Keystone
Un autobus con a bordo i 51 transfughi raggiunge l'aeroporto di Austin
STATI UNITI
13.07.21 - 11:290
Aggiornamento : 11:52

Diritto di voto: i democratici lasciano il Texas su due jet privati e bloccano il Parlamento

Fanno così mancare il quorum a una proposta di legge repubblicana: «È una norma pericolosa».

Il governatore repubblicano del Texas: «Mentre attraversano il Paese su comodi aerei privati lasciano irrisolte questioni che possono aiutare i loro distretti e il nostro Stato».

LOS ANGELES - Determinati a bloccare una legge promossa dai Repubblicani che, a loro avviso, limiterebbe il diritto di voto, almeno 51 deputati democratici del Texas hanno lasciato lo Stato su due voli charter per far mancare il quorum alla Camera. La fuga, alla volta della capitale federale Washington, si è resa necessaria perché, in Texas, una nuova norma prevede che i deputati che disertino senza un valido motivo una seduta facendo mancare il numero legale per il voto possano essere «arrestati» e ricondotti in Parlamento.

«Oggi (lunedì, ndr), noi Democratici alla Camera del Texas siamo uniti nella nostra decisione di far mancare il quorum e impedire alla legislatura controllata dai Repubblicani d'imporre leggi pericolose che calpesterebbero il diritto dei texani di votare», affermano i leader della sezione locale del partito in un comunicato citato dalla Texas Tribune. Lunedì pomeriggio, a partire su due jet a noleggio dall'aeroporto di Austin, sono stati 51 dei 67 deputati democratici della Camera del Texas. La meta: Washington DC, per portare il dibattito sulla limitazione delle modalità di voto all'attenzione nazionale.

 «La decisione dei Democratici del Texas di far mancare il quorum della legislatura del Texas e abbandonare il Campidoglio dello Stato del Texas danneggia proprio i texani che li hanno eletti», ha dichiarato il governatore repubblicano dello Stato, Greg Abbott. «Mentre attraversano il Paese su comodi aerei privati lasciano irrisolte questioni che possono aiutare i loro distretti e il nostro Stato», ha aggiunto.

La partenza dei democratici giunge all'inizio di una sessione straordinaria della Camera del Texas che avrebbe dovuto durare altri 26 giorni e che era stata indetta principalmente per approvare le nuove norme sul voto promosse dai Repubblicani. L'assenza dei Democratici fa ora mancare il quorum dei due terzi previsto dal regolamento della camera bassa del parlamento locale, composta da 150 membri, e mette di fatto la parola fine alla sessione.

Già in maggio diversi deputati democratici avevano abbandonato l'aula per far mancare il numero legale per il voto. Oltre alla possibilità di arrestare e ricondurre in Parlamento i deputati transfughi, il regolamento della Camera adottato in gennaio all'inizio dell'ultima sessione regolare prevede altresì che i parlamentari possano votare sulla possibilità di chiudere a chiave le porte dell'aula per evitare che dei colleghi possano andarsene durante una seduta.

La limitazione delle modalità di voto proposta in Texas s'inscrive nel dibattito nazionale sul diritto di voto esploso dopo le ultime elezioni presidenziali e legato alle veementi critiche al voto per posta espresse da Donald Trump. Questa modalità di voto aveva favorito la partecipazione dell'elettorato democratico o anti-Trump alla consultazione, determinando la sconfitta dell'ex presidente. Come altri Stati a guida repubblicana, il Texas intende inasprire i controlli d'identità dei votanti e ridurre le possibilità di voto anticipato e a distanza.

Le nuove norme boicottate dai democratici prevedono in particolare il divieto di organizzare seggi "drive-thru", ossia dove si possa votare restando in auto; il divieto di avere seggi aperti 24 ore al giorno; e il divieto di distribuire alla cittadinanza formulari non richiesti per l'iscrizione al voto per corrispondenza. Per la verifica dell'identità di chi vota per corrispondenza, la nuova legge dispone altresì che avvenga attraverso il numero di patente di guida o della sicurezza sociale e non più, come avviene ora, tramite verifica visiva della corrispondenza della firma. Il segretario di Stato del Texas sarà inoltre incaricato d'incrociare mensilmente le liste delle persone registrate per il voto e i dati del Dipartimento della sicurezza pubblica per individuare eventuali elettori registrati privi della cittadinanza statunitense.  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Italia
9 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
12 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
14 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
16 ore
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
18 ore
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
20 ore
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
21 ore
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
23 ore
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
1 gior
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
AUSTRIA
1 gior
Il cancelliere austriaco vuole già dimettersi
Alexander Schallenberg si è detto pronto a lasciare l'incarico, appena due mesi dopo il predecessore Kurz
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile