«Non troverei un cameriere disposto a lavorare nel mio ristorante neppure se lo pagassi oro!»
MANUELA CAVALIERI E DONATELLA MULVONI
È fuga dai ristoranti a New York.
STATI UNITI
02.08.21 - 06:000

«Non troverei un cameriere disposto a lavorare nel mio ristorante neppure se lo pagassi oro!»

A New York è fuga dai ristoranti: la pandemia ha messo a nudo i problemi del settore

di Redazione
Manuela Cavalieri e Donatella Mulvoni

NEW YORK - «Non troverei un cameriere disposto a lavorare nel mio ristorante neppure se lo pagassi oro!». Omar, capo barman del ristorante One and One a New York, è sconsolato. Il suo staff da giorni lavora a turni doppi quotidiani, senza sosta. «Il mio team è esausto e spesso i clienti neppure si rendono conto del sacrificio che stiamo facendo. Io personalmente sto facendo turni da quattordici ore», ci dice, mentre si appoggia per qualche istante al bancone del bar.

Basta una passeggiata tra le vie di New York per afferrare il senso delle parole di Omar: non c’è vetrina che non esponga il cartello “cercasi personale”. Negli Stati Uniti è di fatto finita un’era. I ristoranti, un tempo la piazza di lavoro più dinamica d’America, oggi vengono disertati. «Noi neppure li mettiamo i cartelli, non serve. So che potrebbe sembrare un’esagerazione, ma siamo davvero disperati. Sapete chi vuole lavorare ora? Soltanto giovanissimi senza esperienza. E francamente per noi non vanno bene, non abbiamo il tempo di formarli».

L’abbandono del grembiule è un reflusso inevitabile della pandemia: in tanti hanno scelto di non ritornare in cucina o tra i tavoli. Non era mai successo prima. C’è chi punta il dito contro i sostanziosi sussidi straordinari di disoccupazione per chi ha perso il lavoro a causa del Covid, di cui i lavoratori usufruiranno fino a settembre. «È un dato di fatto. Non ci sono dubbi a riguardo», asserisce Omar. Un altro nodo fondamentale è il timore dei rischi a cui i lavoratori si sottopongono, dato il costante contatto con il pubblico.

In realtà la situazione è molto più complessa. Il fenomeno va contestualizzato in un ambito più generale, quello della rivoluzione occupazionale post-pandemica che ha portato un numero impressionante di americani a decidere di lasciare il proprio vecchio lavoro per cambiare completamente carriera. La pandemia, però ha scoperto i nervi di un comparto economico privo di tutele, senza benefici, seppur in molti casi redditizio. Il risultato è la proliferazione in tutta America di esperimenti di sindacati e organizzazioni di lavoratori.

MANUELA CAVALIERI E DONATELLA MULVONI
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 min
Il Congresso USA vota a favore degli uiguri
È stato approvato un disegno di legge per contrastare i prodotti realizzati sfruttando le minoranze dello Xinjiang
ITALIA
3 ore
«I nuovi cyberbulli diventano violenti già a 7 anni»
La senatrice Elena Ferrara racconta la sua battaglia per una legge europea contro il bullismo online
ITALIA
9 ore
Quegli italiani che non vogliono Moderna
Si segnalano casi di rifiuto del booster eterologo in chi ha avuto le prime due dosi di Pfizer
ITALIA
12 ore
Cardiochirurgo con sintomi causa un maxi focolaio
Il professionista ha continuato a visitare e a operare, ora tutti i contagiati sono in isolamento
MONDO
LIVE
Omicron «potrebbe avere un impatto importante sulla pandemia»
Il vaccino non dovrà mai essere somministrato con la forza, secondo l'Onu.
GIAPPONE
17 ore
Un miliardario alla conquista della ISS
Yusaku Maezawa ha finanziato totalmente il viaggio turistico nello spazio.
MONDO
20 ore
I vaccini sono efficaci con Omicron? «Non c'è alcuna ragione per dubitarne»
Secondo Pfizer la terza dose sarebbe in grado di neutralizzare la variante
BANGLADESH
23 ore
Studente ucciso, condannate a morte 20 persone
Il ragazzo fu aggredito a colpi di mazza nel 2019 per aver criticato il governo
GERMANIA
1 gior
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
1 gior
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile