keystone-sda.ch / STF (Rahmat Gul)
I talebani hanno tenuto la prima conferenza stampa a Kabul.
AFGHANISTAN
17.08.21 - 17:220
Aggiornamento : 17:41

La prima conferenza stampa dei talebani: «Un momento di orgoglio per l'intera nazione»

I giornalisti non saranno perseguitati e le donne potranno continuare a lavorare nei media, assicura il portavoce

KABUL - «Questo è un momento di orgoglio per l'intera nazione»: esordisce così il portavoce dei talebani nella prima conferenza del movimento a Kabul. «Dopo 20 anni di lotte abbiamo liberato l'Afghanistan ed espulso gli stranieri», ha detto Zabihullah Mujahid davanti alle telecamere.

«Vogliamo assicurarci che l'Afghanistan non sia più un campo di battaglia» ha aggiunto Mujahid «Abbiamo perdonato tutti coloro che hanno combattuto contro di noi. Le animosità sono finite. Non vogliamo nemici esterni o interni», ha assicurato. «Ci impegniamo per i diritti delle donne all'interno della Sharia. Lavoreranno fianco a fianco con noi. Non ci saranno discriminazioni. Nessuno sarà danneggiato, non vogliamo avere problemi con la comunità internazionale», pur precisando che «abbiamo il diritto di agire secondo i nostri principi religiosi. Altri Paesi hanno approcci e regolamenti diversi, e gli afghani hanno il diritto di avere le proprie regole in accordo con i nostri valori».

A Kabul «per evitare il caos» - I talebani sono stati costretti a entrare a Kabul per evitare il caos, ha sottolineato il portavoce del movimento. «Il nostro piano era di fermarci alle porte di Kabul in modo che il processo di transizione potesse essere completato senza intoppi. Ma sfortunatamente il governo precedente era così incompetente e le loro forze dell'ordine non potevano fare nulla per garantire la sicurezza. Dovevamo fare qualcosa», ha aggiunto. «Siamo dovuti entrare a Kabul per garantire la sicurezza dei cittadini".

Giornalisti non perseguitati - Lo stesso portavoce dei talebani ha promesso che i giornalisti non saranno perseguitati in Afghanistan e che alle donne sarà permesso di continuare a lavorare nei media, ha dal canto suo affermato la ong Reporters Sans Frontières.

Le assicurazioni di Zabihullah Mujahid sono state fornite nel corso di un colloquio con i rappresentanti della ong in difesa dei media domenica scorsa, mentre i talebani stavano prendendo il controllo di Kabul. «Rispetteremo la libertà di stampa, perché i media saranno utili alla società e potranno aiutare a correggere gli errori dei leader», ha affermato Mujahid, aggiungendo: «Attraverso questa dichiarazione a Rsf, dichiariamo al mondo che riconosciamo l'importanza del ruolo dei media. I giornalisti che lavorano per i media statali o privati; non sono criminali e nessuno di loro sarà perseguito».

E sulle giornaliste, il portavoce dei talebani ha detto che sarebbe stato loro permesso di continuare a lavorare, a condizione d'indossare un hijab o di coprirsi i capelli. Ed ha aggiunto che verrà stabilito un «quadro legale» e nel frattempo dovrebbero «restare a casa, senza stress e senza paura: assicuro loro che torneranno al loro lavoro».

Rsf tuttavia ha ricordato che durante il primo periodo del governo talebano in Afghanistan, dal 1996 al 2001, tutti i media furono banditi tranne la stazione radio Voice of Sharia «che non trasmetteva altro che programmi di propaganda e religiosi». A questo punto, ha aggiunto Rsf, «solo il tempo dirà» se questa apertura deve essere presa sul serio. Ed ha indicato che circa 100 media hanno smesso di operare dopo la rapida avanzata dei talebani nel Paese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE
MONDO
LIVE
«Omicron dà sintomi lievi»
La presidente dell'Associazione dei medici del Sudafrica dà una speranza sulla nuova variante del virus.
ITALIA
23 ore
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
1 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
1 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
1 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
1 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
MESSICO
1 gior
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
MONDO
1 gior
Omicron, vaccino possibile entro 3 mesi
Ma potrebbero esserne necessari nove prima della sua eventuale approvazione.
FOTO
Regno Unito
1 gior
«Crescita infinita=Pianeta finito». Extinction Rebellion contro Amazon
Un portavoce della grande A: «Porteremo le nostre emissioni a zero entro il 2040, sostenendo anche le piccole imprese»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile