Deposit
MONDO
07.07.21 - 12:190
Aggiornamento : 13:41

Crimini d'odio, denuncia solo una vittima su dieci

«Tanto non cambierà nulla», è la principale motivazione per non segnalare un abuso

Lo denuncia l'ultimo rapporto dell'Agenzia dell'Ue per i diritti fondamentali

BRUXELLES - Milioni di persone nell'Unione europea subiscono violenza e molestie motivate dall'odio, a causa del loro background etnico, del colore della pelle, della religione, del sesso, dell'orientamento sessuale o della disabilità. Tuttavia, «fino a 9 persone su 10 non denunciano aggressioni o abusi».

Lo sottolinea l'ultimo rapporto dell'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali (FRA), intitolato "Incoraggiare la denuncia dei crimini d'odio: il ruolo delle forze dell'ordine e di altre autorità". Nel documento vengono invitati i paesi dell'Ue a «rimuovere le barriere che impediscono alle vittime e ai testimoni di farsi avanti, e incoraggiare la denuncia».

L'indagine della FRA evidenzia che alcune minoranze subiscono il doppio della violenza media rispetto alle persone in generale. Infatti, sulla base di un sondaggio presente nel rapporto, il 9% di tutti gli intervistati aveva subito violenza fisica nei cinque anni prima del sondaggio. Per quanto riguarda le minoranze etniche, la percentuale sale a 22%, per coloro che si identificano come membri della comunità Lgbt a 19%, e per chi ha una disabilità a 17%. 

Ma perché le persone non denunciano? Poiché pensano che «non cambierebbe nulla» anche se denunciassero, che «è troppo complicato e burocratico» effettuare una denuncia, oppure che non si fidano delle forze di polizia.

Secondo la Fra, sono tre le cose che devono cambiare: bisogna porre fine alla discriminazione e dare potere alle vittime (affrontando la discriminazione strutturale e i pregiudizi, condannando pubblicamente i crimini d'odio e aumentando la consapevolezza delle vittime), migliorare il sistema di segnalazioni (facilitandolo, permettendo l'anonimato), ed istituire un sistema capace d'affrontare i crimini d'odio (formando la polizia, lanciando nuove unità specializzate e di supporto alle vittime).

«I paesi dell'Ue hanno il dovere di garantire l'accesso alla giustizia per tutti. Ma troppe vittime di crimini d'odio non denunciano di essere state aggredite e troppi paesi non registrano correttamente i crimini d'odio», ha dichiarato il Direttore della FRA Michael O'Flaherty. «Questo deve cambiare. I Paesi dovrebbero semplificare la denuncia e migliorare la registrazione dei crimini d'odio, le indagini e le punizioni per sostenere pienamente i diritti delle vittime».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Controllo del Green Pass: 236 violazioni
Cinque persone sono state denunciate per aver utilizzato un certificato di un'altra persona, o un test Covid falso
AFGHANISTAN / STATI UNITI
5 ore
Gli Usa hanno minacciato di bombardare i talebani
Alla fine le cose sono andate diversamente da come ipotizzato dal generale McKenzie
FOTO
SVEZIA
7 ore
Esplosione in un palazzo di Goteborg, 25 feriti
Tre donne sono in gravi condizioni, l'incendio non è al momento sotto controllo
Stati Uniti
9 ore
Pillole contraffatte acquistate su TikTok causano un'epidemia di overdose
Sono prodotte a base di fentanyl e metanfetamina, ma i clienti sono convinti di star acquistando farmaci da banco
EGITTO
10 ore
«Salvate l'attivista Zaki!». Ore di speranza in carcere
Nuova udienza oggi a Mansura per Patrick Zaki, lo studente dell'università di Bologna accusato di propaganda sovversiva.
STATI UNITI
18 ore
Gli agenti di polizia che non vogliono vaccinarsi per motivi religiosi
Accade a San Francisco, ma in tutti gli Usa le richieste in tal senso sono oltre 20mila
Italia
23 ore
La zanzara giapponese è arrivata ed è più pericolosa della tigre
È stata rilevata a settentrione della penisola e la regione Veneto raccomanda il vaccino contro l'encefalite giapponese
STATI UNITI
1 gior
Facebook replica: Instagram non è tossico per le ragazzine
La ricerca citata dal Wall Street Journal è «sfumata e complessa», sostiene il vicepresidente Pratiti Raychoudhury
Italia
1 gior
Cannabis legale, «Mancano quattro giorni all'assassinio della democrazia»
Raccolte quasi 600mila firme online, ma moltissimi comuni non vogliono concedere i certificati elettorali
FOTO
GRECIA
1 gior
Forte terremoto a Creta, un morto e alcuni feriti
L'epicentro della scossa è stato localizzato a una ventina di chilometri a sud di Candia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile