Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (Rahmat Gul)
I talebani hanno tenuto la prima conferenza stampa a Kabul.
AFGHANISTAN
17.08.21 - 17:220
Aggiornamento : 17:41

La prima conferenza stampa dei talebani: «Un momento di orgoglio per l'intera nazione»

I giornalisti non saranno perseguitati e le donne potranno continuare a lavorare nei media, assicura il portavoce

KABUL - «Questo è un momento di orgoglio per l'intera nazione»: esordisce così il portavoce dei talebani nella prima conferenza del movimento a Kabul. «Dopo 20 anni di lotte abbiamo liberato l'Afghanistan ed espulso gli stranieri», ha detto Zabihullah Mujahid davanti alle telecamere.

«Vogliamo assicurarci che l'Afghanistan non sia più un campo di battaglia» ha aggiunto Mujahid «Abbiamo perdonato tutti coloro che hanno combattuto contro di noi. Le animosità sono finite. Non vogliamo nemici esterni o interni», ha assicurato. «Ci impegniamo per i diritti delle donne all'interno della Sharia. Lavoreranno fianco a fianco con noi. Non ci saranno discriminazioni. Nessuno sarà danneggiato, non vogliamo avere problemi con la comunità internazionale», pur precisando che «abbiamo il diritto di agire secondo i nostri principi religiosi. Altri Paesi hanno approcci e regolamenti diversi, e gli afghani hanno il diritto di avere le proprie regole in accordo con i nostri valori».

A Kabul «per evitare il caos» - I talebani sono stati costretti a entrare a Kabul per evitare il caos, ha sottolineato il portavoce del movimento. «Il nostro piano era di fermarci alle porte di Kabul in modo che il processo di transizione potesse essere completato senza intoppi. Ma sfortunatamente il governo precedente era così incompetente e le loro forze dell'ordine non potevano fare nulla per garantire la sicurezza. Dovevamo fare qualcosa», ha aggiunto. «Siamo dovuti entrare a Kabul per garantire la sicurezza dei cittadini".

Giornalisti non perseguitati - Lo stesso portavoce dei talebani ha promesso che i giornalisti non saranno perseguitati in Afghanistan e che alle donne sarà permesso di continuare a lavorare nei media, ha dal canto suo affermato la ong Reporters Sans Frontières.

Le assicurazioni di Zabihullah Mujahid sono state fornite nel corso di un colloquio con i rappresentanti della ong in difesa dei media domenica scorsa, mentre i talebani stavano prendendo il controllo di Kabul. «Rispetteremo la libertà di stampa, perché i media saranno utili alla società e potranno aiutare a correggere gli errori dei leader», ha affermato Mujahid, aggiungendo: «Attraverso questa dichiarazione a Rsf, dichiariamo al mondo che riconosciamo l'importanza del ruolo dei media. I giornalisti che lavorano per i media statali o privati; non sono criminali e nessuno di loro sarà perseguito».

E sulle giornaliste, il portavoce dei talebani ha detto che sarebbe stato loro permesso di continuare a lavorare, a condizione d'indossare un hijab o di coprirsi i capelli. Ed ha aggiunto che verrà stabilito un «quadro legale» e nel frattempo dovrebbero «restare a casa, senza stress e senza paura: assicuro loro che torneranno al loro lavoro».

Rsf tuttavia ha ricordato che durante il primo periodo del governo talebano in Afghanistan, dal 1996 al 2001, tutti i media furono banditi tranne la stazione radio Voice of Sharia «che non trasmetteva altro che programmi di propaganda e religiosi». A questo punto, ha aggiunto Rsf, «solo il tempo dirà» se questa apertura deve essere presa sul serio. Ed ha indicato che circa 100 media hanno smesso di operare dopo la rapida avanzata dei talebani nel Paese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LE FOTO
OCEANO PACIFICO
42 min
Tra gli aiuti diretti a Tonga, un focolaio di Covid
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
ITALIA
3 ore
Da Amadeus, a Vasco e Siffredi: i non "quirinabili" votati
Pioggia di schede bianche ieri a Montecitorio, ma non senza qualche nome curioso. E no, non è la prima volta.
COREA DEL NORD
5 ore
La Corea del Nord testa nuovi missili
Il Sud avvisa: «Dobbiamo condurre un'analisi dettagliata»
UCRAINA/RUSSIA
12 ore
Dalla «minaccia russa» all'«isteria europea», il confine è sempre più rovente
Stati Uniti e Regno Unito richiamano a casa i dipendenti delle ambasciate e la Nato manda rinforzi armati all'Ucraina
ITALIA
14 ore
Presidente della Repubblica italiana: nulla di fatto nella prima giornata di votazione
Le schede bianche sono state 672. Domani si ricomincia
MEDIO ORIENTE
17 ore
Missili verso Abu Dhabi, si infiamma lo scontro con gli Huthi
I ribelli dicono di aver colpito anche la zona di Dubai, dagli Emirati non giunge però nessuna conferma
RUSSIA
20 ore
Omicron è in Russia, dove metà della popolazione non è vaccinata
La variante è correlata a un tasso minore di ricoveri. Sarà però così anche dove gli immunizzati sono la minoranza?
FOTO
GERMANIA
22 ore
Heidelberg, spari nel campus: uno dei feriti è morto. «È stato uno studente»
La polizia, accorsa con un ampio contingente, ha comunicato che l'aggressore si è tolto la vita.
ITALIA
23 ore
Via la scadenza di sei mesi dal Green Pass dei vaccinati?
Il governo dovrebbe procedere in tal senso, in attesa di una decisione sull'eventuale quarta dose
ITALIA
1 gior
Schede bianche sotto il Colle?
Alle 15 si apre l'elezione del presidente della Repubblica. L'intesa tra le forze politiche appare però distante.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile