Reuters
MONDO
13.07.21 - 08:450

Obbligo di vaccino per i sanitari, non solo in Francia

Francia, Italia, Grecia: in sempre più paesi, almeno per alcuni gruppi, la vaccinazione non è più facoltativa

Un obbligo generale per la popolazione adulta, invece, è un'opzione rara.

PARIGI - La Francia e la Grecia hanno deciso di rendere il vaccino obbligatorio per il personale sanitario e delle case di cura. Lo hanno annunciato ieri i Capi del Governo, gettando benzina sul fuoco di una discussione sempre più accesa: quella riguardante la possibilità di applicare, o meno, un obbligo di vaccinazione.

Infatti, a livello internazionale, la campagna vaccinale rappresenta per gli Stati uno dei mezzi più importanti per combattere la pandemia di coronavirus. Ciononostante, i Governi faticano a convincere buone fette della popolazione a farsi inoculare il siero immunizzante. Da qui il dibattito sull'eventuale obbligo, se non per la popolazione intera, per determinati gruppi. In questo senso, tra i settori più presi di mira ci sono il personale infermieristico e quello scolastico.

Per avere un quadro generale, l'agenzia di stampa AFP ha riassunto i Paesi in cui c'è in vigore una forma, più o meno lieve, di vaccinazione obbligatoria.

Vaccino per alcuni gruppi o professioni
Tra gli Stati che hanno reso obbligatoria la vaccinazione per alcuni gruppi, in primis, viene in mente l'Italia. Dal 25 maggio, infatti, il personale medico dev'essere immunizzato. In caso contrario, si rischia la sospensione (almeno, per coloro che sono a contatto con i pazienti). La faccenda, comunque, è stata portata in tribunale da centinaia di lavoratori, e sviluppi in merito dovrebbero emergere già mercoledì.

Il Governo britannico, dal canto suo, ha annunciato il 16 giugno che tutti i dipendenti delle case di riposo dovranno essere completamente vaccinati. Inoltre, le autorità stanno valutando se ampliare tale obbligo anche ad altri fornitori di servizi a contatto con i clienti, come ad esempio i parrucchieri.

In Russia, sebbene Vladimir Putin si sia recentemente opposto a un obbligo di vaccinazione a livello nazionale, le autorità di Mosca e San Pietroburgo (ma non solo), hanno ordinato una certa forma di vaccinazione obbligatoria per il settore dei servizi: circa il 60% dei dipendenti (due milioni di persone) dovranno essere vaccinati entro il 15 agosto. 

Anche negli Stati Uniti ci sono solo determinati casi isolati di misure obbligatorie: San Francisco ha annunciato a fine giugno che i suoi circa 35'000 dipendenti comunali devono essere vaccinati, pena sanzioni disciplinari. In Texas, uno dei più grandi ospedali ha già licenziato più di 150 dipendenti dopo che hanno rifiutato l'inoculazione.

Vaccino obbligatorio per tutti
Un paese in cui sia in vigore un obbligo generale di vaccinazione per tutti gli adulti è raro. Si può guardare al Tagikistan, dove un decreto governativo impone a tutti i maggiorenni di essere vaccinati contro il coronavirus. Tuttavia, non è chiaro se tale misura venga attuata. La situazione è simile in Turkmenistan.

D'altra parte, In Vaticano, è stata introdotta già l'8 febbraio una vaccinazione obbligatoria per tutti i residenti e per gli impiegati. Chi non accetta, rischia fino al licenziamento.

Alcuni Paesi, invece, non hanno un obbligo formale di vaccinazione, ma le restrizioni per i non vaccinati sono così massicce che si avvicinano molto all'obbligatorietà. L'Arabia Saudita, ad esempio, ha annunciato che da agosto solo le persone vaccinate saranno ammesse in talune strutture governative e private, come i luoghi di istruzione, d'intrattenimento e determinati trasporti pubblici. Anche in Pakistan, nella provincia di Belucistan, è stata introdotta una legge simile, che si estende però anche ai centri commerciali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
emib53 2 mesi fa su tio
Mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse cosa c'entra la democrazia con le decisioni prese per un bene superiore, quello della salute collettiva. Non credo ci sia qualcuno che possa negare come la vaccinazione allargata abbia di fatto diminuito i morti e i casi gravi, non è ancora abbastanza per debellare il virus e impedirgli di avere tempo per mutare. Vista la notevole e diffusa ignoranza, mi pare che la scelta della Francia sia purtroppo l'unica strada da seguire.
volabas56 2 mesi fa su tio
@emib53 Hai perfettamente ragione....ma se pensi che c'è ancora gente che nega l'Olocausto, che nega lo sbarco dell'uomo sulla luna, chi dice che la terra è piatta, allora non stupirti che ci siano i negazionisti della pandemia e della sua pericolosita'...quindi ti suggerisco di non tentare spiegazioni con gente incapace di intendere; ti roderai meno il tuo fegato. buona serata.
IaM 2 mesi fa su tio
@emib53 Te lo speogo io. O almeno ti do un indizio lampante per fartelo capire. I bambini non hanno mai messo la mascherina, hanno sempre toccato e ciucciato tutto, non sono vaccinati e stanno tutti bene. I bambini hanno un fisico più sensibile e per certi versi più debole, non ancora ben sviluppato. I bambini sono 1 miliardo di persone sul pianeta. E tu mi dici che è giusto vaccinare. Siamo impazziti. Siamo schiavi di qualcuno che ha deciso così.
Don Quijote 2 mesi fa su tio
Al momento sono solo tre paesi latini che notoriamente credono a tutto e si terrorizzano facilmente, con sistemi di governo abbastanza autoritari che aggirano facilmente la democrazia, specialmente i diritti delle minoranze o cittadini fuori dal controllo mediatico. Vedremo le vere democrazie come il Lussemburgo, la Svezia, la Finlandia, Il Canada, ecc. La Svizzera non so, ha perso tante delle sue peculiarità e sembra sempre più europeizzata nei difetti di chi la circonda, peccato!
pag 2 mesi fa su tio
@Don Quijote ma bevi di meno
pillola rossa 2 mesi fa su tio
@Don Quijote La Svizzera centrale ha le palle! 😁
Lore61 2 mesi fa su tio
@Don Quijote È quello che vogliono, e vedendo la tendenza ci stanno riuscendo, è più facile gestire un gregge di pecore terrorizzate ma ubbidienti, infatti basta un cane! XD
Don Quijote 2 mesi fa su tio
@pag Torna nel corral
Ro 2 mesi fa su tio
Purtroppo non ci sono altre vie. Brutto da dire ma è così
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore
Gli agenti di polizia che non vogliono vaccinarsi per motivi religiosi
Accade a San Francisco, ma in tutti gli Usa le richieste in tal senso sono oltre 20mila
Italia
7 ore
La zanzara giapponese è arrivata ed è più pericolosa della tigre
È stata rilevata a settentrione della penisola e la regione Veneto raccomanda il vaccino contro l'encefalite giapponese
STATI UNITI
9 ore
Facebook replica: Instagram non è tossico per le ragazzine
La ricerca citata dal Wall Street Journal è «sfumata e complessa», sostiene il vicepresidente Pratiti Raychoudhury
Italia
12 ore
Cannabis legale, «Mancano quattro giorni all'assassinio della democrazia»
Raccolte quasi 600mila firme online, ma moltissimi comuni non vogliono concedere i certificati elettorali
FOTO
GRECIA
16 ore
Forte terremoto a Creta, un morto e alcuni feriti
L'epicentro della scossa è stato localizzato a una ventina di chilometri a sud di Candia
GERMANIA
17 ore
L'Spd s'impone al fotofinish
I socialdemocratici avanti con il 25,7% dei voti, crollo dei conservatori. Quale coalizione per governare?
MONDO
19 ore
Le giovani generazioni «vivranno una vita senza precedenti»
Ci saranno più inondazioni, più siccità, più ondate di calore. È l'avvertimento di uno studio internazionale
GERMANIA
1 gior
Il dopo-Merkel da cardiopalma, per gli exit poll Spd e Cdu sono a pari merito
Stando ai sondaggi i due partiti di maggioranza sarebbero o fermi a quota 25% o comunque molto vicino
Regno Unito
1 gior
Sabina Nessa, arrestato il presunto assassino
La 28enne è stata accoltellata a morte lo scorso 17 settembre poco lontano dalla sua abitazione
FOTO
SAN MARINO
1 gior
San Marino alle urne per depenalizzare l'aborto
È una delle poche nazioni in Europa dove è ancora illegale, si vota oggi dopo una battaglia politica lunga 18 anni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile