Immobili
Veicoli
Sea Shepherd
Unione Europea
01.09.21 - 12:120

Stop al commercio di pinne di squalo: è la richiesta dei Cittadini Europei

La caccia ai grandi predatori minaccia la loro esistenza e così quella dell'intero ecosistema marino

BRUXELLES - Morire per una zuppa di pinne insapore. È il destino di almeno 63 milioni di squali nel mondo, ma la cifra secondo l'Unione internazionale per la conservazione della natura, potrebbe aggirarsi anche intorno ai 273. La caccia ai grandi predatori viene fatta in tutto il mondo e solo poche nazioni hanno una regolamentazione chiara in fatto di pesca degli squali o un bando generale della pratica. Nonostante il suo fine sia un piatto di zuppa consumato prevalentemente nell'est asiatico, anche in Europa il fenomeno non solo è presente, ma in crescita. Così un'iniziativa dei Cittadini Europei vuole chiedere alla Commissione Europea un emendamento legislativo concreto: fermare il commercio di pinne di squalo provenienti dall'Europa.

La Spagna è uno dei principali produttori di pinne non lavorate. La tecnica di pescaggio è il finning, consiste ovvero nel prendere lo squalo e tagliargli via le pinne, per poi ributtarlo in mare ancora vivo. Lo squalo non ha scampo in quanto non può più nuotare e muore. Questa pratica è vietata in Europa dal 2011, ma con una scappatoia. Depredare lo squalo delle sue pinne è accettato, fintanto che la carcassa non viene ributtata in mare. In Spagna la razza pescata è la verdesca.

I dati raccolti dalla Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell’Atlantico mostrano che dall'istituzione del bando era prima stato registrato un calo del volume di pesca, da 59mila tonnellate nel 2011, a 44mila tonnellate nel 2013. Poi qualcosa è cambiato, e nel 2016 si è tornati a un volume pari a 53mila tonnellate. Questo perché è illegale ributtare la carcassa in mare una volta sezionato l'animale, ma se tenuta a bordo, no. Il divieto è stato aggirato mettendo in commercio, oltre alle pinne, il resto della sua carne.

La presenza dello squalo in mari e oceani è fondamentale in quanto è all'apice della catena alimentare. E se la loro presenza è minacciata, l'equilibrio dell'intero ecosistema marino è minacciato. Così l'iniziativa dei Cittadini Europei vuole porre fine a questo commercio ed è attualmente in corso una raccolta firme volta a sostenere il progetto.

TOP NEWS Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
1 ora
Omicron si è presa l'Europa
La variante, secondo l'ultimo rapporto dell'Ecdc, ha una prevalenza aggregata del 78% nel continente.
ITALIA
4 ore
In Italia sospesi quasi 2'000 medici non vaccinati
Gli inadempienti sono in totale oltre 33mila. In questa cifra sono però inclusi anche quelli che non possono vaccinarsi
SVIZZERA
6 ore
«Un dialogo ragionevole è necessario perché si calmi la tensione»
I ministri degli esteri di Usa e Russia soddisfatti dopo il meeting a Ginevra sull'Ucraina, ma l'allerta resta alta
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Anche l'Irlanda smantella (quasi tutte) le restrizioni
Il primo ministro Micheal Martin ha annunciato questa sera al Paese un quasi ritorno alla normalità
STATI UNITI
10 ore
L'alta trasmissibilità di Omicron non è causata da una maggiore carica virale
La variante sarebbe più contagiosa perché riesce a sfuggire meglio agli anticorpi, sottolineano due studi
STATI UNITI
12 ore
Quel piano per sostituire 16 grandi elettori di Biden con altrettanti pro Trump
Una manovra disperata portata avanti dal team del presidente e da Rudi Giuliani, scrive la Cnn
STATI UNITI
13 ore
Si rifiuta di tenere la mascherina, l'aereo è costretto a fare dietrofront
Poco meno di due ore in aria per il volo Miami-Londra, tornato sulla pista a causa di una passeggera molto combattiva
UNIONE EUROPEA
15 ore
App di tracciamento dei contatti: costate oltre 100 milioni, ma fallimentari
Solo il 5% dei casi è stato confermato dai vari strumenti in uso nell'Unione europea
BRASILE
1 gior
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
1 gior
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile