Keystone
Uno dei manifesti a favore della vaccinazione, in Romania.
EUROPA DELL'EST
01.07.21 - 22:300
Aggiornamento : 23:36

In pochi si vaccinano, e le dosi finiscono nel pattume

Le autorità di Romania e Bulgaria non riescono a convincere la popolazione a farsi vaccinare, e alcune dosi sono scadute

I Governi stanno ora pensando a cosa fare con le dosi in eccesso, se venderle o donarle

BUCAREST / SOFIA - Sebbene le dosi siano arrivate, le campagne di vaccinazione in Romania e Bulgaria stanno ristagnando, poiché molti cittadini non vogliono essere vaccinati. 

Lo riporta Bloomberg, che ha illustrato come, con il crollo della domanda, enormi scorte di vaccini rimangono inutilizzate, avvicinandosi sempre più alla fatidica data di scadenza. Sebbene i funzionari siano alla ricerca disperata di qualcuno da vaccinare, purtroppo non si sta riuscendo a somministrare tutte le dosi a disposizione.

Mercoledì, in Romania, 35'000 dosi di AstraZeneca sono scadute. I produttori stanno ora cercando di capire se la durata di conservazione possa essere estesa, se no dovranno essere distrutte. Un'opzione triste e inaccettabile vista la carenza di vaccini altrove, come in molti Paesi a basso reddito. La Bulgaria, invece, ha 20'000 dosi in scadenza a fine luglio, con la speranza di poterne usare molte come secondi dosi. 

Strategie e campagne
Per convincere la popolazione, le autorità hanno inizialmente puntato su ampie campagne pubblicitarie nelle città, ma senza un grande successo.

In Romania, il Governo sta ora provando a spostare la sua attenzione dalle città alle aree rurali nel tentativo di salvare la sua campagna, puntando sui medici locali che hanno stretti legami con le comunità, per aiutare a convincere la gente dei benefici della vaccinazione. Difficile pensare, però, che la strategia possa cambiare di molto le cose.

Nel frattempo, le prossime consegne stanno già arrivando: la Romania dovrebbe già ricevere altre 4,4 milioni di dosi nei prossimi due mesi.

Ritardare, donare, vendere
Per questo, entrambi i Paesi vorrebbero ritardare le consegne, per evitare un eccesso dell'offerta con una domanda stagnante. Ma ritardare non basta, e i due Stati stanno cercando altri modi per non sprecare i flaconi.

In Bulgaria, il Governo prevede di donare 150'000 dosi ai paesi vicini nei Balcani, ma non è un'opzione che piace a tutti: la lobby del turismo vorrebbe invece vengano vaccinati in modo gratuito i turisti stranieri che si recano nel Paese. «Poiché la Bulgaria e tutti noi abbiamo pagato per quelle dosi. Suggeriamo che siano usate per stimolare il turismo dei vaccini, invece di buttarle nel cestino», ha detto qualche giorno fa Polina Karastoyanova, direttore generale dell'Ente Nazionale del Turismo.

La Romania, intanto, ha accettato questa settimana di vendere quasi 1,2 milioni di dosi di Pfizer alla Danimarca. «Riceviamo richieste ogni giorno», ha detto il primo ministro Florin Citu. «Stiamo vendendo alla Danimarca e venderemo anche ad altri Paesi». 

Sfiducia e scetticismo
L'esitazione tra i cittadini dei due paesi deriva da una sfiducia di lunga data nelle autorità, ma anche dallo scetticismo nei confronti dei vaccini, in particolare dopo le discussioni sui problemi di sicurezza del preparato di AstraZeneca. In Romania, solo il 24% della popolazione è completamente vaccinata, in Bulgaria la cifra è addirittura la metà (12%).

Come ribadito oggi in conferenza stampa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, i bassi tassi di vaccinazione sono un fattore che rischia di compromettere gli sforzi dell'Unione europea di superare la pandemia.

Infatti, la variante Delta del virus sta già iniziando a imperversare, mentre le restrizioni sanitarie vengono allentate e la gente si imbarca nelle vacanze estive, un mix pericoloso, che potrebbe portare - come ha avvertito l'Oms - a una nuova ondata già ad agosto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 2 mesi fa su tio
Il denaro pagato invece no
Elisa_S 2 mesi fa su tio
Se dovessero essere eliminate è un crimine morale verso l'umanità. Ma scherziamo ? Che schifo
SteveC 2 mesi fa su tio
Vergognoso
Aargauer 2 mesi fa su tio
Poi…come i telefonini..una volta “scaduti”…mandiamoli in Africa! ..Chapeau alla solidarietà ..che schifo
Aargauer 2 mesi fa su tio
Con tante persone in altri Paesi che hanno difficoltà ad avere accesso ai vaccini…questo non va bene! Anche in Svizzera..quante dosi acquistate vengono buttate o rese inutilizzabili a causa della cancellazione di appuntamenti ecc.. C’est la décadence! Una vergogna
Elisa_S 2 mesi fa su tio
@Aargauer Dovrebbero fare un ultimatum Europeo di chiamata ai vaccini, chi si vuole vaccinare deve farlo entro fine luglio poi i vaccini (Svizzera compresa) saranno regalati a paesi sfavoriti. E se qualcuno dovesse cambiare idea a settembre, allora , potrà comunque fare il vaccino ma dovrà pagare per averlo (e non a prezzo di favore perchè saranno pochi a disposizione). Questa sarebbe una soluzione morale
USSColeDG67 2 mesi fa su tio
Ora speriamo che l’UE prenda provvedimenti e gli altri Paesi vietino l’accesso a chi non è vaccinato!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Egitto
1 ora
In progetto una ferrovia lunga 1'800 chilometri per attraversare il deserto
Firmato l'accordo per la costruzione della prima tratta con la multinazionale tedesca Siemens
STATI UNITI / CINA
3 ore
ll boom del traffico intercontinentale dei falsi certificati Covid
Le dogane Usa intercettano migliaia di pacchi provenienti dalla Cina
BELGIO
5 ore
Attentati di Bruxelles, Salah Abdeslam rinviato a giudizio
Sei dei 10 imputati sono alla sbarra anche per le stragi di Parigi del 2015
DANIMARCA
8 ore
Verso una nuova regolamentazione sulla caccia alle balene
Non sono mancate le risposte alle accuse sui social: «È solo che il nostro mattatoio è a cielo aperto»
RUSSIA
10 ore
I russi al voto, tra «censure», «scelte limitate» e «attacchi hacker»
Con l'esclusione dei maggiori oppositori, il partito di maggioranza - Russia Unita - punta a riconfermarsi
Stati Uniti
12 ore
In migliaia stipati sotto un ponte aspettano per attraversare il confine
Le condizioni igienico-sanitarie sono al limite, mancano acqua, cibo e una risposta concreta all'emergenza umanitaria
REP. DEMOCRATICA DEL CONGO
15 ore
Traumatizzati e dimenticati: sono gli orfani dell'Ebola
Molti faticano a ricostruirsi una vita a causa dello stigma sociale che circonda il morbo
CONFINE
22 ore
Nubifragio a Malpensa, aerei nel caos
Decine di persone intrappolate in auto. Lo scalo varesino è chiuso e i voli sono dirottati altrove
ITALIA
1 gior
Green Pass per i lavoratori, via libera all'unanimità
La misura entrerà in vigore a partire dal 15 ottobre
ITALIA
1 gior
Berlusconi respinge la visita psichiatrica: «Lesiva della mia onorabilità»
Il leader di Forza Italia respinge la richiesta dei giudici milanesi: «Si proceda in mia assenza»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile