Imago
Il luogo dell'incidente.
STATI UNITI / SPAGNA
28.07.21 - 23:300

Dieci milioni per la «negligenza» che uccise le quattro turiste spagnole

L'accusa ha attaccato la mancata «competenza» dell'autista del camion commerciale che ha provocato l'incidente

Il verdetto della giuria: l'azienda di trasporti dovrà pagare un compenso milionario alle famiglie

MIAMI / MALLORCA - L'azienda di trasporti che «a causa della propria negligenza» ha provocato la morte di quattro turiste spagnole, il 5 marzo 2018 a Islamorada, dovrà risarcire le famiglie delle vittime per 11.8 milioni di dollari.

Lo ha deciso la giuria della Corte distrettuali statunitense a Kay West, come riporta il Miami Herald. La Discount Rock & Sand, che si occupa - oltre a trasporti - anche di edilizia e paesaggistica, ha trenta giorni di tempo per fare appello.

Secondo gli avvocati delle famiglie, l'azienda non ha «formato» in modo adeguato il conducente del camion, che ha speronato il SUV che era stato noleggiato dalle ragazze, spingendolo nella corsia opposta e facendolo scontrare con un camper e poi finire contro un albero. Le quattro amiche, tre 31enni e una 30enne, sono tutte decedute sul colpo.

I giurati hanno deliberato per diverse ore nell'arco di due giorni prima di annunciare il verdetto, venerdì scorso. «È una decisione corretta» ha detto l'avvocato Paul Jon Layne, che ha rappresentato le famiglie delle vittime: «Finalmente i nostri clienti hanno potuto avere una piccola quantità di pace».

L'avvocato Layne ha poi detto all'agenzia stampa Efe che nel processo è stato stabilito che le turiste, tre di loro provenienti da Mallorca e una da Cordoba, non hanno avuto alcuna responsabilità nell'incidente in cui hanno perso la vita. Secondo l'accusa, il conducente del camion aveva invece «una storia di infrazioni stradali» e «non era competente per operare e mantenere il veicolo commerciale in cui stava viaggiando».

Gli avvocati rappresentanti di Discount Rock & Sand non hanno per il momento rilasciato alcun commento.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
56 min
A caccia di streghe
Non siamo più nel medioevo ma il sospetto e la superstizione uccidono e mutilano ancora, migliaia di persone ogni anno
FOTO
ISRAELE
2 ore
Eitan per ora resterà in Israele
Lo hanno deciso in tribunale questa mattina le due famiglie che si contendono il piccolo, il processo al via a ottobre
REGNO UNITO
4 ore
«È l'ultima chance per l'umanità»
I Paesi devono assumersi la responsabilità «per la distruzione che affliggono, non solo al pianeta ma anche a sé stessi»
MONDO
7 ore
Aria inquinata? Più pericolosa del previsto
L'Organizzazione mondiale della sanità ha ridotto i livelli massimi di sicurezza di varie sostanze
BRASILE
14 ore
Un suo ministro è positivo: Bolsonaro in isolamento
All'Onu stanno cercando di tracciare i contatti di Marcelo Queiroga. Ci sarebbe anche Boris Johnson
STATI UNITI
18 ore
Perché il caso di Gabby Petito ha lasciato tutta l'America con il fiato sospeso
Fra teorie e ipotesi su TikTok e Instagram, la storia della 22enne scomparsa ha catalizzato la curiosità di una nazione
Italia
20 ore
Le mafie stanno sfruttando l'emergenza Covid per arricchirsi
L'Antimafia lancia un appello ai governi: «Bisogna far fronte comune e trattare questa emergenza come quella sanitaria»
GERMANIA
22 ore
Se non sei vaccinato e finisci in quarantena, il datore non deve pagarti
In Germania sarà così dal 1 novembre, conferma il Governo. Il motivo è che «esiste un vaccino che funziona»
AFGHANISTAN
23 ore
I talebani: «Fateci parlare alle Nazioni Unite»
Suhail Shaheen avrà il ruolo di esporre il punto di vista talebano nello scenario internazionale
LE FOTO
AUSTRALIA
1 gior
A Melbourne trema la terra, e anche la società
Giornata calda a Melbourne: prima, una scossa di terremoto di magnitudo 5.8, poi, le proteste in piazza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile