Reuters
ITALIA
01.09.21 - 18:300
Aggiornamento : 18:50

Stazioni bloccate? Finora le proteste contro il Green pass sono un flop

I contrari annunciavano una grande mobilitazione in tutta Italia già dal primo pomeriggio. Ma non è andata così

MILANO / ROMA - Annunciavano una marea, ma alla fine sono arrivate solo poche gocce. Con l'entrata in vigore del “Green pass” obbligatorio per i trasporti a lunga percorrenza in Italia, no-vax e contrari al certificato avevano annunciato mobilitazioni in massa e blocchi in oltre cinquanta stazioni della Penisola, a partire dal primo pomeriggio. Ma alla fine, le uniche file che si sono viste finora sono state quelle di chi attendeva di sottoporsi al tampone per poter salire sul treno.

Milano, Roma, Napoli. Torino. Bologna. File ordinate. Gli agenti di polizia che, con ogni probabilità, si attendevano una giornata di lavoro più movimentata, a presidiare le entrate. E infine poche decine di manifestanti, con un profilo molto più basso rispetto alle “urla” e agli slogan che erano invece risuonati nelle chat dei gruppi “anti Green pass” nelle 72 ore precedenti, forse scoraggiati dai numeri molto più alti delle forze dell'ordine. E mai come in questo caso, possiamo dirlo, “stop” fa rima con "flop".

Le chat "no vax" sotto la lente della Polizia
Nel frattempo, la Polizia postale italiana ha comunicato in queste ore di aver avviato indagini su alcuni canali Telegram e WhatsApp legati alla "galassia" degli ambienti no-vax. Gli obiettivi primari - si legge sui media della vicina Penisola - sono quelli di monitorare la diffusione illegale dei contatti privati di alcune persone finite nel mirino di alcuni di questi gruppi e identificare i responsabili di minacce e altri episodi. «Stiamo lavorando per oscurarli e identificarne il più possibile», ha spiegato la direttrice della Polizia postale italiana, Nunzia Ciardi. E tra i reati considerati c'è anche quello di «istigazione a delinquere con l'aggravante dell'utilizzo di mezzi informatici con finalità terroristiche». Un'ipotesi di reato che figura già anche in un fascicolo aperto dalla Procura di Torino.

«Negli ultimi giorni - prosegue Ciardi - il fenomeno è aumentato annunciando grandi mobilitazioni. Ma in queste ore la strategia di contrasto messa in campo dal Viminale», che ha schierato importanti dispositivi di polizia sin dalle prime ore del mattino, «ha già avuto un effetto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
7 ore
Violenza sessuale sul treno e in stazione: due arresti
Si tratta di due giovani, un italiano e un nordafricano
FOTO
FRANCIA
8 ore
«La riconquista è ormai cominciata»
Tensione al primo comizio di Eric Zemmour da candidato all'Eliseo: manifestanti antirazzisti hanno fatto irruzione
FOTO
STATI UNITI
12 ore
1 milione di cauzione per i genitori del ragazzo autore della strage nel liceo di Oxford
I due, che si erano dati alla macchia, sono accusati di omicidio involontario plurimo. I nuovi dettagli dell'inchiesta
STATI UNITI
17 ore
Come l'ombra di Jeffrey Epstein potrebbe salvare Ghislaine Maxwell
Conclusa la prima settimana di processo facciamo un riassunto e tentiamo di capire come potrebbero andare le prossime
INDONESIA
19 ore
Eruzione del Semeru, i morti sono almeno 13
Le operazioni di soccorso proseguono. Estratte dalle macerie 10 persone vive. Quasi una sessantina i feriti
REGNO UNITO
1 gior
Feste nonostante le restrizioni: Boris Johnson segnalato alla polizia
La Metropolitan Police sta valutando le segnalazioni di due parlamentari laburisti
GERMANIA
1 gior
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Stati Uniti
1 gior
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
2 gior
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
2 gior
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile