AFP
AFGHANISTAN
15.08.21 - 16:590
Aggiornamento : 21:09

Il Presidente Ashraf Ghani ha lasciato l'Afghanistan

I militanti sono intanto entrati in città, per «far mantenere l'ordine pubblico»

KABUL - In seguito all'arrivo dei talebani a Kabul, il Presidente Ashraf Ghani ha lasciato la città ed è fuggito all'estero.

Mentre l'ufficio presidenziale ha dichiarato solo un «no comment» sui movimenti di Ghani «per motivi di sicurezza», un funzionario del Ministero dell'interno ha invece rivelato che si è recato in Tagikistan. Lo riporta l'agenzia di stampa Reuters. Dopo circa 20 anni, i militanti sono quindi a un nonnulla dal tornare alla guida dell'Afghanistan. 

Inoltre, l'ipotesi del governo di transizione è stata ora smentita da due funzionari talebani, che si aspettano un «passaggio completo del potere nelle loro mani».

Nel frattempo, i combattenti stipati all'esterno della città hanno avuto il via libera per entrare, «per mantenere l'ordine pubblico» e «controllare il caos» che sarebbe potuto emergere in quanto la polizia afghana è anch'essa fuggita, lasciando via libera a possibili saccheggi.

«Non abbiate paura dei talebani», è l'appello ai residenti di Kabul da parte del portavoce talebano Zabihullah Mujahid, spiegando che ai militanti è stato chiesto di «non entrare» nelle abitazioni e di non «interferire» con gli affari privati della popolazione.

Poco dopo, il Guardian ha segnalato delle prime sparatorie in alcune zone della città, come confermato in seguito dal Ministero degli interni afgano. 

Le strade, però, sono in parte deserte: in molti hanno tentato (e stanno tuttora tentando) di abbandonare il paese. Non solo gli stranieri (molte le ambasciate che hanno chiuso i battenti) ma anche gli autoctoni, preoccupati dal possibile pugno di ferro di quello che già si autoproclama Emirato Islamico.

Dal canto loro, però, i talebani hanno toni concilianti, confermando di «non cercare una vendetta» e garantiscono l'amnistia «agli invasori e a chi ha collaborato con il governo corrotto di Kabul». Parole, queste, che stonano con i precedenti storici del gruppo fondamentalista, ma anche con gli assassinii perpetrati nell'ultimo anno in tutto il paese a danno di giornalisti, attivisti e personaggi pubblici di spicco. In diverse città conquistate, riporta sempre la CNN, alle donne è stato chiesto di rimettere il burqa.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Stati Uniti
1 ora
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
3 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
6 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
9 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
10 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
12 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
20 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
23 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
1 gior
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
1 gior
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile