Immobili
Veicoli
Matteo Messina Denaro, la voce del fantasma
Keystone
A sinistra e al centro: due foto risalenti agli anni 80 e 90 di Matteo Messina Denaro. A destra: un ritratto invecchiato del boss, realizzato dagli inquirenti.
ITALIA
13.08.21 - 11:400
Aggiornamento : 15:54

Matteo Messina Denaro, la voce del fantasma

La registrazione risale al marzo del 1993 ed è stata scoperta negli archivi del Tribunale di Marsala.

Sul nastro magnetico una trentina di minuti, registrati durante un'udienza per il processo Accardo, un caso di omicidio avvenuto nel trapanese. Il procuratore nazionale antimafia Cafiero De Raho: «Sentire la sua voce è molto importante per riscontri e comparazioni».

TRAPANI - Matteo Messina Denaro è da ieri un po' meno un fantasma. La voce del super boss, latitante da ormai 28 anni e ultimo "architetto" ancora in libertà di quella campagna stragista che Cosa nostra condusse in Italia tra il 1992 e il 1993, è stata ascoltata ieri per la prima volta grazie a un documento presentato dal Tg1 della Rai.

Una trentina di minuti, impressi su nastro magnetico, risalenti a un'udienza tenuta presso il Tribunale di Marsala, il 18 marzo del 1993. A quell'epoca "U Siccu" - così veniva soprannominato ai tempi, in virtù del suo fisico asciutto, prima di diventare solamente "Iddu" (lui, in siciliano), come Bernardo Provenzano - aveva 31 anni. Il boss era stato convocato per testimoniare al processo Accardo, uno dei tanti delitti di mafia avvenuti nel trapanese, in questo caso a Partanna, in quel periodo.

«Senta, ricorda se fu sentito dalla squadra mobile di Trapani, dopo la morte di un certo Accardo Francesco da Partanna?», chiede il pubblico ministero. «Guardi - risponde Messina Denaro -, io, in quel periodo ho subito decine d'interrogatori per ogni omicidio che è successo». Partanna confina con Castelvetrano, uno dei quattro mandamenti della geopolitica mafiosa della provincia nonché "feudo" dei Messina Denaro sin dai primi anni ottanta, quando a comandare era Francesco, il padre del super latitante, fedelissimo del "Capo dei capi", Totò Riina.

La voce del fantasma è rimasta celata in quella cassetta per quasi un trentennio ed è riemersa dagli archivi del tribunale lilibetano grazie al lavoro di un'associazione antimafia. Due mesi e mezzo dopo aver impresso le sue parole su quel nastro, dopo quel «Può andare signor Messina Denaro. Grazie a lei, buongiorno», il boss si sarebbe dato alla latitanza, scomparendo. Un ritorno a quella "regola" del giunco che per decenni, prima della sanguinosa escalation corleonese, era stata la dottrina madre delle cosche mafiose. «Càlati juncu ca passa la china», recita un noto proverbio siciliano: «Piegati giunco finché non è passata la piena». Ossia, armati di pazienza e aspetta che arrivino tempi migliori.

L'importanza di aver sentito la sua voce
La fine dello scontro frontale con lo Stato. Le bombe che cessano di esplodere. I fucili che smettono di sparare. La trattativa. Matteo Messina Denaro ha atteso e oggi è al contempo l'ultimo capo di quella vecchia mafia stragista e l'emblema di una nuova e moderna mafia imprenditoriale, che «inquina la vita pubblica del Paese», per citare il giornalista Lirio Abbate, senza aver bisogno di sparare. Oggi Messina Denaro ha 59 anni. Il suo volto attuale è sconosciuto. Le sue ultime foto in mano agli inquirenti sono ormai ingiallite. Ma ora che si conosce la sua voce, il cerchio attorno al super latitante si restringe un poco di più. Averla sentita «è qualcosa di davvero importante» ha detto ai microfoni del Tg1 il procuratore nazionale antimafia italiano, Federico Cafiero De Raho. 

«Negli anni sono state arrestate centinaia di persone facenti parte della rete che ne ha favorito la latitanza e sono stati sequestrati tre miliardi di euro». Nei confronti del boss ci sono «attività investigative da anni, Carabinieri, Polizia e Guardia di finanza hanno documenti sonori idonei anche a riscontri e comparazioni laddove si rendesse necessario». «È qualcosa - ha affermato Cafiero De Raho - su cui facciamo grandissimo affidamento».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
angie2020 5 mesi fa su tio
chissà se un giorno verrà preso
seo56 5 mesi fa su tio
🤐🤐🤐
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
18 min
Il giallo di Camilla Canepa, i dottori sapevano che era vaccinata
La 18enne e la sua famiglia avevano avvisato i medici, nonostante questo non sono state seguite le linee guida dell'Isth
BRASILE
3 ore
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
RUSSIA / UCRAINA
11 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
13 ore
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
16 ore
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
19 ore
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
22 ore
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
TAGIKISTAN
1 gior
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
1 gior
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
1 gior
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile