keystone-sda.ch / STR (STRINGER)
La fragile situazione in Afghanistan preoccupa i vicini, a partire dal Pakistan.
AFGHANISTAN
01.09.21 - 07:130
Aggiornamento : 08:30

La fragilità afghana e il rischio di attentati preoccupano il Pakistan

I talebani caldeggiano la riapertura delle missioni diplomatiche a Kabul

KABUL - Ufficialmente conclusa la presenza delle truppe statunitensi, l'Afghanistan ora deve trovare una propria stabilità interna. La minaccia più grave è sicuramente quello del terrorismo jihadista, come dimostrato dagli attacchi all'aeroporto di Kabul della settimana scorsa.

La fragilità dell'assetto afghano preoccupa le nazioni vicine, a partire dal Pakistan. «I prossimi due-tre mesi saranno critici» ha dichiarato un alto funzionario all'agenzia stampa Reuters. Islamabad teme in questa vita un aumento degli attacchi lungo la frontiera. Per prevenirli è necessario l'impegno dell'intera comunità internazionale: «Dobbiamo assistere i talebani nella riorganizzazione dell'esercito, così da controllare il loro territorio» ha aggiunto.

Operazione antiterrorismo in Pakistan - La polizia pachistana ha condotto nelle scorse ore un'operazione antiterrorismo nella provincia del Beluchistan, che ha portato all'uccisione di almeno 11 combattenti dell'Isis-K. Il quotidiano britannico The Independent afferma che il gruppo è stato circondato e si è rifiutato di arrendersi. Ne è quindi scaturito un conflitto a fuoco. All'interno di un edificio sono stati rinvenuti giubbotti e cinture esplosivi, oltre ad armi da fuoco di varia natura.

 

La riapertura delle sedi diplomatiche - Un ulteriore appello alla comunità internazionale arriva dagli stessi talebani, che caldeggiano la riapertura delle sedi diplomatiche abbandonate in fretta e furia negli scorsi giorni. Questo isola l'Afghanistan e fa perdere il sostegno all'estero, come hanno spiegato vari analisti politici al media locale Tolo News: «Finora 40 paesi del mondo hanno cooperato militarmente con l'Afghanistan. Ci vorrà tempo perché la cooperazione militare si trasformi in relazioni politiche». 

È lo stesso portavoce talebano Zabihullah Mujahid a spiegare che a Kabul ci si aspetta il ritorno della missione diplomatica statunitense. «L'America dovrebbe avere solo una presenza diplomatica a Kabul. Abbiamo canali di comunicazione con loro e ci aspettiamo che riaprano la loro ambasciata e vogliamo anche avere relazioni commerciali con loro».

Il nodo del riconoscimento - Il riconoscimento del governo dei talebani sarebbe un importante passo in avanti per il movimento, rispetto alla precedente presa di potere negli anni '90: all'epoca solo Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Pakistan lo fecero.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Long Covid, uno su due si sente sempre stanco
Uno studio evidenzia i sintomi più comuni per chi ha contratto il Covid: dolori, depressione e fatica a respirare
FOCUS
Cina
1 ora
Denuncia e poi scompare, il misterioso caso di Peng Shuai
La tennista, svanita dopo un'accusa di stupro alle alte sfere, è poi riapparsa. Ma i dubbi su quanto successo restano
STATI UNITI
3 ore
Omicron e vaccini: «calo sostanziale» dell'efficacia oppure no?
Il Ceo di Moderna Bancel prevede che la risposta sarà inferiore rispetto alla Delta. Più ottimismo, invece, da BioNTech
ISRAELE / ITALIA
22 ore
Respinto il ricorso del nonno: il piccolo Eitan rientra in Italia
La conferma della Corte Suprema israeliana: il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone sarà presto in Italia
SUDAFRICA
22 ore
«Omicron? Sintomi più lievi, ma anziani e casi a rischio stiano attenti»
Le parole della dottoressa sudafricana che ha scoperto la nuova variante: «Preoccupati? No. Sul chi vive? Sì»
REGNO UNITO
22 ore
Bufera di neve: 60 persone bloccate per due giorni in un pub
Una bufera legata alla tempesta Arwen ha isolato completamente il Tan Hill Inn, impedendo ai presenti di tornare a casa
STATI UNITI
1 gior
Minorenni reclutate per Epstein? Ghislaine Maxwell a processo
La 59enne ex compagna di Epstein si è dichiarata non colpevole di tutti i capi d'accusa
FRANCIA
1 gior
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
PERÙ
1 gior
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
ITALIA
2 gior
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile