Immobili
Veicoli
AFP
+10
AFGHANISTAN
06.07.21 - 18:000
Aggiornamento : 20:52

La mega base militare che gli Usa hanno lasciato dalla sera alla mattina «senza nemmeno salutare»

Staccando pure la corrente. La strana storia di Bagram, un tempo punto strategico, e oggi quasi una città fantasma

KABUL - Non è solo una base aerea, quella di Bagram, è un piccolo pezzo di America nel mezzo delle montagne dell'Afghanistan.

Ci sono le piste per gli aerei e le caserme, sì, ma anche un mini-supermercato un Burger King e un fast-food della celebre catena Popeye's. Fino a qualche tempo fa, scrive la CNN, c'era anche un negozio che vendeva Harley Davidson.

Oggi, 20 anni dopo l'insediamento, in quel complesso militare a nord di Kabul non c'è più nemmeno l'ombra di un soldato americano. Nelle carceri però, riporta la BBC, ci sono circa 5'000 prigionieri talebani.

Attualmente - spiegano gli ufficiali dell'esercito afghano ai reporter della CNN - le forze armate afghane stanno gradualmente assumendo il controllo dell'avamposto, occupando aree a cui fino a ora non avevano mai avuto acceso: «Stiamo tentando di capire bene cosa fare», spiegano i militari, «una gran parte di tutto questo noi non l'avevamo mai visto».

Questo perché i marines se ne sono andati, dalla sera alla mattina e staccando la corrente, lo scorso venerdì e molti loro commilitoni afghani lo hanno scoperto solo il giorno stesso: «È come se un vecchio amico se ne fosse andato all'improvviso, senza nemmeno salutare». Oltre alle strutture, a Bagram, di americano restano circa 700 veicoli, diversi dei quali civili. E in alcuni di questi si possono trovare resti di confezioni di snack, come gli Oreo e i Cheetos e lattine di bevande gassate.

Al momento circa 3'000 soldati dell'esercito di Kabul sono al lavoro nella struttura, tentando di capire come - e con cosa - la base possa contribuire al conflitto, ben lungi dall'essere estinto, con i talebani. Si parla di milioni e milioni di oggetti, dalle razioni fino agli utensili più disparati (le foto che potete vedere qui sopra una piccola idea, la danno). Anche il suo valore strategico al momento è poco chiaro: la base è comunque troppo grande per ospitare gli aerei dell'aviazione afghana.

Il ritiro delle truppe americane, arrivato con largo anticipo rispetto alla data prevista dell'11 settembre 2021, segue il piano di ripiego già ufficializzato da Joe Biden all'inizio di quest'anno.

La preoccupazione è che la minaccia talebana possa guadagnare ulteriormente terreno, in un momento di particolare bellicosità e fortuna militare. A oggi si stima che circa 150 distretti (la maggioranza delle quali al Nord e molte arresesi spontaneamente) siano sotto il loro controllo. È circa un quarto di tutto il Paese.

 Da decenni un punto strategico

Situata a poco meno di 1'500 metri d'altitudine, nei pressi dell'omonima città, la base di Bagram è stata costruita dalle forze americane nel 1950 diventando poi ufficialmente aerea nel 1976. Ceduta al governo afghano è poi passata sotto controllo sovietico, di nuovo afghano e poi - dopo ripetuti scontri e riconquiste durante tutti gli anni '90 - definitivamente telebano. Con l'invasione americana nel 2001, il complesso torna in mano americana e inizia il processo di graduale espansione. Il ritorno sotto controllo statunitense è avvenuto in seguito all'invasione americana dell'Afghanistan dopo l'11 settembre. Da quel momento in poi è iniziato il processo di espansione della struttura.

AFP
Guarda tutte le 14 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La sorella di Omicron sarebbe anche in Lombardia
Sul portale internazionale di dati genomici sono stati segnalati dieci casi di BA.2 nella vicina Penisola
ITALIA
8 ore
Il giallo di Camilla Canepa, i dottori sapevano che era vaccinata
La 18enne e la sua famiglia avevano avvisato i medici, nonostante questo non sono state seguite le linee guida dell'Isth
BRASILE
11 ore
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
RUSSIA / UCRAINA
19 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
21 ore
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
1 gior
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
1 gior
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
1 gior
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
VIDEO
ITALIA
1 gior
Quirinale, i "bookmaker" oggi dicono Casini
L'ex presidente della Camera parte in pole. Il centrodestra compatto su Sabino Cassese? Alle 11 via al quarto scrutinio
TAGIKISTAN
1 gior
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile