come il Covid-19 e la crisi climatica.

È quanto ha avvertito oggi in un rapporto l'Organizzazione Save The Children, dedita da oltre un decennio a migliorare le condizioni di vita dei bambini, a livello globale, e garantire loro un futuro. Minacce in aumento che vanno ad aggiungersi all'assidua povertà e alla violenza, esacerbate ancor più dall'interconnessione delle nuove crisi globali.

Un appello condiviso anche da Unicef: «Stiamo correndo il rischio di perdere un'intera generazione di studenti» che «potrebbe avere implicazioni per tutta la loro vita», ha detto al Guardian il Direttore globale dell'educazione di Unicef, Rob Jenkins, spiegando che già prima dell'arrivo della pandemia era in corso una «crisi globale d'apprendimento», 258 milioni di bambini senza un accesso di base all'istruzione.

Per lui, è fondamentale mettere in atto «programmi di recupero» per offrire un «supporto completo e globale ai bambini». Da tutelare, e da non sottovalutare, è in particolare anche la salute mentale di ragazze e ragazzi in tutto il mondo.

Secondo le stime dell'Onu, circa 1,5 miliardi di bambini non si sono potuti recare a scuola durante la pandemia, con almeno un terzo di essi impossibilitato ad applicare l'apprendimento a distanza. Ora, mentre diversi Paesi accolgono il ritorno a una scolarizzazione più normale in questo trimestre, più di 100 milioni di bambini rimangono ancora "fuori dall'aula" in altre parti del mondo, secondo l'Unicef. Si teme che tra i 10 e i 16 milioni di bambini siano a rischio di non tornare a scuola, con bambine e ragazze ancor più penalizzate.

«A rischio estremo»
Analizzando e classificando i Paesi in base alla loro vulnerabilità, Save the Children ha indicato che otto Stati hanno dei sistemi scolastici che sono «a rischio estremo». Si tratta di paesi in cui una serie di fattori - assenza di vaccini, clima, violenze, povertà - rende estremamente fragile l'educazione dei più piccoli. Tra questi, molti Paesi africani, come la Nigeria e la Somalia, ma anche l'Afghanistan.

 

Con il mosaico dei risultati dell'analisi che si forma, l'immagine che ne esce si palesa in modo sempre più spettrale. In ben 40 Paesi, di diversi continenti, il sistema scolastico è considerato «ad alto rischio».

Un presente senza educazione, che si tramuta in un futuro cupo: nel 2030 è previsto che il 20% dei giovani dei giovani (14-24 anni) e il 30% degli adulti non saranno in grado di leggere. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
4 ore
Come l'ombra di Jeffrey Epstein potrebbe salvare Ghislaine Maxwell
Conclusa la prima settimana di processo facciamo un riassunto e tentiamo di capire come potrebbero andare le prossime
INDONESIA
6 ore
Eruzione del Semeru, i morti sono almeno 13
Le operazioni di soccorso proseguono. Estratte dalle macerie 10 persone vive. Quasi una sessantina i feriti
REGNO UNITO
15 ore
Feste nonostante le restrizioni: Boris Johnson segnalato alla polizia
La Metropolitan Police sta valutando le segnalazioni di due parlamentari laburisti
GERMANIA
23 ore
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Stati Uniti
1 gior
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
1 gior
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
1 gior
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
1 gior
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
2 gior
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
2 gior
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile