Depositphotos (doidam10)
Alcuni Paesi del G20 sono una minaccia per l'ambiente, secondo attivisti e scienziati.
MONDO
25.07.21 - 16:260

Quei Paesi del G20 che sono una minaccia per il clima

Scienziati e attivisti puntano il dito in particolare contro Cina, Russia, Brasile e Australia

MELBOURNE - Alcuni dei Paesi leader del G20 hanno fissato degli obiettivi sul clima che porterebbero a un «disastroso riscaldamento globale» e quindi rappresentano una minaccia per l'ambiente.

È l'allarme lanciato dal gruppo di scienziati e attivisti Paris Equity Check che puntano il dito in particolare contro Cina, Russia, Brasile e Australia. Questi Paesi, spiegano gli esperti, hanno tutti politiche energetiche che prevedono un aumento delle temperature che rischia di «devastare» gran parte del pianeta.

L'analisi, riporta il Guardian, solleva serie preoccupazioni sugli accordi raggiunti al vertice Cop26 di Glasgow tre mesi fa, considerata uno dei summit sul clima più importanti. In quell'occasione, infatti, è stato deciso che l'obiettivo sarà quello di mantenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi attraverso una politica globale per porre fine alle emissioni nette di gas serra entro il 2050.

L'Ue e Regno Unito hanno delineato una serie di piani sulle emissioni che potrebbero portare al raggiungimento degli obiettivi di Glasgow. Invece Cina, Russia, Brasile e Australia, continuando a dipendere dalla continua combustione di combustibili fossili, provocherebbero aumenti di temperatura di cinque gradi, ovvero un'impennata inaccettabile per la sopravvivenza del pianeta.

Questa discrepanza, sottolineano gli scienziati, rivela una profonda divisione sulle politiche energetiche e ambientali tra le nazioni più ricche del mondo. «Senza ulteriori impegni da parte di Cina, Brasile, Russia e Australia, Cop26 non riuscirà a fornire il futuro di cui il nostro pianeta ha bisogno», ha avvertito Tanya Steele, amministratore delegato del WWF.

La netta differenza tra i piani climatici delle nazioni del G20, che insieme sono responsabili dell'85% di tutte le emissioni globali di carbonio, è stata sottolineata anche alla riunione dei ministri dell'Energia e dell'Ambiente che si è svolta a Napoli tre giorni fa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
2 ore
Dieci civili vittime del drone: il Pentagono ammette
L'episodio è avvenuto poco prima del ritiro delle truppe Usa da Kabul
Egitto
5 ore
In progetto una ferrovia lunga 1'800 chilometri per attraversare il deserto
Firmato l'accordo per la costruzione della prima tratta con la multinazionale tedesca Siemens
STATI UNITI / CINA
7 ore
ll boom del traffico intercontinentale dei falsi certificati Covid
Le dogane Usa intercettano migliaia di pacchi provenienti dalla Cina
BELGIO
10 ore
Attentati di Bruxelles, Salah Abdeslam rinviato a giudizio
Sei dei 10 imputati sono alla sbarra anche per le stragi di Parigi del 2015
DANIMARCA
12 ore
Verso una nuova regolamentazione sulla caccia alle balene
Non sono mancate le risposte alle accuse sui social: «È solo che il nostro mattatoio è a cielo aperto»
RUSSIA
14 ore
I russi al voto, tra «censure», «scelte limitate» e «attacchi hacker»
Con l'esclusione dei maggiori oppositori, il partito di maggioranza - Russia Unita - punta a riconfermarsi
Stati Uniti
16 ore
In migliaia stipati sotto un ponte aspettano per attraversare il confine
Le condizioni igienico-sanitarie sono al limite, mancano acqua, cibo e una risposta concreta all'emergenza umanitaria
REP. DEMOCRATICA DEL CONGO
19 ore
Traumatizzati e dimenticati: sono gli orfani dell'Ebola
Molti faticano a ricostruirsi una vita a causa dello stigma sociale che circonda il morbo
CONFINE
1 gior
Nubifragio a Malpensa, aerei nel caos
Decine di persone intrappolate in auto. Lo scalo varesino è chiuso e i voli sono dirottati altrove
ITALIA
1 gior
Green Pass per i lavoratori, via libera all'unanimità
La misura entrerà in vigore a partire dal 15 ottobre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile