Immobili
Veicoli
Keystone
ITALIA
02.07.21 - 10:290
Aggiornamento : 12:02

Undici nuovi indagati per la tragedia del Mottarone

Sono finiti sotto la lente dell'autorità anche diversi funzionari dell'azienda Leitner

In particolare, si indaga su coloro che si sono occupati della manutenzione dell'impianto

TORINO - Si allarga l'inchiesta sull'incidente della funivia del Mottarone che lo scorso 23 maggio ha causato quattordici vittime. Sono ora quattordici gli indagati elencati nella richiesta di incidente probatorio, tra cui due società, Ferrovie del Mottarone e Leitner. Quest'ultima, una delle principali società nel settore, si occupava della manutenzione dell'impianto.

Sono dunque undici gli indagati che si aggiungono ai tre fermati e poi scarcerati nei giorni successivi all'incidente, ovvero il gestore della funivia, Luigi Nerini, il direttore d'esercizio Enrico Perocchio, e il capo servizio Gabriele Tadini, l'unico ai domiciliari. Tra questi figurano Anton Seeber, presidente del Consiglio d'amministrazione della Leitner, Martin Leitner, consigliere delegato della stessa azienda. E ancora Peter Rabanser, dirigente responsabile del Customer Service della Leitner, delegato per l'ambiente e la sicurezza relativa agli impianti a fune.

Tra i nuovi indagati anche Rino Fanetti, dipendente Leitner, che «in data 22 novembre 2016» ha eseguito la testa fusa della fune traente superiore della cabina 3 precipitata lo scorso 23 maggio. Nella lista figura anche Fabrizio Pezzolo, rappresentante legale della Rvs Srl, che si occupava della «manutenzione delle centraline idrauliche» e il suo dipendente Davide Marchetto, «responsabile tecnico degli impianti a fune».

Poi anche Alessandro Rossi della Sateco srl, «che ha effettuato in prima persone le prove magneto-induttive a novembre 2019», e Davide Moschitti, che per conto della stessa azienda ha operato il controllo nel novembre 2020.

Indagato pure Federico Samonini, legale rappresentante della Scf Monterosa srl, «che ha fatto interventi di manutenzione e controllo visivo delle teste fuse» e le ha sostituite a scadenza, ad eccezione della testa fusa della cabina n.3 precipitata, la cui sostituzione era prevista per novembre 2021.

Una perizia anche sui dati della "scatola nera"
La Procura di Verbania effettuerà anche un accertamento sulla cosiddetta 'scatola nera' e in particolare su «ogni dispositivo» riconducibile al «sistema di registrazione dei dati-degli eventi dell'impianto a fune», con «copia forense ed estrapolazione» dei dati che sono «indispensabili ai fini del già ammesso incidente probatorio e cioè della perizia sulle cause della precipitazione della cabina numero 3».

Tra le "persone offese" indicate nell'atto, oltre ai 14 morti, ci sono 47 persone, ossia i familiari delle vittime, e anche il piccolo Eitan che si è salvato. L'udienza con la convocazione di tutte le parti davanti al gip, che dovrà formulare il quesito della perizia e affidarlo ad uno o più esperti, è fissata per il prossimo 8 luglio.

Non solo nuovi indagati, ma anche nuove accuse
Viene contestato anche il reato di attentato alla sicurezza dei trasporti nella richiesta di incidente probatorio notificata oggi ai 14 finiti nel mirino (le due società, Leitner e Ferrovie del Mottarone rispondono per la responsabilità amministrativa degli enti) del procuratore capo Olimpia Bossi e del pm Laura Carrera.

Tutte e 12 le persone fisiche indagate sono accusate di attentato alla sicurezza dei trasporti e di omissione o rimozione dolosa di cautele aggravata dal disastro, oltre che di omicidio colposo e lesioni colpose, mentre Ferrovie del Mottarone, che gestisce l'impianto, e la Leitner rispondono in base alla legge sulla responsabilità amministrativa degli enti. Tadini anche di falso per la compilazione con «esito positivo dei controlli» nel «registro giornale» anche il giorno stesso della tragedia, malgrado sentisse dei «rumori» da tempo e aveva disattivato l'impianto frenante che, a suo dire, presentava problemi.

«Chiuso nel 2014 per revisione generale - scrivono i pm nell'atto - la manutenzione e l'ammodernamento dell'impianto a fune è stata effettuata dalla Leitner», che siglò il 29 giugno 2016 un contratto 'all inclusive' di «manutenzione ordinaria con fornitura di ricambi, di manutenzione straordinaria e pronto intervento» e si affidava, però, anche ad altre aziende per gli interventi. L'impianto riaprì, si legge ancora, "il 13 agosto 2016". Sono indagati il presidente e due dirigenti di Leitner, oltre al dipendente che ha «eseguito la testa fusa», dove la fune si aggancia al carrello della cabina e punto in cui potrebbe essersi verificata la rottura.

Nell'atto sono indicate anche le altre tre società a cui Lietner si affida per gli interventi: la Rvs srl (il rappresentante legale e un dipendente indagati in relazione alla «manutenzione delle centraline idrauliche»); la Sateco srl (il rappresentante legale e un dipendente indagati in relazione alle «prove magneto-induttive» sulla fune del novembre 2019); la Scf Monterosa (indagato il rappresentante legale) in relazione agli «interventi di manutenzione meccanica e controllo visivo delle teste fuse». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
negang 6 mesi fa su tio
In effetti me l'aspettavo. Studiando le immagini con un mio amico ingegnere erano sorti tanti dubbi. Primo fra tutti , oltre al fatto che chi gestiva l'impianto era il sollto imprenditore di paese che nulla o quasi sapeva della pericolosita' di sorvolare su certi dettagli, ci chiedevamo come mai nessuno della ditta di manutenzione era ancora stato messo sotto accusa. Forse perche' non e' stata breve la ricostruzione dei fatti ma notiamo come ora vi sia chi ha fatto la manutenzione alla fune l'ultima volta nel 2016 e che probabilmente non l'ha fatta a regola d'arte. Questo era il punto che non capivamo. Infatti la fune traente non sembra essere spezzata ma solo sfilata dalla testa fusa e non spezzata prima. Per eseguire la testa fusa serve seguire un particolare procedimento di piegatura dei singoli cavi di acciaio che la compongono e che forse nel 2016 non e' stato fatto. Oppure il tecnico non era preparato a dovere o tante altre ipotesi. Questo perche' e' vero che i 3 indagati iniziali hanno le loro colpe per non aver fermato l'impianto che dava segnali chiari di malfunzionamento ma non ci si spiegava come mai una fune si fosse staccata ( spezzata o sfilata ) se era fatta a regola d'arte. Il solo fatto che si era staccata dimostrava che non lo era e sicuramente c'erano altri responsabili. Puntualmente arrivati al pettine.
centauro 6 mesi fa su tio
@negang La testa fusa del cavo doveva essere sostituita nel novembre 2021 come scritto nell'articolo, una perizia dovrà scoprire cose è successo realmente.
Genchi 67 6 mesi fa su tio
Un paese bellissimo, ma purtroppo con queste realtà,mi farebbe piacere cosa funziona in Italia!Che peccato tanta brava gente ma offuscata da dei criminali
centauro 6 mesi fa su tio
@Genchi 67 Per una funivia caduta non si può colpevolizzare un intero paese, in italia ci sono più di 1700 impianti e questo è un singolo caso.
Tato50 6 mesi fa su tio
@centauro Si come il ponte Morandi e altri viadotti che controllavano con il cannocchiale ;-((
centauro 6 mesi fa su tio
@Tato50 Qui si parla di impianti di risalita poi per quanto riguarda tunnel, ponti e muri di sostegno è un altro tema di cui ce ne sarebbe da dire alla lunga in attesa che crolli qualcos'altro.
dan007 6 mesi fa su tio
Tutti in galera inadmissible giocare con la vita della gente non è la prima e ultima che cadrà recentemente anche in Svizzera un cavo si è rotto ma non c’era nessuno
centauro 6 mesi fa su tio
@dan007 Facciamo fare il corso alle indagini e perizie prima di sbattere in carcere potenziali innocenti.
Tato50 6 mesi fa su tio
@centauro Potenziali innocenti ? Sapevano il rischio che correvano e quindi sono dei potenziali assassini ;-(
centauro 6 mesi fa su tio
@Tato50 14 indagati sicuramente non tutti sono colpevoli, penso che saranno indagini molto difficili e intricate.
Tato50 6 mesi fa su tio
Mettano sotto accusa il GIP che li ha lasciati liberi, trasferita ad altre incombenze ( pulizia toilette? )
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
TAGIKISTAN
1 ora
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
8 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
13 ore
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
15 ore
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
19 ore
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
23 ore
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
1 gior
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
GERMANIA
1 gior
Diversi governi hanno sfruttato la pandemia per opprimere i diritti umani
«Molti leader hanno usato la pandemia di Covid-19 come pretesto per ridurre la supervisione e la responsabilità»
ITALIA
1 gior
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
GERMANIA
1 gior
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile