Immobili
Veicoli
keystone
EUROPA
21.08.21 - 19:140

L'Ue teme la crisi dei profughi, la Grecia alza un muro

Atene corre ai ripari e costruisce una barriera di 40 chilometri.

Si calcolano 3,7 milioni di sfollati interni, composti all'80% da donne, ragazze e bambini.

BRUXELLES  - Se i 26 partner dell'Unione europea sono preoccupati per una possibile crisi di richiedenti asilo dall'Afghanistan, la Grecia - in prima linea nel 2015, quando arrivarono oltre un milione di profughi soprattutto dalla Siria - trema. E di fronte al caos e alla violenza nel Paese asiatico, Atene è già corsa ai ripari, con la costruzione di una barriera di 40 chilometri al confine con la Turchia, dotata di un sistema di sorveglianza.

3,7 milioni di sfollati - Un argine fisico per arrestare la marea umana in fuga dalla ferocia dei talebani, che Bruxelles immagina di poter contenere anche grazie a «partnership con i Paesi terzi», e aiuti umanitari generosi, per restituire una prospettiva futura ai 3,7 milioni di sfollati interni, composto all'80% da donne, ragazze e bambini.

Una questione morale - «Aiutare è una responsabilità morale, non solo quanti arrivano, ma anche chi resta nel Paese. Stiamo lavorando per aumentare gli aiuti umanitari. Per il 2021 avevamo pianificato un pacchetto da 57 milioni, ma dobbiamo incrementare. Presto faremo una proposta», ha annunciato la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, in Spagna col leader del Consiglio, Charles Michel, e l'Alto rappresentante, Josep Borrell, per una visita all'hub che ospita i collaboratori afghani delle istituzioni europee messi in salvo dall'inferno di Kabul.

Un tema, quello dei potenziali flussi dal neo-Emirato islamico, che sarà affrontato anche dal G7 della prossima settimana, quando von der Leyen rivolgerà un appello ai Paesi affinché aumentino le quote a disposizione per reinsediare i più vulnerabili attraverso percorsi sicuri.

L'accordo con la Turchia - Ma nel frattempo la Grecia si è attrezzata. «Non possiamo aspettare passivamente un eventuale impatto», si è giustificato il ministro per la Protezione dei cittadini, Michalis Chrisochoidis, assicurando: «Le nostre frontiere saranno inviolabili», pronti anche a respingere verso la Turchia, in virtù dell'accordo da 6 miliardi, siglato con Ankara all'epoca dell'esodo siriano.

L'iniziativa degli ellenici scaturisce anche dai colloqui del premier, Kyriakos Mitsotakis, col presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, che a sua volta - già da tempo - ha fatto avviare la costruzione di un muro anti-migranti di 295 km alla frontiera con l'Iran, di cui 156 già completati. Erdogan ha messo in guardia rispetto alla marea umana in arrivo, se non saranno apportati rimedi, avvertendo: «La Turchia non sarà il magazzino dei profughi» europei.

Tra i Paesi confinanti con l'Afghanistan, appare difficile che Islamabad si voglia far carico dei profughi. Circa tre milioni di richiedenti asilo afghani vivono in Pakistan da decenni, ma il governo, che ha issato recinzioni al confine, ha fatto sapere di aver raggiunto il tetto massimo. L'Iran ha invece organizzato campi temporanei lungo la sua frontiera orientale, mentre il Tagikistan il mese scorso si era detto disponibile ad accogliere 100 mila sfollati.

12 mila evacuati - Secondo il Guardian sono almeno 12 mila le persone evacuate dall'aeroporto di Kabul, tra occidentali e afghani. La maggior parte, circa 7'000, è fuggita via su aerei cargo dall'esercito americano. Il Regno Unito mercoledì aveva dichiarato di aver trasferito circa 1.200 persone, mentre venerdì la Germania venerdì circa 1'700. La Turchia 550, mentre Francia e Italia circa 500 ciascuno.

Alcuni afghani, per lo più civili che hanno lavorato con gli Stati Uniti, saranno temporaneamente ospitati in Albania, Kosovo o Macedonia del Nord in attesa dei visti Usa. I tre Paesi, che riceveranno un numero concordato di profughi afghani a partire da questo fine settimana, sono i primi in Europa a impegnarsi a un accordo di transito con gli americani. Gli Stati Uniti si sono impegnati ad accogliere 10'000 persone, mentre l'Australia 3'000. Il Regno Unito 20 mila, così come il Canada. I Paesi europei ancora non hanno definito le loro disponibilità. Bruxelles li sollecita.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Princi 8 mesi fa su tio
mandiamoli tutti a Bruxelles
seo56 8 mesi fa su tio
Grande Grecia 👏🏻👏🏻
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
A Kiev il primo processo per crimini di guerra
Un soldato russo di 21 anni dovrà rispondere dell'uccisione di un 62enne, avvenuta lo scorso 28 febbraio.
SVIZZERA
1 ora
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
REGNO UNITO
1 ora
Sui pescherecci britannici che diventano prigioni
L'industria del pesce si avvale di un visto che non permette ai lavoratori migranti di licenziarsi o di scendere a terra
REGNO UNITO
8 ore
Una morte su sei è causata dall'inquinamento
Nel 2019 nove milioni di persone sono morte a causa dell'aria tossica. «Chiediamo una transizione rapida e massiccia»
MONDO
9 ore
2020-21: l'Oms non ha lottato solo contro il Covid-19
L'impegno gigantesco per fronteggiare il coronavirus non ha impedito i successi in altri ambiti
AFGHANISTAN
12 ore
I Talebani e quei passi indietro sempre più grandi
Alcuni dipartimenti governativi sono stati eliminati, a causa della difficile situazione economica
COREA DEL NORD
18 ore
Il coronavirus che dilaga e la (troppa) fame dei nordcoreani
I medici militari sono stati incaricati di portare con urgenza i farmaci di cui Pyongyang ha estremo bisogno
AFRICA
21 ore
«Le stuprano per curarle dall'omosessualità»
Cosa vuol dire essere gay in alcuni paesi africani? Lo spiega Sabrina Avakian, criminologa ed esperta in Diritti Umani
EUROPA
22 ore
Erdogan respinge Svezia e Finlandia
Il presidente turco: «Non perdano tempo a venire qui, a provare a convincerci»
STATI UNITI
1 gior
Buffalo, una strage pianificata da mesi
Il giovane aveva pubblicato online i dettagli in un lungo documento. Lo scorso marzo il sopralluogo nel supermercato
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile