keystone
EUROPA
21.08.21 - 19:140

L'Ue teme la crisi dei profughi, la Grecia alza un muro

Atene corre ai ripari e costruisce una barriera di 40 chilometri.

Si calcolano 3,7 milioni di sfollati interni, composti all'80% da donne, ragazze e bambini.

BRUXELLES  - Se i 26 partner dell'Unione europea sono preoccupati per una possibile crisi di richiedenti asilo dall'Afghanistan, la Grecia - in prima linea nel 2015, quando arrivarono oltre un milione di profughi soprattutto dalla Siria - trema. E di fronte al caos e alla violenza nel Paese asiatico, Atene è già corsa ai ripari, con la costruzione di una barriera di 40 chilometri al confine con la Turchia, dotata di un sistema di sorveglianza.

3,7 milioni di sfollati - Un argine fisico per arrestare la marea umana in fuga dalla ferocia dei talebani, che Bruxelles immagina di poter contenere anche grazie a «partnership con i Paesi terzi», e aiuti umanitari generosi, per restituire una prospettiva futura ai 3,7 milioni di sfollati interni, composto all'80% da donne, ragazze e bambini.

Una questione morale - «Aiutare è una responsabilità morale, non solo quanti arrivano, ma anche chi resta nel Paese. Stiamo lavorando per aumentare gli aiuti umanitari. Per il 2021 avevamo pianificato un pacchetto da 57 milioni, ma dobbiamo incrementare. Presto faremo una proposta», ha annunciato la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, in Spagna col leader del Consiglio, Charles Michel, e l'Alto rappresentante, Josep Borrell, per una visita all'hub che ospita i collaboratori afghani delle istituzioni europee messi in salvo dall'inferno di Kabul.

Un tema, quello dei potenziali flussi dal neo-Emirato islamico, che sarà affrontato anche dal G7 della prossima settimana, quando von der Leyen rivolgerà un appello ai Paesi affinché aumentino le quote a disposizione per reinsediare i più vulnerabili attraverso percorsi sicuri.

L'accordo con la Turchia - Ma nel frattempo la Grecia si è attrezzata. «Non possiamo aspettare passivamente un eventuale impatto», si è giustificato il ministro per la Protezione dei cittadini, Michalis Chrisochoidis, assicurando: «Le nostre frontiere saranno inviolabili», pronti anche a respingere verso la Turchia, in virtù dell'accordo da 6 miliardi, siglato con Ankara all'epoca dell'esodo siriano.

L'iniziativa degli ellenici scaturisce anche dai colloqui del premier, Kyriakos Mitsotakis, col presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, che a sua volta - già da tempo - ha fatto avviare la costruzione di un muro anti-migranti di 295 km alla frontiera con l'Iran, di cui 156 già completati. Erdogan ha messo in guardia rispetto alla marea umana in arrivo, se non saranno apportati rimedi, avvertendo: «La Turchia non sarà il magazzino dei profughi» europei.

Tra i Paesi confinanti con l'Afghanistan, appare difficile che Islamabad si voglia far carico dei profughi. Circa tre milioni di richiedenti asilo afghani vivono in Pakistan da decenni, ma il governo, che ha issato recinzioni al confine, ha fatto sapere di aver raggiunto il tetto massimo. L'Iran ha invece organizzato campi temporanei lungo la sua frontiera orientale, mentre il Tagikistan il mese scorso si era detto disponibile ad accogliere 100 mila sfollati.

12 mila evacuati - Secondo il Guardian sono almeno 12 mila le persone evacuate dall'aeroporto di Kabul, tra occidentali e afghani. La maggior parte, circa 7'000, è fuggita via su aerei cargo dall'esercito americano. Il Regno Unito mercoledì aveva dichiarato di aver trasferito circa 1.200 persone, mentre venerdì la Germania venerdì circa 1'700. La Turchia 550, mentre Francia e Italia circa 500 ciascuno.

Alcuni afghani, per lo più civili che hanno lavorato con gli Stati Uniti, saranno temporaneamente ospitati in Albania, Kosovo o Macedonia del Nord in attesa dei visti Usa. I tre Paesi, che riceveranno un numero concordato di profughi afghani a partire da questo fine settimana, sono i primi in Europa a impegnarsi a un accordo di transito con gli americani. Gli Stati Uniti si sono impegnati ad accogliere 10'000 persone, mentre l'Australia 3'000. Il Regno Unito 20 mila, così come il Canada. I Paesi europei ancora non hanno definito le loro disponibilità. Bruxelles li sollecita.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Princi 2 mesi fa su tio
mandiamoli tutti a Bruxelles
seo56 2 mesi fa su tio
Grande Grecia 👏🏻👏🏻
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
7 ore
Era compito di una ventenne al primo incarico controllare le armi sul set
La ragazza è la figlia del celebre armaiolo Thell Reed, famoso ad Hollywood.
MADAGASCAR
7 ore
Dai cambiamenti climatici alla carestia
Il sud del Madagascar è interessato da anni dalla siccità, che costringe gli abitanti a nutrirsi di cactus e cavallette.
AUSTRIA
13 ore
Lockdown all'austriaca, per i non vaccinati
Il governo di Vienna valuta future restrizioni. Ma non per tutti i cittadini
MONDO
14 ore
«Questo messaggio ti infastidisce?»
Tinder introduce due nuovi filtri. E le segnalazioni di molestie aumentano del 46 per cento
STATI UNITI
16 ore
Alec Baldwin è «scioccato» dalla tragedia sul set
Nuovi particolari sull'incidente in cui ha perso la vita la direttrice della fotografia Halyna Hutchins
SUD AFRICA
1 gior
Poliziotta fa strage di parenti per intascare i soldi dell'assicurazione
A processo l'agente che tra il 2012 e il 2017 ha ingaggiato dei sicari per uccidere sei suoi parenti.
STATI UNITI
1 gior
Quanti drammi sui set di Hollywood
La morte di Halyna Hutchins è solo l'ultima tragedia consumatasi durante le riprese di un film a stelle e strisce.
POLONIA
1 gior
Alla ricerca dell'aborto illegale o all'estero
Le associazioni hanno segnalato che in Polonia da gennaio più di 30'000 donne hanno chiesto aiuto
STATI UNITI
1 gior
Baldwin interrogato, il regista «era in condizioni critiche»
L'attore si è presentato alle autorità per rispondere agli inquirenti. Nell'incidente sul set è morta una persona
AUSTRALIA
1 gior
È finito il lockdown più lungo del mondo
Gli abitanti dello Stato di Victoria da oggi possono lasciare la propria abitazione. Levato anche il coprifuoco
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile